Utente 191XXX
Buongiorno,
Desidererei ricevere un vostro consiglio per quanto riguarda mio padre che ha 78 anni ed ha subito un'asportazione della prostata nel 1999 a causa della presenza di un tumore. Non è stato sottoposto né a chemioterapia né a radioterapia in seguito non essendosi resa necessaria una terapia specifica poiché l'intervento è stato tempestivo ed ha prodotto un esito assolutamente positivo.
Nel corso di questi anni ha effettuati esami di controllo del sangue e del PSA ogni semestre e fino ad oggi il valore del PSA ha avuto un aumento non esponenziale fino ad arrivare a 0,66, poi è tornato a 0,62; gli ultimi esami effettuati hanno però evidenziato un aumento un po' più consistente, che vi riporto di seguito:
PSA 0,82
mcd 94,5
mch 32,4
Si sta delineando una situazione preoccupante? Cosa mi consigliate di fare?
Vi ringrazio tanto della disponibilità e Vi saluto cordialmente.

[#1] dopo  
Prof. Filippo Alongi

Referente scientifico Referente Scientifico
40% attività
4% attualità
16% socialità
NEGRAR (VR)

Rank MI+ 60
Iscritto dal 2007
Mancano i dati relativi alla data dell'intervento, all'esame istologico e quindi allo stadio di partenza del tumore(PSA PRE-operatorio, GLEASON SCORE, dimensioni e sede del tumore).

In ogni caso dopo un intervento di prostatectomia radicale il PSA deve esssere praticamente 0 ng/mL. Se supera il valore di 0,2ng/mL-0,4ng/mL ci troviamo davanti ad un verosimile caso di recidiva biochimica di malattia, caso in cui un trattamento locale, come la RT, o sistemico(con la terapia ormonale) potrebbero essere utili al controllo della situazione. Ma per capire questo, bisogna interpretare il recente andamento del PSA contestualizzandolo con i dati mancanti della storia clinica e dell'istologico. Ne parli con un radioterapista oncologo che, insieme al suo urologo, potra* valutare il percorso corretto da fare.

Su questo sito trova inoltre un mio articolo (MINFORMA) sulla radioterapia post-operatoria della prostata che le dara' ulteriori informazioni sul ruolo della radioterapia di salvataggio in questa fase di ripresa verosimile di malattia.
Prof. Filippo Alongi
Professore associato di Radioterapia
Direttore Radioterapia Oncologica, Ospedale S.Cuore Don Calabria di Negrar(Verona),

[#2] dopo  
Utente 191XXX

Grazie mille Dottore, è stato molto esaustivo...seguirò il Suo consiglio interpellado gli Specialisti da Lei citati e non mancherò di leggere il Suo articolo.
Grazie davvero per la disponibilità.
Buon lavoro