Utente 603XXX
Gentili dottori, vorrei avere un consiglio quanto riguarda i seguenti referti. Mio padre, 68 anni, fumatore dall'adoloescenza ha avuto due broncopolmoniti a circa 2 anni di distanza, l'ultima nell'aprile 2007. A scopo di screening ha eseguito una TAC spirale multistrato senza mdc nel febbraio 2008 che riportava:"Non si osservano alerazioni della densità del parenchima polmonare di natura flogistica in atto. Micronodulo calcifico è apprezzabile a livello del segmento anteriore del lobo polmonare superiore dx; micronodulo solido non calcifico di 2-3 mm è apprezzabile a livello del segmento apicale del lobo polmonare inferiore sn a ridosso della doccia costo-vertebrale: tale reperto non è caratterizzabile dete le piccolissime dimensioni. Piccoli linfonodi di diametro compreso tra pochi mm ed un cm sono apprezzabili a livello della loggia di Barety, della riflessione aorto-polmonare e della finestra aorto polmonare. Cavita pleuriche libere da versamento. Sureni regolari per dimensioni e morfologia".
Gli è stata consigliata quindi una nuova TAC senza mdc a distanza di 3 mesi, che riportava: "Non si apprezzano alterazioni pleuro parenchimali in atto. Non segni di versamenrto pleurico. Alcuni piccoli linfonodi si repertano in sede mediastinica (diametro massimo 13 mm a livello della finestra aorto polmonare). Piccola bozzatura si osseva in corrispondenza del profilo infero-laterale sn dell'arco aortico,su base aneurismatica (2,5 cm di diametro massimo). Eventuale angio TC dell'aorta toracica tra 12 mesi." Preciso che ha cronicamente tosse anche produttiva al mattino. Sono molto preoccupato per l'ingrandimento dei linfonodi a distanza di 3 mesi. Ed inoltre i 2 noduli presenti nella prima TAC possono essere spariti alla seconda? Che significato può avere? Cosa consigliereste di fare? Vi ringrazio immensamente.

[#1] dopo  
Utente 603XXX

errata corrige: la prima tac risale a novembre 2007, la seconda a febbraio 2008. grazie

[#2] dopo  
Dr. Alessandro D'Angelo

48% attività
4% attualità
16% socialità
TAORMINA (ME)
FURCI SICULO (ME)
GIARRE (CT)
GIARDINI-NAXOS (ME)

Rank MI+ 68
Iscritto dal 2007
Anche se nel torace la TC smdc ha una discreta risoluzione, le chiedo come mai ha eseguito gli esami smdc.
Nel dubbio, considerando i fattori di rischio (fumo), valuterei o di ripetere una TC (cerando soprattutto il secondo nodulo descritto) o in alternativa una PET (anche se quest'ultimo esame d'emblè mi sembra eccessivo, considerando il buon potere di risoluzione delle TC con sezioni sottili).
Cordiali Saluti
Dr. Alessandro D'Angelo
(email: dangelo@oncologiataormina.it)

[#3] dopo  
Utente 603XXX

grazie dottore della solerte risposta.la tac senza mdc è stata fatta solo come screening.pensa che ì linfonodi abbiano un significato patologico o possono essere infiammatori,non essendoci più ì noduli alla seconda tac?dopo quanto tempo consiglia di ripeterla?12 mesi è un tempo appropriato per stare tranquilli?la dose di radiazioni della tac spirale è pericolosa se fatta di frequente (così sostiene il medico di fam)?è opportuno rivolgersi a un centro oncologico?scusi la raffica di domande!e grazie ancora

[#4] dopo  
Dr. Alessandro D'Angelo

48% attività
4% attualità
16% socialità
TAORMINA (ME)
FURCI SICULO (ME)
GIARRE (CT)
GIARDINI-NAXOS (ME)

Rank MI+ 68
Iscritto dal 2007
La dose delle nuove TC, specie quelle spirali che abbassa i tempi di esposizione data la rapidità di esecuzione, è ininfluente.
Una nuova TC, con mdcontrasto dopo 4 mesi potrebbe essere una delle soluzioni, oltre la PET già citata.
Cordiali Saluti
Dr. Alessandro D'Angelo
(email: dangelo@oncologiataormina.it)

[#5] dopo  
Utente 603XXX

Grazie, dottore, della sua disponibilità.
Buon lavoro

[#6] dopo  
Prof. Filippo Alongi

Referente scientifico Referente Scientifico
40% attività
8% attualità
16% socialità
NEGRAR (VR)

Rank MI+ 64
Iscritto dal 2007
Concordo in pieno con il collega D'angelo, sottolineando che la PET con FDG, proprio in virtù della sua elevata sensibilità per i linfonodi mediastinici, soprattutto se dubbi alla TC, può aggiungere elementi importanti per dirimere il dubbio diagnostico. Oltretutto oggi le apparecchiature ibride di TC/PET, in un solo esame, possono conferire la totalità degli elementi diagnostici utili (morfologico e metabolico-funzionale) proprio in casi di sospette neoplasie o situazioni incerte.
Cordiali Saluti
Prof. Filippo Alongi
Professore associato di Radioterapia
Direttore Radioterapia Oncologica, Ospedale S.Cuore Don Calabria di Negrar(Verona),

[#7] dopo  
Utente 603XXX

Grazie ancora, dottori, delle vostre risposte. So che forse questa non è la sede più opportuna, ma i dubbi diagnostici posti quali potrebbero essere? Patologia tumorale pomonare, linfoma, o altro?
Di nuovo grazie!