Utente 871XXX
Gentili Dottori, non chiedo un consulto su terapie da effettuare per questa terribile malattia perché purtroppo la nostra battaglia l''abbiamo già persa, purtroppo mia mamma è mancata a settembre. aveva 57 anni. Però vorrei un vostro parere in merito a quanto sto per dirvi.
Mia mamma era caposala in ospedale lavorando per un periodo anche nel reparto di oncologia, quindi una del mestiere. In famiglia abbiamo avuto qualche caso di tumore ed in particolare una prozia morta di tumore all intestino relativamente giovane, ma siamo una famiglia abbastanza numerosa per cui immagino non era una cosa che doveva metterci particolare apprensione, ad ogni modo mia mamma, quando stava bene ed anche senza sintomi, faceva qualche controllo preventivo per il cancro, ad esempio mammografia, e addirittura SOLO 4 anni fa aveva fatto una colonscopia per prevenzione, risultato: intestino perfetto. A gennaio 2013 mia mamma aveva un forte mal di schiena, che si è scoperto poi essere stato causato da un ernia e dunque non aveva nulla a che fare con cose più gravi, aveva fatto in quell occasione degli esami del sangue risultati perfetti. Ad aprile 2013 in seguito a forti mal di pancia si è fatta visitare, ha fatto tutti gli accertamenti, ed è risultato che aveva un carcinoma neuroendocrino all intestino che aveva già causato anche "multiple metastasi epatiche". Ha fatto due cicli di una chemioterapia molto forte ma purtroppo la situazione è stata tutto un peggiorando e purtroppo a settembre è mancata. Aveva sempre goduto di ottima salute e poi è morta in un modo così improvviso. Io ho 24 anni, ho iniziato delle sedute da uno psicologo per cercare, per quanto possibile di aiutarmi un pó, però volevo sentire il parere di esperti oncologi: come valutate questa storia? Come cazzo è possibile (scusate il termine) che dal niente sopraggiunga una cosa così terribile, per giunta a distanza di soli 4 anni da una colonscopia dall esito perfetto, non si consiglia per prevenzione di fare una colonscopia ogni dieci di anni? Ritenete che mia mamma aveva fatto tutto il possibile a livello di esami preventivi per "tutelarsi" da questa malattia? Io vorrei sapere se devo pensare di avere avuto "solo" una sfortuna incredibile contro la quale neanche il migliore degli oncologi può fare nulla oppure se avremmo potuto/dovuto agire in maniera diversa. È allucinante quello che è successo!!! Mia mamma non beveva non fumava e aveva una dieta più che equilibrata.
Grazie per le risposte

[#1]  
Dr. Marco Bacosi

Referente scientifico Referente Scientifico
52% attività
20% attualità
20% socialità
POMEZIA (RM)
ROMA (RM)

Rank MI+ 92
Iscritto dal 2012
gentile amico, mi associo al suo dolore!
i tumori neuroendocrini restano, spesso, asintomatici per lungo tempo (con conseguente ritardo nella diagnosi). In altri casi, invece, i sintomi sono aspecifici e simili a quelli di altre patologie.
In linea generale, i sintomi dipendono dall'organo coinvolto e dall'eventuale tipo di sostanze biologicamente attive che il tumore produce.
Per i tumori neuroendocrini non esistono valide strategie preventive!
La diagnosi, d'altra parte, non è semplice!
Questo per dirle che non deve farsi un cruccio al pensiero di non aver fatto di tutto per sua madre.
Resto a sua disposizione!
Cordiali saluti!
MARCO BACOSI MD PhD
Spec. in Gastroenterologia ed Endoscopia Digestiva
Dott. di Ricerca in Fisiopatologia Chirurgica e Gastroenterologia

[#2] dopo  
Utente 871XXX

Grazie della risposta.
È vero, forse sbaglio a farmi mille domande ma le assicuro, mia mamma fino ad aprile stava benissimo, poi abbiamo scoperto questa malattia già in fase purtroppo avanzata e neanche la chemio benché molto forte ha fatto nulla.
Volevo chiederle ancora due cose:
Premesso che credo che mia mamma avesse già fatto molto a livello preventivo facendo 4 anni fa una colonscopia senza sintomi,infatti risultata perfetta, ho letto che a livello preventivo esiste la ricerca di sangue occulto nelle feci, pensa che se mia mamma lo avesse fatto nel periodo recente le cose sarebbero potute andare diversamente ?
Seconda e più importante domanda: come si fa ad evitare malattie del genere, lei come esperto pensa possa essere importante la prevenzione oppure è soprattutto una questione di fortuna e di sperare che "non venga proprio a me"? Nel senso, lei consiglia ai suoi pazienti sani molto esami preventivi oppure pensa sia una cosa troppo gravosa e che rischia di essere inutile? In sostanza, può ad esempio la moglie del miglior oncologo del mondo morire di cancro?
Grazie del suo tempo, spero che le mie domande non le sembrino "sciocche", d'altronde ho scoperto ora che una vita può essere distrutta in men che non si dica

[#3]  
Dr. Marco Bacosi

Referente scientifico Referente Scientifico
52% attività
20% attualità
20% socialità
POMEZIA (RM)
ROMA (RM)

Rank MI+ 92
Iscritto dal 2012
una delle mie migliori insegnanti in scuola di specializzazione (specialista gastroenterologo e radiologo) è mancata per un carcinoma pancreatico......
MARCO BACOSI MD PhD
Spec. in Gastroenterologia ed Endoscopia Digestiva
Dott. di Ricerca in Fisiopatologia Chirurgica e Gastroenterologia

[#4] dopo  
Utente 871XXX

Risposta eloquente.
Le chiedo in ultima cosa il suo pensiero sugli esami preventivi, in riferimento a mia mamma se la ricerca di sangue occulto nelle feci avrebbe potuto cambiare qualcosa; e in linea generale con che frequenza bisogna secondo lei controllarsi. A me a volte verrebbe da pensare che bisognerebbe controllarsi tutto il corpo con radiografie ecc una volta all anno visto queste cavolo di malattie asintomatiche, ma forse sto dicendo una sciocchezza mi spieghi lei.
Saluti

[#5]  
Dr. Marco Bacosi

Referente scientifico Referente Scientifico
52% attività
20% attualità
20% socialità
POMEZIA (RM)
ROMA (RM)

Rank MI+ 92
Iscritto dal 2012
sangue occulto e carcinoma neuroendocrino = nessuna prevenzione!
può anche pensare di fare tutti gli esami possibili una volta all'anno: vivrebbe da malato pur essendo sano!
se ne faccia una ragione, non si può prevenire tutto!
E chi le assicura di non venire a mancare per un incidente di qualsiasi genere?
MARCO BACOSI MD PhD
Spec. in Gastroenterologia ed Endoscopia Digestiva
Dott. di Ricerca in Fisiopatologia Chirurgica e Gastroenterologia

[#6] dopo  
Utente 871XXX

Forse è quanto volevo sentirmi dire, tendo a colpevolizzarmi a torturarmi con i se e con i ma. Però è allucinante quello che è successo è una realtà troppo dura da accettare e mai lo farò, avuta questa perdita enorme l ipotesi di malattie gravi o incidenti alla mia persona mi causa assai meno ansia di prima. Bisogna cercare di vivere al meglio il tempo che abbiamo a sperare di non aver mai bisogno di medici ma d'altronde questo lo sapevo anche prima che cazzo non doveva succedere tutto questo.
La saluto dottore.

[#7]  
Dr. Marco Bacosi

Referente scientifico Referente Scientifico
52% attività
20% attualità
20% socialità
POMEZIA (RM)
ROMA (RM)

Rank MI+ 92
Iscritto dal 2012
Un caro saluto a lei!
MARCO BACOSI MD PhD
Spec. in Gastroenterologia ed Endoscopia Digestiva
Dott. di Ricerca in Fisiopatologia Chirurgica e Gastroenterologia