Utente 127XXX
gentilissimi dottori, vorrei avere delle delucidazioni su un cancro diagniosticato in questi giorni a mio padre di 71 anni, e precisamente un "Adenocarcinoma moderatamente differenziato del colon infiltrante la parete fino nell'adipe retrocolio, Margini di resezione indeni. metastasi in 1 su 10 linfonodi regionali reperiti. milza indenne. Adenocarcinoma di tipo intestinale metastatico nel fegato è molto vicino ai margini di resezione. Grado II TNM 2002 PT3 PN1 PM1 . Vi ho riportato quanto descrtitto nell'esame istologico ritirato l'altro giorno. Siccome siamo in attesa di una visita presso un oncologo vorremmo intanto avere qualche informazione e.... anche se triste..... qualche sentenza. C'è da prendere in considerazione il fatto che è stato operato al cuore per l'impianto di una valvola meccanica circa 13 anni fa. Il chirurgo che ha eseguito l'intervento dopo aver asportato 20 cm di intestino la milza e 6 cm di fegato ci ha detto che date le sue condizioni generali gli verrà sicuramente sconsigliato un trattamento di chemioterapia. E' vero? grazie pre la vostra disponibilità e aspetto vostre notizie in merito.

[#1]  
Dr. Carlo Pastore

36% attività
4% attualità
16% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 56
Iscritto dal 2004
Cara Utente,

Sicuramente una neoplasia del colon con interessamento metastatico del fegato è una malattia molto molto seria, considerando anche lo sconfinamento locale e linfonodale della malattia. L'età non controindica un trattamento chemioterapico pure se va condotto con tutti gli accorgimenti e le cautele del caso. Anche la presenza di una valvola meccanica senza altre alterazioni cardiache (ad ex. coronaropatie etc..) non pone controindicazione assoluta ad un trattamento chemioterapico. E' una situazione che deve essere valutata nella sua globalità e deve essere presa in considerazione anche l'estensione del coinvolgimento epatico per vedere se è possibile eseguire anche un qualche trattamento locoregionale sul fegato. Una valutazione di tutti gli aspetti e delicata via internet non è comunque possibile. Se crede io lavoro presso il Policlinico Umberto I di Roma e può portarmi in visione la documentazione per un consiglio più mirato.

Molto cordialmente

Dr. Carlo Pastore
Dr. Carlo Pastore
https://www.ipertermiaitalia.it/

[#2]  
Dr. Salvo Catania

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
LECCO (LC)
MILANO (MI)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2005
Concordo pienamente con il dr. Pastore sulla necessità di una valutazione diretta della documentazione disponibile, allo scopo di programmare una eventuale
terapia medica e/o chirurgica delle metastasi epatiche,
che sino a poco tempo fa venicano considerate come una controindicazione al trattamento con finalità curative.
Auguri con i più cordiali saluti.
Salvo Catania
www.senosalvo.com
Salvo Catania, MD
Chirurgo oncologo-senologia chirurgica
www.senosalvo.com