Lesione menisco dopo due anni

Buongiorno dottori, ho 32 anni e due anni fa mi era stata diagnosticata una fissurazione al menisco con la seguente dicitura:
disomogeneità del segnale del corno posteriore del menisco mediale con rilievo di stria fissurativa a decorso obliquo.
modesto versamento articolare.

Ho eseguito una infiltrazione di acido ialuronico e per due anni il dolore era pressoche scomparso.

Da questo inverno però, il dolore è ritornato, che si dirama fino all'anca e sotto consiglio del medico ho ripetuto la risonanza, che recita:
RISONANZA MAGNETICA GINOCCHIO SX~
Esame eseguito con RM ad alto campo (1, 5 T) mediante sequenze pesate T1, T2 e
con soppressione del segnale del grasso, nei tre piani ortogonali
Falda di versamento articolare.

Megacorno posteriore del menisco mediale con fenomeni degenerativi, senza
lesioni instabili.

Menisco esterno nella norma
Nella norma il pivot centrale e le altre formazioni capsulo-legamentose.

Segnale osseo nella norma.

Normale aspetto del corpo di Hoffa.

Rotula in asse; area di condropatia di basso grado alla faccetta mediale della rotula.


Il medico mi dice che il menisco sta bene, c'è solo tessuto cicatriziale, eppure io ho sempre dolore e appena sforzo la gamba si irrigidisce.
come posso fare?
se non è il menisco, cosa provoca il versamento?

cordiali saluti
[#1]
Dr. Efisio Musu Ortopedico 1.1k 76
Il menisco che ha prodotto tessuto cicatriziale in sede della lesione diagnosticata due anni or sono è pur sempre un’alterazione dell’ articolarità del ginocchio. che provoca dolore in movimenti estremi.
Posso consigliarle fisiokinesi terapia attiva e passiva onde tenere alto il tono del quadricipite e praticare periodicamente infiltrazioni di acido ialuronico ad alto peso molecolare.
L'acido ialuronico agisce formando una sorta di ammortizzatore e lubrificante delle articolazioni e delle strutture che le costituiscono.
Cordiali saluti.

[#2]
Utente
Utente
Grazie Dottore,
ne approfitto allora per chiederle un'altra cosa: posso tornare a praticare la corsa? Io prima di iniziare a sentire dolore, due anni fa, correvo in modo amatoriale anche 10 km al giorno ed ho partecipato a mezze maratone. Vorrei riprendere perchè ne avevo gran beneficio, anche se ho timore poichè penso sia stata la causa di ripetuti microtraumi al menisco che ne hanno poi causato la lesione.
[#3]
Dr. Efisio Musu Ortopedico 1.1k 76
Ricordi che la corsa ha un notevole impatto dei piedi sul terreno che si scarica sulle articolazioni a monte.
Cominci in tono minore e cresca gradualmente.
Le consiglio l’uso di calzature o di plantari ammortizzanti.
Buona serata.

[#4]
Utente
Utente
ok, grazie ancora!
[#5]
Utente
Utente
Gentile dottore, le scrivo nuovamente per chiedere un ulteriore consiglio: ultimamente mi brucia l'anca a livello della testa del femore e all'interno della coscia (inguine). Ultimamente la notte faccio fatica a dormire sul lato dolente (sempre il sinistro, dove ho il problema al ginocchio).
Ieri il dolore è stato tale che mi sono risvegliata durante il sonno, e la mattina quando camminavo sentivo delle fitte crampiformi all'inguine. Oggi va meglio. Comunque in posizione supina e con le gambe a diamante (cioè con le piante dei piedi che si toccano) provo dolore, non riesco a mantenere la posizione, cosa che prima riuscivo a fare senza problemi ed anzi era un piacevole esercizio di allungamento degli adduttori.
Cosa mi consiglia? È sempre dipeso dal ginocchio?
La ringrazio nuovamente
[#6]
Dr. Efisio Musu Ortopedico 1.1k 76
Non vada a cercare posizioni particolari per saggiare il dolore.
Al momento il suo impegno dev'essere indirizzato a camminare, mobilizzare le articolazioni dell'arto inferiore rafforzare la muscolatura.

[#7]
Utente
Utente
Ha ragione, ho iniziato a fare esercizi e camminate, il problema è che non ne traggo mai beneficio. Anzi, direi che quando la gamba è ferma il dolore passa, col movimento si accentua. Sono scoraggiata, penso che non potrò mai riprendere la corsa
[#8]
Dr. Efisio Musu Ortopedico 1.1k 76
La nostra sta diventando una vera corrispondenza. Da un bel po’ ha superato il limiti del consulto
Ho veramente difficoltà a dirle qualcosa di nuovo.
Se mi permette un consiglio spassionato, mitighi la sua ansia e metta da parte la sua ipocondria.

[#9]
Utente
Utente
Certo. La ringrazio. Probabilmente è solo frutto della mia immaginazione