Utente
ho avuto un trauma distorsivo a caviglia sx 2 mesi fa scndendo da un gradone e poggiando in storta il peso,mi hanno fatto fasciatura semirigida e ho tenuto in scarico per 3 settimane .A oggi ho ancora dolore in torsione e dietro,piegando in avanti sul collo del piede con il peso .Mi hanno fatto solo lastre e non ci sono fratture.Poi per scrupolo mio 10 giorni fa ho fatto risonanza e e' risultato questo:"normali rapporti articolari,evidente edema alla spongiosa ossea del versante supero esterno della cupola stralgica.Analogo reperto e' apprezzabile in corrispondenza della porzione superiore dello scafoide tarsale.Coesiste discreto versamento in corrisp.dell'art.tibio-astralgica.Il legamento peroneo-astralgico anteriore non e' piu' riconoscibile in sede distale come per esito di lesione distrattiva completa. Non si apprezzano ulteriori alteraz.delle strutture legamentose sia nel comparto mediale che laterale della caviglia. Il seno del tarso e' libero senza segni di lesioni del legamento astragalo-calcaneare.No segni di processi tenosinovitici in atto. Cosa devo fare? Operarmi anche dopo 2 mesi? ora sto facendo della magnetoterapia e tavoletta propecettiva per la caviglia.Sono uno sportivo, ho 45 anni, faccio alpinismo, scii alpinismo e m.bike.Grazie

[#1]  
Dr. Roberto Leo

Referente scientifico Referente Scientifico
28% attività
4% attualità
16% socialità
MILANO (MI)

Rank MI+ 48
Iscritto dal 2008
Prenota una visita specialistica
Gnetile utente,
incominciamo con il dire che un intervento chirurgico iun una caviglia e' indicato solo nei casi di lesioni osteocondrali, che lei sembra non avere, e nei casi di relae instabilita' della caviglia.
Attraverso una visita clinica a distanza come la presente non si puo' valutare la stabilita' della caviglia pertanto non si possono esprimere giudizi sulla necessita' effettiva di un intervento.
Quello che appare indispensabile a questo puinto e' una visita clinica attraverso la quale valutare la sua cavilgia e nel contempo osservare le immagini della RMN al fine di proporle un ulteriore percorso riabilitativo che sia mirato a farla ritornare alle sue attivita'
Cordiali saluti.
Dr. Roberto LEO