Utente
buogiorno Spettabili dottori,il 29 gennaio sono stato sottoposto a intervento chirurgico ortopedico, ricostruzione del crociato anteriore con innesto del semitendine, il giorno dopo l'intervento ho iniziato il kinetec a 90°, dopo 7gg ero 110°, provavo dolore, ma il medico mi diceva che era normale, e che non dovevo interompere, appena finita la cura di farmaci post-operatoria mi è salita la temperatura, ed è comparso dolore, inoltre il ginocchio si è gonfiato, il medico mi fece riprendere cortisone e antibiodici, 7 giorni dopo finita la cura ricompare febbre, dolore e si accentua il gonfiore, il dottore aspira il liqudo, circa 9 siringhe piccole, ma 12 ore dopo il ginocchio era più gonfio di prima, e ho riiniziato con cortisone e antibiodici, 3gg fà ho smeso la cura, e la febbre è ricomparsa, il ginocchio nonostante sia continuamente alzato e con ghiaccio non tende minimamente a sgonfiarsi, e la sera la febbre supera 38, in tutto questo ho interrotto le terapie, e il kinetec.
sono 32gg, e non ho più la forza mentale oltre che fisica di lottare!
Cosa devo fare?
E' tutto normale? dato che vedo persone operate come me che camminano e non hanno dolori.
il ghiaccio lo metto 15 minuti ogni ora, è troppo? o troppo poco?
Ieri il dottore mi ha detto che devo fare esami del sangue, e scintigrafia, questo per vedere se ci sono infezioni, ma bisogna aspettare 15gg dal termine della cura farmacologica, perchè potrebbe nascondere l'infezione, intanto mi ha dato toradol, lucen, e tachipirina; ho paura che se è presente l'infezione possa complicarsi ancora di più dopo 15gg di attesa, devo aspettare 15gg???
inoltre mi ha detto che tra 20gg rientro in sala operatoria per inserire 2 tubicini nel ginocchio, per eliminare il liquido, e nel caso l'infezione, io sto male che non si ha idea, preciso che questo è l'intervento n°8, e non ho più forze!secondo voi l'unico modo per combattere l'ipotetica infezione e eliminare il liquido (al tatto molto duro) non ci sono altre soluzioni non invasive???
grazie mille.

[#1]  
Dr. Paolo Sailis

36% attività
16% attualità
16% socialità
CAGLIARI (CA)

Rank MI+ 68
Iscritto dal 2008
Gentile utente.

Credo che l'ipotesi di un'infezione sia abbastanza probabile e il drenaggio intrarticolare serve proprio per poter effettuare un lavaggio dell'articolazione e eliminare il versamento.
La pausa farmacologica e' necessaria per poter isolare il batterio ed eseguire una terapia farmacologica antibiotica mirata.
Tenga duro...
Un saluto.
Dr. Paolo Sailis
paolo.sailis@gmail.com

[#2] dopo  
Utente
Gentilissimo dottore, la ringrazio per la risposta, stamane sono andato dal dottore, ha aspirato del liquido per esaminarlo (cultura con antibiogramma) mi ha preannunciato che potrebbe trattarsi di infezione del ginocchio con lca coinvolto, mi ha sconvolto sapere che potrei perdere il lca e che dovrebbero ricostruirlo tra molto tempo, mi ha anche detto che il drenaggio dura 7gg.
Io intanto sto eseguendo analisi del sangue, ma toradol e tachipirina possono alterarli? possono alterare anche la cultura del siero prelevato dal ginocchio?
se non dovesse uscire infezione, lui mi consiglia lo stesso il drenaggio? anche a parer vostro è indispensabile nel caso non ci sia infezione?
Viceversa se l'infezione è presente la posso combattere solo con l'intervento?
Sà sono alquanto stanco delle sale operatorie, ci sono entrato per il lca dell'altro ginocchio, callo osseo al dito mignolo, ricostruzione cercine, e caps.legament. spalla dx, anche la sx sarebbe da operare, ma fino a quando tiene.
Le sue risposte mi chiariranno certamente le idee, che sono poche e ben confuse.
Grazie

[#3]  
Dr. Paolo Sailis

36% attività
16% attualità
16% socialità
CAGLIARI (CA)

Rank MI+ 68
Iscritto dal 2008
Stia tranquillo, gli antinfiammatori non hanno azione sui batteri, quindi un'eventuale infezione non sarebbe mascherata dalla loro assunzione.
Nel caso il prelievo dia esito negativo, questo non vuol dire che l'infezione non ci sia, quindi credo che comunque sia meglio mettere il drenaggio.
Dopo il drenaggio, i parametri di infiammazione (VES e PCR) dovrebbero normalizzarsi e questo significherebbe il debellamento dell'infezione.
La saluto.
Dr. Paolo Sailis
paolo.sailis@gmail.com

[#4] dopo  
Utente
ecco alcuni risultati:
VES 55
proteina c reattiva PCR 121,80
cosa significano???
Ho chiamato il medico, gli ho letto il ves, poi mi ha chiesto di chiamarlo tra 2 ore, ho scelto davvero bene?!
grazie per le spiegazioni

[#5]  
Dr. Paolo Sailis

36% attività
16% attualità
16% socialità
CAGLIARI (CA)

Rank MI+ 68
Iscritto dal 2008
Sono entrambe molto elevate, direi che sono il segno indiretto di una infezione in corso.
La saluto, mi tenga informato.
Dr. Paolo Sailis
paolo.sailis@gmail.com

[#6] dopo  
Utente
in attesa dell'antibiogramma 3gg circa, che rischi corro?
o meglio, l'infezione che danni potrebbe causare? dopo 40 giorni trascorsi?
Cosa mi consiglierebbe di fare una volta trovato il tipo di batterio?
Potrebbe essere davvero necessario rimuovere il lca?
Gentilmente potrebbe rispondere distintamente alle domande, capisco che sono tante, ma ho bisogno di un parere disinteressato e sincero.
lei è davvero gentile, mille grazie

[#7]  
Dr. Paolo Sailis

36% attività
16% attualità
16% socialità
CAGLIARI (CA)

Rank MI+ 68
Iscritto dal 2008
in attesa dell'antibiogramma 3gg circa, che rischi corro?

Nessun rischio particolare

o meglio, l'infezione che danni potrebbe causare? dopo 40 giorni trascorsi?

Ovviamente l'infezione a livello articolare puo' causare dei fenomeni di degenerazione a carico delle strutture presenti.


Cosa mi consiglierebbe di fare una volta trovato il tipo di batterio?

Una volta individuato il tipo di batterio si puo' instaurare una terapia antibiotica mirata su quel batterio.

Potrebbe essere davvero necessario rimuovere il lca?

Non e' automatico ma potrebbe essere necessario
Dr. Paolo Sailis
paolo.sailis@gmail.com

[#8] dopo  
Utente
domani avrò i risultati della coltura, spero di poter risolvere con antibiotico, ma sono trascorsi 40gg dall'intervento è sono spaventato! esistono esami per verificare se l'infezione ha attaccato il lca? il liquido nel ginocchio che non tende a diminuire, con la cura antibiotica e con il ghiaccio dovrebbe andar via?
Mille grazie

[#9]  
Dr. Paolo Sailis

36% attività
16% attualità
16% socialità
CAGLIARI (CA)

Rank MI+ 68
Iscritto dal 2008
E' molto difficile capire se l'infezione sia anche nel trapianto ma, se si dovesse accertare la presenza di un batterio in coltura, si dovrebbe pensare che anche il neolegamento ne e' coinvolto. Spero che l'esame colturale dia qualche informazione ulteriore.
Un saluto.
Dr. Paolo Sailis
paolo.sailis@gmail.com

[#10] dopo  
Utente
buongiorno, la coltura ha emesso la sentenza, molti batteri denominati stafilococco aureus, il medico mi ha dato 4 punture al giorno per 10gg, 2 di gentalin, 2 di targosid, tutte entramuscolo, sto al 3° giorno, e ho un sedere che mi sembra uno scolapasta.

Al mattino faccio 2 iniezioni a distanza di 30/45 minuti, e uguale la sera; 30/45 minuti bastano???o limitano gli effetti dei farmaci???

se l'infezione dovesse regredire, da cosa lo capirei?

quanti gg bisogna aspettare per capire se la terapia funziona?

incrocio le dita, e spero di risolvere

grazie mille

[#11]  
Dr. Paolo Sailis

36% attività
16% attualità
16% socialità
CAGLIARI (CA)

Rank MI+ 68
Iscritto dal 2008
Salve,

ho letto il risultato dell'antibiogramma.
La regressione dell'infezione si evidenzia dalla normalizzazione delle condizioni cliniche e dei parametri di laboratorio. (VES, P.C.R. e globuli bianchi).

Le incrocio anche io per lei.


Dr. Paolo Sailis
paolo.sailis@gmail.com

[#12] dopo  
Utente
Gentilissimo dottore,lo stafilococco aureus come si prende?
la ferita non ha prodotto pus, e non mi ha mai dato dolore, prima di entrare in sala operatoria godevo di buona salute, e gli esami pre-operatori non evidenziavano infezioni.

Come posso aver contratto l'infezione?
in sala operatoria?
ferri non sterili?
o cosa?
mille grazie