Utente
Gent.issimi
Sono un uomo di 55 anni (190 cm x 107 Kg) affetto ormai da tre mesi da un dolore che si irradia posteriormente dalla natica fini al polpaccio sinistro.
Ho provato di tutto dagli antiinfiammatori ai miorilassanti senza ottenere effetto.
Di notte riesco per ora a dormire ma è soprattutto nella posizione seduta che il dolore si accentua. FItto, con senzazione di bruciore, non esiste una posizione antalgica.
Il mio medico mi ha consigliato allora una RM alla colonna lombare ed ecco il risultato:
RM COLONNA LOMBO-SACRALE
Rachide lombare in asse con accenno a rettilineizzazione della lordosi.
Non evidenti focali alterazioni dell’intensità del segnale a provenienza del midollo osseo endospugnoso dei metameri esaminati.
Presenza di alterazioni spondilio-disco-artrosiche del tratto L2-S1 con fenomeni degenerativi a carico delle faccette articolari, più evidenti nel tratto L4-S1.
Al passaggioL2-L3: presenza di procidenza discale circonferenziale più evidente in sede mediana para-mediana sinistra con discreta impronta nei confronti del sacco durale; nei limiti i forami di coniugazione.
Al passaggio L3-L4: presenza di modesta procidenza discale circonferenziale con lieve impronta largo raggio nei confronti del sacco durale; nei limiti i forami di coniugazione.
Al passaggio L4-L5: presenza di piccola protrusione discale mediana con focale impronta mediana nei confronti del sacco durale.
Al passaggio L5-S1: presenza di procidenza discale più evidente in sede mediana e para-mediana sinistra ove presente iniziale interessamento foraminale.
Il cono è in sede, come di norma.
Regolare il diametro sagittale dello speco vertebrale.

Ora vi chiedo gentilmente come procedere.
Sono così messo male?
Necessaria visita ortopedica, neurochirurgica ?
Solo un intervento chirurgico potrà risolvere il problema o esistono altre soluzioni cruente e non?
Dovrò intanto evitare ogni movimento , sport compresi ?

Un 55enne molto abbattuto ...

Grazie

[#1]  
Attivo dal 2012 al 2018
Gent. Signore, La sua descrizione della storia clinica, dei sintomi e degli esami diagnostici depone, pur con l'assenza di un esame obiettivo (che deve essere portato direttamente sulla persona e non può essere descritto) per una patologia discale con conflitto disco-radicolare. Fin qui la verosimile diagnosi ipotetica, per quanto lo possa consentire il mezzo informatico. Per il resto, come da lei suggerito, le consiglio di consultare uno specialista che si occupi di chirurgia spinale (neurochirurgo od ortopedico), che la potrà consigliare per il meglio, semprechè la diagnosi sia confermata, riguardo alla terapia più opportuna. Cordiali saluti

[#2] dopo  
Utente
La ringrazio moltissimo.
Ho già prenotato una visita da un ortopedico che si interessa di colonna anche se purtroppo sarà in tempi lunghi.
Approfittando della sua disponibilità le chiedo se ad esempio l'ozono terapia ha qualche validità sentendo nel web e da amici positività ma anche tanti lati negativi.
La fisioterapia da sola può avere un senso nel migliorare il quadro patologico ?
L'intervento chirurgico mi dicono che può lasciare nel tempo 'aderenze' che peggiorerebbero la situazione,; quanto di vero?
Per quanto riguarda lo sport, dato che sono ancora un vecchio giocatore di calcio, ormai solo per passione, è meglio lasciare perdere del tutto?
Cordiali saluti