Utente
Salve, ho 25 anni e da quando avevo 14 anni ho l'alluce valgo ad entrambi i piedi. Ho deciso di operarmi perchè ormai il fastidio è diventato insopportabile, pertanto ho eseguito una radiografia di entrambi i piedi che ho sottoposto alla visione dello specialista. Quest'ultimo, oltre all'alluce valgo, mi ha diagnosticato anche il mignolo varo e mi ha fatto notare che il 2° e il 3° metatarso sono più lunghi rispetto al primo, per questo ho dolore e callosità, anche se minime, in corrispondenza delle teste metatarsali, nonchè una leggera cavità del piede.
Mi ha sconsigliato di intervenire sul mignolo perchè è una zona molto delicata, non è ben vascolarizzata e il post operatorio potrebbe crearmi dei problemi; mentre mi ha consigliato, oltre ovviamente alla correzione dell'alluce mediante osteotomia e filo di k., trattamento simile anche per le altre due dita.
Ma ho dei dubbi: il fatto che abbia il 2° e il 3° metatarso più lunghi rispetto al primo con conseguente metatarsalgia dipendono dall'alluce valgo o possono aver causato l'alluce valgo e il mignolo varo? Se non mi sottopongo all'intervento anche sulle altre dita c'è una maggiore possibilità di recidiva dell'alluce valgo?Per quanto riguarda il mignolo che attualmente non mi da grossi problemi (la zona non presenta callosità, ma solo un arrossamento, e mi da più o meno fastidio solo in base al modello di scarpe che indosso), mi sconsigliate di intervenire?
Grazie per l'attenzione
Cordiali saluti

[#1]  
Dr. Paolo Filippini

20% attività
0% attualità
16% socialità
FIRENZE (FI)
RAVENNA (RA)
MONTERIGGIONI (SI)
RICCIONE (RN)
BOLZANO (BZ)
CESENA (FC)
MILANO (MI)
ROMA (RM)
MORCIANO DI ROMAGNA (RN)

Rank MI+ 36
Iscritto dal 2008
Gentile Signora,
Le è stato proposto un intervento tipo Bosch per correggere l'alluce valgo e un intervento correttivo al 2^ e 3^ metatarso (o dito). Personalmente sono poco incline alla correzione dell'alluce con la tecnica indicata, soprattutto in una giovane donna. Soprattutto non ho capito cosa si intende correggere al 2^ e 3^ dito: un atteggiamento a martello o la metatarsalgia?
Se si vuole correggere una deformità del dito mettere il filo di K. alle due dita può avere un senso, per quanto, ancora una volta, non ritengo sia la migliore soluzione. Nel caso del trattamento della metatarsalgia assolutamente alcun mezzo di osteosintesi e tanto meno i fili di K.
La correzione adeguata dell'alluce valgo può in molti casi far regredire le problematiche del sovraccarico metatarsale centrale e del 5^ dito varo. Questo principio deve essere tenuto in gran conto soprattutto in soggetti giovani, a costo di intervenire in seconda battuta sui metatarsi esterni.
Ovviamente queste valutazioni sono generiche e forse non si applicano al Suo caso. Solo una valutazione radio-clinica attenta può indirizzare l'indicazione chirurgica.
Cordiali saluti
Dr. Paolo Filippini
http://www.chirurgoortopedico.it

[#2] dopo  
Utente
Grazie per la tempestiva risposta.
Data la mia età, quale tecnica mi consiglierebbe? Per quanto riguarda il 2° e 3° dito, l'ipotesi di intervento è sorta per un problema di metatarsalgia, in quanto dalla radiografia si nota che le teste metatarsali delle dita centrali sono più alte rispetto alla testa del 1° metatarso: l'intervento servirebbe a riallineare le teste metatarsali.
Visto che ho anche entrambi i piedi leggermente cavi, sarebbe utile, prima di intervenire, un esame baropodometrico?
Cordiali saluti

[#3]  
Dr. Paolo Filippini

20% attività
0% attualità
16% socialità
FIRENZE (FI)
RAVENNA (RA)
MONTERIGGIONI (SI)
RICCIONE (RN)
BOLZANO (BZ)
CESENA (FC)
MILANO (MI)
ROMA (RM)
MORCIANO DI ROMAGNA (RN)

Rank MI+ 36
Iscritto dal 2008
Se ha una metatarsalgia centrale le teste centrali sono più basse. Le confermo che mettere ferri al 2^ e 3^ dito e' una cattiva idea. Per la correzione dell'alluce il mio orientamento dipende dalla divergenza tra 1^ e 2^ metatarso, ciò valutabile con le rx. Per lo studio del cavismo utile l'esame baropodometrico.
Cordiali saluti
Dr. Paolo Filippini
http://www.chirurgoortopedico.it

[#4] dopo  
Utente
Scusi, mi sono spiegata male. Le teste metatarsali sono più basse, infatti carico maggiormente al centro piuttosto che sui lati, però i metatarsi sono più lunghi, quindi le teste metatarsali risultano molto più in avanti rispetto alla testa dell'alluce. L'intervento consigliatomi sarebbe stato di effettuare un osteotomia dei metatarsi per arretrare e alzare le teste metatarsali, con l'applicazione dei ferri provvisori.
Cosa mi consiglia di fare? Di rivolgermi ad un altro specialista?
Distinti saluti

[#5]  
Dr. Paolo Filippini

20% attività
0% attualità
16% socialità
FIRENZE (FI)
RAVENNA (RA)
MONTERIGGIONI (SI)
RICCIONE (RN)
BOLZANO (BZ)
CESENA (FC)
MILANO (MI)
ROMA (RM)
MORCIANO DI ROMAGNA (RN)

Rank MI+ 36
Iscritto dal 2008
Non condivido l'uso dei mezzi di sintesi nell'arretramento-riequilibrio metatarsale. Ormai è riconosciuta la netta superiorità del riequilibrio metatarsale centrale con osteotomia senza
fissazione. Il carico immediato su suola piatta rigida post-operatoria stabilizza e fa consolidare le teste metatarsali in perfetto equilibrio, mentre la fissazione chirurgica e' meno precisa e irrigidisce sovente le articolazioni metatarso-falangee.
Se nella correzione dell'alluce valgo può essere discutibile l'approccio mini invasivo percutaneo, ritengo che questa tecnica sia superiore nel trattamento delle metatarsalgie.
Dr. Paolo Filippini
http://www.chirurgoortopedico.it

[#6] dopo  
Utente
Grazie per i suoi chiarimenti. Affronterò l'argomento con il mio ortopedico e deciderò il da farsi.
Distinti saluti