Utente 247XXX
Nel 2013 mi è stata praticata una meniscectomia al ginocchio dx con perforazioni tibiali. Dopo un percorso di recupero funzionale, con l'ausilio delle stampelle per circa sette mesi e un ciclo di infiltrazioni, ho svolto in modo continuativo attività fisica prevantemente camminate e bicicletta. A tutt'oggi e quotidianamente effettuo camminate di otto km per circa una ora e mezza e saltuariamente pedalatte di circa una ora.
Da circa un hanno ho fastidio al ginocchio in corrispondenza della parte mediale con la sensazione alla palpazione di una formazione ossea e di una deviazione del ginocchio verso l'interno quasi a sembrare storto rispetto al suo asse e all'altro ginocchio sx.
Vorrei per quanto possibile e per quello che forse sono riuscito a spiegare, un consiglio e/o un suggerimento in merito alla situazione sopradescritta.
Grazie

[#1]  
Dr. Paolo Sailis

36% attività
8% attualità
16% socialità
CAGLIARI (CA)

Rank MI+ 60
Iscritto dal 2008
Gentile utente,

si è spiegato benissimo. La sua e’ la storia da manuale di ortopedia nella patologia meniscale. L’asportazione del menisco, pur necessaria in certi casi, altera la congruenza delle superfici articolari di femore e tibia, provocando una precoce comparsa della patologia artrosica.
Oltretutto, vista l’intensa attività alla quale lei ha sottoposto il ginocchio, l’artrosi ha accelerato il suo percorso. Quella protuberanza che lei sente al tatto e’ con tutta probabilità un osteofita, in parole povere, una mensola di tessuto osseo alla periferia dell’articolazione e la deviazione del ginocchio, detto varismo e’ tipica dell’artrosi di ginocchio.
Posso consigliarle di limitare le camminate, prediligere gli sport in scarico come il nuoto e il ciclismo e mantenere un peso corporeo non eccessivo.
Spero di esserle stato d’aiuto.
Buona serata.
Dr. Paolo Sailis
paolo.sailis@gmail.com

[#2] dopo  
Utente 247XXX

Grazie dottore gentilissimo. Vorrei aggiungere a proposito dei suoi suggerimenti una considerazione: mi era stato suggerito un intervento protesico che non ho voluto sostenere , mi chiedo se esistono altri trattamenti chirurgici e non per migliorare la mia condizione soprattuto per poter correre in quanto allo stato attuale riesco solo a camminare.
Grazie ancora