Utente
Salve, sono una ragazza di 28 anni, diabete tipo1 e quest'anno a Novembre ho ripreso a fare sport dopo diversi anni ferma.
Lo sport in questione è il tennis, gioco un'ora una o due volte a settimana, a volte dentro e a volte all'aperto.
Lo premetto perché credo che questo problema sia iniziato dopo una delle lezioni, anche se non sono sicura.


Da qualche settimana (ormai un mese o più) sento dolore all'inguine destro quando siedo a gambe incrociate o quando faccio determinati movimenti.
Negli ultimi giorni ho notato che a volte il dolore si estende giù per la gamba, ma non è sempre continuativo inguine-gamba.
Ad esempio ho provato a fare degli esercizi di stretching per gli adduttori e assumendo la posizione seduta a "farfalla" provavo dolore all'inguine e alla parte frontale del ginocchio, ma non nel tratto fra i due punti.
E' una sensazione come se stessi "tirando" troppo qualcosa.


Mi è difficile prenotare visite specialistiche data la situazione covid, perciò mi aiuterebbe molto avere un parere esperto e qualche consiglio per il momento.
Grazie mille

[#1]  
Dr. Daniele Tradati

28% attività
16% attualità
12% socialità
MILANO (MI)

Rank MI+ 56
Iscritto dal 2019
Prenota una visita specialistica
Buongiorno,

Il aisdo descritto sembra compatibile con una sindrome retto adduttoria (pubalgia), anche in valutazione dello sport da lei praticato come sopra esposto. Solitamente questa patologia impiega un po' di tempo a risolversi, qualche mese. Deve focalizzarsi sul riposo e su un intenso programma di stretching e ginnastica eccentrica degli adduttori (può trovare in internet tantissimi esercizi fai da te). Poi qualche Tecar o altre terapie strumentali potranno essere introdotte al termine dell'emergenza covid.


Le auguro una buona giornata

Cordiali saluti,
Dott Daniele Tradati
Regalami un minuto del tuo tempo come io ho fatto con te, valuta la qualità della riposta lasciando una recensione.Il modo migliore per dire grazie