Utente
Salve, ho 30 anni,sono allergico agli acari della polvere,soffro ormai da anni in quanto faccio fatica a respirare col naso.In passato risolvevo il problema utilizzando il vicsinex, che mi dava un po di sollievo ma in cambio un bel mal di testa.Infine ho solo peggiorato la situazione. Ormai esausto di una vita al limite del vivibile con problemi vari tipo;frequenti mal di testa, orecchie che mi fischiano(specie la sinistra) e russamenti vari la notte,quando riesco a dormire,decido di fare vari esami.Tenete conto che lavorando in un call center parlo continuamente 7 ore al giorno e sto riscontrando anche abbassamento di voce, catarro e infiammazione delle tonsille.
Elenco esami con risultati:
Esame prove allergiche:skin prick test positivo per gli acari della polvere con 3+ ;
Esame spirometrico: iniziale difetto ostruttivo delle piccole vie aeree ;
Esame citologia nasale: rinite allergica.
Esame tac cranio tc seni paranasali(senza contrasto): presenza , a carico del comparto cellulo-etmoidale, di modesta quantità di tessuto della densità delle parti molli di natura flogistico-polipoide. Piccola iperplasia mucosa del pavimento del seno frontale sinistro. Normoareate e normopneumatizzate le restanti cavità paranasali anteriori e posteriori. Ingombro bilaterale delle fosse nasali da ipertrofia dei turbinati con setto latero-deviato a sinistra.
Mi hanno dato da utilizzare lo spray nasale Nasonex e gli antistaminici Kestine…ma lo spray mi da solo un forte mal di testa e i secondi non mi hanno fatto nulla. Ora sono tornato in ospedale dopo un anno e mi hanno dato un’altra terapia come ultimo tentativo alternativo all’operazione ovvero : spray nasale Avamys e antistaminici Ceteris.Mi hanno detto che comunque secondo loro l’unica alternativa valida è operarmi con anestesia generale, ma ho visto che esiste pure un’operazione meno invasiva col laser..sono confuso.
Vorrei sapere se non sia il caso di operarmi e tagliare la testa al toro una volta per tutte.
Se devo operarmi, che tipo di operazione è consigliabile?Laser?Io sono della provincia di Lecce,c’è un centro adeguato per un eventuale operazione nella mia zona?
Aiutatemi, sono disperato.grazie.



[#1]  
Dr. Raffaello Brunori

Referente scientifico Referente Scientifico
32% attività
20% attualità
16% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 68
Iscritto dal 2008
Dovendomi basare solamente su quanto riportato e senza una valutazione clinica, credo che la cosa piu' giusta nel suo caso sia l'intervento chirurgico di settoplastica funzionale con decongestione dei turbinati. Sicuramente il laser non è la tecnica piu' idonea per correggere la deformità osteocartilaginea del setto. Semmai, per i turbinati sono piu' valide le radiofrequenze. Siccome sul referto della tac viene riportata la presenza di polipi, allora è assolutamente necessaria la loro rimozione attraverso una fess, ovvero uno svuotamento dei seni paranasali per via endonasale, in endoscopia. Entrambi gli interventi vengono effettuati nell'ambito della sressa seduta operatoria e vengono condotti in anestesia generale. Non ci sono altre soluzioni o tecniche. Si puo' rivolgere tranquillamente presso l'ospedale della sua città. Un cordiale saluto
Dr. Raffaello Brunori

[#2] dopo  
Utente
Salve a tutti, sono abbastanza "disperato" e vorrei dei consigli. Mi è stata diagnosticata "l'ipertrofia dei turbinati in allergopatico" (allergia agli acari della polvere) con deviazione del setto nasale sx. Spesso mi sveglio con forti mal di testa, ogni tanto ho difficoltà sia di concentrazione sia di memoria ma la cosa che più mi fa star male è che non respiro per niente bene, la notte non riesco a dormire come si dovrebbe, mi sveglio 7/8 volte, russo sempre e credo che abbia anche delle apnee notturne. Mi sono così deciso di fare una visita spostandomi in un centro (a 350 km di distanza) dove ho saputo che fosse praticata la riduzione dei turbinati con tecnologia laser. La visita ambulatoriale è durata 2 minuti circa con la seguente diagnosi: deviazione del setto nasale, ipertrofia dei turbinati inferiori (e i superiori?), faringo tonsillopatia catarrale cronica ipertrofica. Mi è stato consigliato di fare quindi 2 operazioni: una ICFS (che credo dovrebbe essere l'intervento old style) in regime di ricovero ordinario con anestesia generale e l'atra relativa alle tonsille. Quando ho chiesto se si poteva effettuare l'operazione col laser mi è stato risposto senza mezzi termini che l'operazione col laser sarebbe inutile anzi probabilmente peggiorerebbe la situazione respiratoria in quanto i turbinati potrebbero, dopo l'operzaione, cicatrizzarsi in modo errato in merito alla deviazione del setto. Da quanto mi è stato fatto capire quindi quando il setto è deviato il laser non serve. Mi hanno inoltre detto che devo aspettare minimo 8 mesi per essere operato e poi mi han dato una terapia: Isomilla spray nasale 1 per 3 al dì per 30 gg. e per aerosol 1 fl Mucomucil+25 gtt Fluminex volte al dì per 12 gg. Magari quel medico è il più bravo del pianeta ma mi chiedo: non bisogna studiare almeno un po' il caso?? si può dare in 2 minuti una diagnosi precisa?? Non si dovrebbero fare, come ho visto su alcuni siti, dei test tipo la rinomanometria o la polisonnografia etc.?? Non ce la faccio più, potete consigliarmi un centro affidabile (con tecnologia laser) dove so che vado e mi risolvono il problema una volta per tutte nel modo più appropriato in base al mio caso (magari con uno studio della mia situazione di almeno 5 minuti, visto che in quel centro dove sono stato c'è un'aria di sufficienza incredibile) e con tempi di attesa accettabili? Grazie infinite. Andrea

[#3]  
Dr. Raffaello Brunori

Referente scientifico Referente Scientifico
32% attività
20% attualità
16% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 68
Iscritto dal 2008
Tutto cio' che è emerso con l'ultima visita cui si è sottoposto era a noi già noto. Come già le ho detto, necessita di un intervento chirurgico per la correzione della deviazione del setto nasale e la decongestione dei turbinati. La tecnica laser, in questo caso, non è idonea e risolutiva. Condivido ,pertanto, cio' che le è stato prescritto dal Collega. Per i tempi di attesa, purtroppo sono in linea con quelli nazionali. Non occorrono ulteriori accertamenti diagnostici. Buona giornata
Dr. Raffaello Brunori