Utente
egregi dottori,

mercoledi ho tolto un dente del giudizio superiore che la rx panoramica ha definito profondamente incluso.

Poichè il mio dentista dopo avermelo tolto, non mi ha dato la certezza di non aver aperto il seno mascellare, anzi mi ha detto di stare attento a starnutire a soffiare il naso vorei chiedervi 2 cose.

la prima è: che sintomi dà un eventuale comunicazione oro-antrale, e dopo quanto tempo darebbe sintomi,

e qual è l'esame migliore per definire l'integrità dei seni paranasali? la TAC dei seni paranasali è la migliore?


ultima cosa, ho un orecchio che comincia ad avere un pò di cerume dentro e vorrei fare il lavaggio. posso farlo oppure per un gioco pressorio è meglio che non lo faccio ora che ho tolto il dente del giudizio superiore?


grazie per la disponibilità

[#1]  
Dr. Edoardo Bernkopf

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
20% attualità
20% socialità
PARMA (PR)
VICENZA (VI)
ROMA (RM)

Rank MI+ 88
Iscritto dal 2008
Gentile Paziente, l'apertura del seno in un'estrazione di dente le cui radici "entrano" nel seno non é un errore del dentista, ma una evidente conseguenza legata ad una anatomia sfavorevole. L'importante é che il dentista risolva il problema, dopo l'estrazione, con una adeguata sutura. il consiglio di non soffiarsi il naso é volto ad evitare che, in questo caso, l'aria a forte pressione "sfondi" la chiusura che il dentista ha predisposto con la sutura, prima che la guarigione sia completa .
Di certo , in sede di controllo e di rimozione dei punti di sutura il dentista controllerà che tutto sia a posto.
Il modo più semplice per verificare l'esistenza di una comunicazione oro-antrale è quella di soffiare dal naso a narici chiuse e sentire se l'aria esce in bocca: non lo faccia prima di una ventina di giorni.
Per il cerume non ci sono problemi: é la prima volta o il tappo le si forma spesso?
Cordiali saluti.

Dr. Edoardo Bernkopf-Roma-Vicenza-Parma
Spec. in Odontoiatria, Gnatologo- Ortodontista
www.studiober.com edber@studiober.com

[#2] dopo  
Utente
grazie dottore. il tappo di cerume mi si forma circa 2 volte all'anno e lo tolgo tramite lavaggi con siringa e acqua tiepida.

Da quello che ha detto il dentista vedendo l'rx panramica prima dell'intervento ha detto che il mio dente era profondamente incluso, ma le radici non entravano nel seno mascellare.


ma dunque con la TAC ai seni paranasali non si può vedere se ho o no i seni integri?

entro quanto tempo, se c'è comunicazione oro-antrale dovrei sviluppare sintomi e quali sono questi sintomi?


grazie ancora dottore

[#3]  
Dr. Edoardo Bernkopf

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
20% attualità
20% socialità
PARMA (PR)
VICENZA (VI)
ROMA (RM)

Rank MI+ 88
Iscritto dal 2008
Se dopo una ventina di giorni , soffiando dal naso a narici chiuse, non esce aria nella bocca, vada in ferie, spenda in buona compagnia i soldi risparmiati della TAC, e non ci pensi più.
Buone vacanze
Dr. Edoardo Bernkopf-Roma-Vicenza-Parma
Spec. in Odontoiatria, Gnatologo- Ortodontista
www.studiober.com edber@studiober.com

[#4] dopo  
Utente
certo dottore, questo è vero, ma se nella malaugurata delle ipotesi sento l'aria in bocca alla vigilia della partenza all'estero che faccio?

sarò ansioso, ma se cn la tac vedo tutto subito, preferisco farla così sicuro faccio una vacanza tranquilla :)


comunque grazie per il consulto dottore!

[#5]  
Dr. Edoardo Bernkopf

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
20% attualità
20% socialità
PARMA (PR)
VICENZA (VI)
ROMA (RM)

Rank MI+ 88
Iscritto dal 2008
Le potrà sembrare logico, ma non ha senso: non é nemmeno detto che la tac possa individuare un forellino, comunque "tappato" da uno strato di tessuto molle.
Oltretutto il dentista dovrà rimuovere i punti, e potrà controllare la situazione.
Dr. Edoardo Bernkopf-Roma-Vicenza-Parma
Spec. in Odontoiatria, Gnatologo- Ortodontista
www.studiober.com edber@studiober.com

[#6] dopo  
Utente
ah capisco, quindi la tac non è sicura al 100%. mercoledi tolgo i punti e vediamo cos dirà il dentista a proposito della ferita.


ma se non ho sinusiti subito diffiicle che mi vengano dopo vero dottore?

[#7]  
Dr. Edoardo Bernkopf

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
20% attualità
20% socialità
PARMA (PR)
VICENZA (VI)
ROMA (RM)

Rank MI+ 88
Iscritto dal 2008
Se il dentista vedrà che tutto é OK questo problema é chiuso, come la comunicazione oro-antrale, che probabilmente non c'é mai stata.
Buone vacanze.
Dr. Edoardo Bernkopf-Roma-Vicenza-Parma
Spec. in Odontoiatria, Gnatologo- Ortodontista
www.studiober.com edber@studiober.com

[#8] dopo  
Utente
grazie è dottore, la ringrazio molto di aermi tranquillizzato!!!

buone vacanze a lei!!

[#9]  
Dr. Edoardo Bernkopf

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
20% attualità
20% socialità
PARMA (PR)
VICENZA (VI)
ROMA (RM)

Rank MI+ 88
Iscritto dal 2008
Un pensiero sul tappo di cerume. La secrezione di cerume e' fisiologicamente stimolata dal “massaggio” che, durante i movimenti masticatori, il condilo mandibolare opera sul condotto uditivo esterno (come anche sulle tube), e che si puo' apprezzare facilmente introducendo i mignoli nei nostri stessi condotti e muovendo la mandibola.
Va da se' che, se questo massaggio e' eccessivo, anche la stimolazione puo'
essere eccessiva, fino a facilitare la frequente formazione di tappi di cerume. La secrezione ceruminosa è una forma di difesa: se è eccessiva puo'
essere che l'orecchio percepisca la necessita' di difendersi da qualcosa di
anomalo: a lato della peroccupazione sul da farsi nella fase acuta, a mio parere bisogna cercare cosa irrita cronicamente l'orecchio.

Il problema maggiore è quindi quello di capire il perche'
dell'ipersecrezione, e per quel che mi riguarda, se si tratta, di una prima avvisaglia, del tutto benigna, ma che puo' essere significativa, di retrusione condilare, che è una frequentissima causa misconosciuta di patologia pediatrica e otorinolaringoiatrica.

Il traumatismo cronico da parte di un condilo retruso e la sua azione perversa sulla dinamica tubarica e del meato acustico esterno possono costituire il presupposto strutturale sia di un’eccessiva secrezione ceruminosa (che patologia non e' ancora, ma può esserne segno di allarme), sia di una superinfezione di un orecchio strutturalmente predisposto.

Spesso in seconda battuta c’entrano anche le dita e i cotton fiock. La gente sente il bisogno di usarli (e l’industria la segue volentieri) perché si trova le orecchie “sporche” e perche' cerca sollievo dal prurito: non trovando altra soluzione, finisce per aggravare il problema, come in tutte le lesioni da grattamento, non solo auricolare.
Per tutto ciò, se il problema diventa qualcosa di più di una banalità, può essere utule consultare anche un dentista gnatologo esperto in problemi dell’Articolazione Temporo Mandibolare.
Cordiali saluti ed auguri
Dr. Edoardo Bernkopf-Roma-Vicenza-Parma
Spec. in Odontoiatria, Gnatologo- Ortodontista
www.studiober.com edber@studiober.com

[#10] dopo  
Utente
grazie dottore per l'interessamento. Non so bene se il mio è un problema vero e proprio, io sento prurito nel condotto uditivo, causato probabilmente dalla dermatite seborroica che ho anche in viso, e poi grattandomi con il mignolo o a volte con il cotton fiock, il tappo di cerume va dentro e sento ovattato. diversi otorini mi hanno visitato e nn hanno riscontrato nessun problema....devo fare altre indagini?