Utente
Salve,
Sono un ragazzo di 25, da un po' anni ho avuto problemi di sensazione di naso non del tutto libero e cattarro gialloverdastro la mattina che riuscivo ad espellere solo dalla bocca ma non ho mai fatto nessun cura a riguardo. In seguito a un raffreddore, ho avuto un'otite curata con antibiotico claritromicina ratiopharm 500mg e aerosol con 10 cc di soluzione fisiologica e prontinal. Il dottore mi ha consigliato una TAC massiccio facciale eseguita con questo referto:
Ispessimento mucoso delle celle etmoidali, specie a destra, in sede antero-inferiorem con estensione omolaterale alla cavità nasale. Scoliosi sinistro-convessa del setto nasale con ipoplasia del cornetto medio di sinistra. Ispessimento mucosale del cornetto medio di destra e dei cornetti inferiori. Ispessimento mucosale parietale dei seni mascllari, con obliterazione a destra della regione infundibolare. Seni frontali e senoidali con regolare morfologia e pneumatizzazione.

Vorrei sapere una sintesi di cosa voglia dire e se basti continuare la mia attuale cura oppure meglio interromperla ed andare da un otorino direttamente.
Ringrazio in anticipo per la vostra gentilezza,
Cordiali saluti

[#1]  
Dr. Raffaello Brunori

Referente scientifico Referente Scientifico
32% attività
20% attualità
16% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 68
Iscritto dal 2008
Dalla tac cui ti sei sottoposto, risulta una deviazione del setto nasale con ipertrofia dei turbinati, oltre un processo infiammatorio a carico di piu' seni paranasali. Ti consiglio, pertanto, di sottoporti ad una visita specialistica otorinolaringoiatrica con fibroscopia nasale: importante, in questi casi, è l'esame clinico da parte delloSspecialista e la lettura delle immagini della tac. In questo modo, si potrà approntare una terapia farmacologica o chirurgica per la risoluzione della patologia. Un cordiale saluto
Dr. Raffaello Brunori

[#2] dopo  
Utente
Carissimo Dr Brunori,
La ringrazio per la risposta, provvederò subito dopo le feste di fare una visita specialistica come da lei consigliato, purtroppo l'attuale cura farmacologica non da frutti.

Cordiali saluti

[#3]  
Dr. Raffaello Brunori

Referente scientifico Referente Scientifico
32% attività
20% attualità
16% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 68
Iscritto dal 2008
Mi farò piacere avere tue notizie dopo la visita. Un augurio di un buon anno nuovo
Dr. Raffaello Brunori

[#4] dopo  
Utente
Gentilissimo Dr. Brunori,
Ho fatto la visita da lei consigliata dall'otorino, il quale mi ha dato una cura a base di nasonex 1 spruzzo per narice 2 volte al giorno per 7 giorni e kestine 10 mg 2 volte al giorno per 10 giorni. Dopo circa una settimana non noto cambiamenti inoltre il catarro circa 3 giorni fa la mattina era rosso/nero poi non si è più verificato.
L'otorino consigliava una turbinectomia in caso la cura non funzionasse, le chiedo notizie a riguardo poichè sono abbastanza dubbioso e preoccupato da un intervento di chirurgia. Quali potrebbero essere gli effettti collaterali e rischi dell'intervento?
Al momento ho solo un accumulo di catarro la mattina al risveglio e una sensazione di naso non totalmente libero durante la giornata che non mi da nessun fastidio nella respirazione. La ringrazio anticipamente per la disponibilità.

Cordiali saluti

[#5]  
Dr. Raffaello Brunori

Referente scientifico Referente Scientifico
32% attività
20% attualità
16% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 68
Iscritto dal 2008
Dovendomi basare sempre sulla tac che hai fatto, o meglio sul referto dell'esame, intervenire solo sui turbinati non serve a niente, visto che è presente una deviazione del setto nasale. Nell'eventualità si dovesse decidere per un intervento chirurgico, occorre necessariamente correggere la deviazione e decongestionare i turbinati. Se non associ alla cura prescritta un mucolitico, penso che la patologia non si risolva presto. Purtroppo, a distanza, non sono in grado di aiutarti piu' di tanto. Buona serata
Dr. Raffaello Brunori

[#6] dopo  
Utente
Gent.ssimo Dr. Brunori, secondo l'otorino la deviazione del setto nasale è minima e non darebbe nessun problema. Mi sono informate sulle varie tecniche di intervento chirurgico sui turbinanti, quale tipo lei consiglierebbe? laser, radiofrequenze o chirurgia tradizionale?

[#7]  
Dr. Raffaello Brunori

Referente scientifico Referente Scientifico
32% attività
20% attualità
16% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 68
Iscritto dal 2008
Sicuramente la radiofrequenza . Poi, dipende dal volume dei turbinati: spesso occorre intervenire con il taglio delle code dei turbinati. Comunque, prima di pensare a questo intervento, consiglio una rinomanometria con test di decongestione dei turbinati per una valutazione dell'effettiva respirazione nasale. Buona serata
Dr. Raffaello Brunori