Utente
Salve,
vorrei avere delle informazioni circa la mia situazione da un paio di giorni.
Un anno fa ho sibìto una tonsillectomia in quando soffrivo di tonsilliti e ascessi peritonsillari.
Proprio da 2 dalla parte dx ho un dolore lancinante che si irradia anche all'orecchio e ai linfonodi, che, dallo stesso lato, sono tutti ingrossati. Inoltre l'ugola risulta spostata verso il lato sinistro e la voce risulta dieversa. Insomma...proprio i sintomi di un ascesso peritonsillare!
Sto prendendo Amoxicillina da un paio di giorni ma sembra non faccia effetto. E' possibile che si sia formato nuovamente un ascesso anche dopo aver subìto una tonsillectomia?Inoltre volevo puntualizzare che sono risultata positiva alla mononucleosi, per cui non è neppure quella.


Spero possiate darmi una risposta il prima possibile.

Cordiali saluti.

[#1]  
Dr. Raffaello Brunori

Referente scientifico Referente Scientifico
32% attività
20% attualità
16% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 68
Iscritto dal 2008
Non penso proprio che si tratti di un ascesso, almeno che non siano presenti dei monconi tonsillari. Oltre l'antibiotico, è necessario utilizzare il cortisone. Senta, a riguardo, il suo Medico di Famiglia. Un cordiale saluto
Dr. Raffaello Brunori

[#2] dopo  
Utente
La ringrazio per la disponibilità.
Sabato mattina mi farò nuovamente controllare dal mio otorino e nel caso, lei non crede sia necessaria una TAC per indagare sulla presenza di questo forte dolore? Nel caso sia presente un moncone tonsillare, come si verifica la sua presenza?

Cordiali saluti.

[#3]  
Dr. Raffaello Brunori

Referente scientifico Referente Scientifico
32% attività
20% attualità
16% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 68
Iscritto dal 2008
Non serve la tac. Se è presente un moncone tonsillare, lo si vede con l'esame clinico. Buona serata
Dr. Raffaello Brunori

[#4] dopo  
Utente
Va bene. La ringrazio.

Cordiali saluti.

[#5] dopo  
Utente
Gentile Dottore,
sono stata dall'otorino per farmi visitare. Mi ha diagnosticato un presunto ascesso nella zona del palato. Non c'è alcun residuo tonsillare.
Ha detto che devo fare una tac al collo in quanto non è proprio certo che sia un ascesso in quanto alla palpazione, la zona, è dura. Il mio medico ha detto che potrebbe essere una cisti, un fibroma, un residuo di tessuto cicatriziale o addirittura un punto che non si è assorbito e sta dando problemi. Sono molto preoccupata perché non vorrei fosse qualcosa di brutto.
Ho proseguito con la terapia antibiotica e al momento non ho dolori alla deglutizione anche se il dolore è comunque presente, soprattutto alla palpazione e si irradia all'orecchio.
Conosce dei casi simili post- tonsillectomia?

La ringrazio anticipatamente.
Cordiali saluti.

[#6]  
Dr. Raffaello Brunori

Referente scientifico Referente Scientifico
32% attività
20% attualità
16% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 68
Iscritto dal 2008
Personalmente, non ho mai avuto questi riscontri dopo un intervento di tonsillectomia. Comunque, facciamo questa tac che è stata prescritta e mi faccia sapere la risposta. A presto
Dr. Raffaello Brunori

[#7] dopo  
Utente
Salve,
a distanza di tempo i sintomi si sono ripresentati.
Il medico che mi ha seguito mi ha prescritto alla fine una risonanza con e senza liquido di contrasto.
L'otorino poi ha riguardato bene le risonanze e ha notato che si è formata questa sorta di aderenza a livello(probabilmente)della carotide e posta proprio in corrispondenza del posto in cui il mio otorino, quando mi ha ricoverata, tentava il drenaggio.
Ad oggi ho avuto una ricaduta in cui devo obbligatoriamente prendere Amoxicillina per far cessare il dolore che non passa assolutamente con antinfiammatori.
Questa zona è posta proprio nella zona del palato molle per cui non si sa se sia operabile.
Mi sa consigliare, per caso un centro in cui siano anche specializzati in questi "orrori" medici?
Mi chiedo come possa essere possibile un danno del genere e se abbia mai avuto un caso simile.


La ringrazio

Cordiali saluti.

[#8]  
Dr. Raffaello Brunori

Referente scientifico Referente Scientifico
32% attività
20% attualità
16% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 68
Iscritto dal 2008
Onestamente, non mi è mai capitato di vedere un esito tale di intervento. Concordo con la sua decisione di chiedere un Consulto, magari rivolgendosi ad un Ambulatorio otorinolaringoiatrico di un altro Ospedale. Non ci sono centri Specializzati per tale tipo di problema. Si tratta solo di un parere di un altro Specialista per decidere il da farsi.
Dr. Raffaello Brunori

[#9] dopo  
Utente
Va bene. Per sicurezza, magari mi sa dare una risposta anche vaga, le allego il risultato della RM del collo e maxillo-facciale con MDC.
Raccordo clinico-anamnestico:sospetta formazione palato.
Maxillo-facciale: in esiti di riferito pregresso intervento di tonsillectomia, si evidenzia in corrispondenza della regione tonsillo-palatina dx, al davanti del muscolo elevatore del velo palatino e del muscolo pterigoideo interno, area ovalariforme, a limiti netti,delle dimensione di 1.2x0.6x1cm circa a segnale ipotenso in tutte le sequanzze, delimitata da cercine a segnale nettamente più ipotenso;la suddetta area mostra dopo somministrazione di mdc tenue impregnazione contrastografica nelle fasi più precosi, con wash out nelle fasi più tardive. Non alterazioni di segnali pre e postcontrastografiche delle restanti strutture in esame. Collo: tiroide in sede, nei limiti morfovolumetrici senza alterazioni di segnale nel contesto. Alcune formazioni linfonodali in sede sottomandibolare dx, la maggiore delle quali mostra diametro max 1,2cm circa. Dopo somministrazione e.v Mdc paramagnetico(Gadoteridolo):non si documentano aree di impregnazione focale in corrispondenza delle strutture del collo. Prima ipotesi: materiale residuo.


Dice che ci potrebbe essere qualcosa che non va?

La ringrazio in anticipo
Cordialità

[#10]  
Dr. Raffaello Brunori

Referente scientifico Referente Scientifico
32% attività
20% attualità
16% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 68
Iscritto dal 2008
Anche il referto radiologico suppone un moncone, ovvero un residuo tonsillare.
Buona giornata
Dr. Raffaello Brunori