Sinusite ... ci risiamo

Buongiorno,
ho 35 anni e soffro da + di 10 di Sinusite Mascellare dx.
In questi giorni ho avuto una ricadute e da 2 gg prento ketek 2 compresse la sera.
Dopo il primo giorno che la situazione sembrava migliorare ho avuto un riacutizzarsi dei sintomi: Naso completamente chiuso, mal di testa e mal di gola.
Il medico curante mi ha detto di non disperare e che probabilmente l'antibiotico stava sciogliendo le secrezioni e di conseguenza riavverto queste senzazioni.
Ora io mi chiedo, e' possibile che non esista nessuna terapia ambulatoriale che permetta di svuotare meccanicamente le fosse nasali, senza dover ricorrere 3/4 volte all'anno all'utilizzo di antibiotici ???
Io ho fatto vari esami da diversi otorini nella speranza di un intervento che risolvesse il mio problema, ma tutti mi hanno sconsigliato di intervenire dicendo che la mia deviazione era lieve e, da accertamenti, rilevando che ho soltanto il seno mascellare dx facile ad olccludersi.
Sono disperato.


Grazie per l'attenzione,

Luigi
[#1]
Dr. Morando Morandi Otorinolaringoiatra, Foniatra 372 7
Le consiglio di eseguire una TAC (senza mezzo di contrasto) del massiccio facciale. Con questa indagine potrà avere indicazioni più precise in merito ad un eventuale intervento

dott. M. Morandi

[#2]
Attivo dal 2005 al 2015
Otorinolaringoiatra
Gentile utente,
se i sintomi sinusitici si ripetono con frequenza, è assai probabile che vi siano dei motivi per i quali questi si ripetono. Non è sufficiente affermare che "non è consigliabile intervenire perchè la deviazione del setto è lieve", anche perchè la deviazione del setto è solo una delle molteplici cause di stenosi nasale. Nel sul caso è assolutamente necessario uno studio tramite TC diretta del massiccio faciale perchè solo tramite ciò è possibile capire bene (ovviamente dopo un'accurata visita ORL con ausilio di fibroscopio) quale sia la reale situazione.

Un saluto, Dr. Rolando Baroncelli
[#3]
Dr. Giuseppe Garo Otorinolaringoiatra, Foniatra 140 2
Gentile Lettore, una verosimile causa del suo problema può essere un blocco funzionale di una zona anatomo-funzionale denominata "complesso ostio-meatale, la cui ostruzione determina la mancata ventilazione del seno mascellare, con ostruzione del suo ostio naturale. Una diagnosi corretta prevede una video-fibro-endoscopia, e quindi una TAC del massiccio facciale in proiezioni assiale e coronale, previa esecuzione di un ciclo di antibiotico + cortisone, almeno 1 settimana prima dell'esame: in caso di conferma, si esegue l'intervento di "antrostomia media endoscopica", secondo la tecnica di "Stammberger", ripresa e sviluppata in Italia dal Prof. Castelnuovo e la sua scuola (F.E.S.S.= Functional Endoscopic Sinus Surgery). A Milano ci sono diversi Ospedali dove viene eseguita ad altissimo livello, gliene cito un paio: all'Ospedale San Giuseppe, in via San Vittore - Equipe del Dott. Dragonetti, e all'Istituto Clinico Humanitas, a Rozzano - Equipe del Dott. Poletti.
Ha l'imbarazzo della scelta, mi dia retta: si rivolga a specialisti...e che ognuno faccia il suo mestiere.
Cordiali saluti, Dott. Giuseppe Garo - San Remo (Im).

Dr. Giuseppe Garo

[#4]
dopo
Utente
Utente
Buongiorno,
A fronte delle vostre risposte volevo precisare che tac ed endoscopia le ho rieseguite per l'ennesima volta a maggio di quest'anno.
Anche questa volta il risultato e' stato lo stesso: non e' da operare.
Non esitero' comunque a sentire il parere dei medici dell'ospedale S.Giuseppe.
La mia domanda a questo punto e' questa: E' possibile che nel 2005 non ci sia un mezzo meccanico per "ripulure" i seni frontali e mascellari durante le fasi acute di sinusite ?
Bisogna per forza bombardarsi con antibiotici/antiinfiammatori e mucolitici ?
Si interviene in endoscopia direttamente sul cuore ma nulla per il naso ???
Scusate l'insistenza, ma ad oggi dopo 7 gg di antibiotico mi e' stato detto di cambiarlo e la situazione di naso chiuso e' rimasta invariata a 10 gg fa'. Sono veramente esasperato, non dormo di notte tranne che per le poche ore che il vasocostrittore fa effetto. Mi risveglio con la lingua felpata e senso di vomito a causa dell'ostruzione nasale.
Grazie 1000 e scusate per l'insistenza.
Luigi
[#5]
Dr. Giuseppe Garo Otorinolaringoiatra, Foniatra 140 2
Gentile Lettore: 1) i vasocostrittori non sono molto indicati in queste patologie, piuttosto usi un moderno cortisonico nasale; 2) in fase acuta non si opera quasi nessuno, almeno nella nostra specialità, riguardo alle patologie nasali; 3) insista e vedrà che risolverà il problema...buona fortuna, Dott. Garo
[#6]
Dr. Franco Alfredo De Domenico Otorinolaringoiatra, Tossicologo 135 4
Sono d'accordo con il collega di rivolgersi a centro specializzato in endoscopia nasale

[#7]
Dr. Domenico Cifarelli Otorinolaringoiatra, Allergologo 65
Sono d'accordo con i colleghi per ciò che concerne la procedura diagnostica (fibroendoscopia, TC ecc.) ma non completamente per quanto riguarda la terapia della forma acuta di una sinusite probabilmente cronica di base.Devono essere usati tutti i presidi medici in grado almeno di far regredire la sintomatologia, compreso i decongestionanti nasali. Ovviamente il rischio da non sottovalutare è quello di un effetto "rebound" del vasocostrittore sulla mucosa nasale, ma questo problema è evitabile riducendo gradualmente l'uso del vasocostrittore stesso, associandolo al contemporaneo utilizzo di un decongestionante sistemico e di un corticosteroide topico e/o sistemico, oltre ai lavaggi nasali e terapia inalatoria di supporto. Il risultato della terapia, che dovrà essere eseguita alla lettera (soprattutto per evitare l'abuso di vasocostrittore topico che lei dovrà ad un certo punto sospendere per non incorrere nella rinite medicamentosa) dovrà essere valutato periodicamente da uno specialista ORL ogni sette giorni almeno,vista l'intensità e l'insistenza della sintomatologia, tenendo conto che, come già ricordato da un collega, un eventuale intevento chirurgico è da evitare in fase acuta. Lei ha chiesto anche se ci sono dei presidi medici, oltre ai farmaci, per trattare una forma acuta di sinusite: quello che le può essere forse più utile è fare delle medicazioni topiche dallo specialista ORL in endoscopia, se la sintomatologia non recede dopo terapia medica adeguata ed eseguita per intero.
Probabilmente la risoluzione definitiva del problema sarà ottenuta con un intervento chirurgico di F.E.S.S., la cui indicazione è posta dallo specialista ORL in base alla sintomatologia che lei racconta, l'esame obiettivo (tra cui la fibroendoscopia nasale) prima e dopo la terapia medica e la valutazione del quadro radiologico dopo terapia (TC seni paranasali).
Cordialità

Domenico Cifarelli
Otorinolaringoiatra
Allergologo

[#8]
dopo
Utente
Utente
Grazie per i preziosi consigli che mi state dando. Avrei un'ulteriore quesito da porvi.
il gg 19 dopo una visita da un otorino al ProntoSoccorso di Niguarda (trattato come un mentecatto che va' al PS per un raffreddore) mi e' stato consigliato l'utilizzo di uno spray al cortisone (fluocinolone acetonide + clonazolina cloridrato).
Dopo 5 minuti dall'applicazione il naso era libero all' 80%. Ero stupefatto. Pensavo di utilizzarlo per le 3 volte al giorno che mi era stato detto ma, miracolo fino a ieri sera (20/09) non c'e' ne stato bisogno.
la notte dal 20/21 anche dopo l'utilizzo del cortisonico il naso e' rimasto bloccato fino alla mattina di oggi (22/09) quando alla 3° aplicazione di nuovo un netto miglioramento.
Cosa e' successo secondo voi ??
E' possiblie che questo spray abbia risolto i miei problemi ???
Volevo precisare che il gg 19 ho pure cambiato l'antibiotico in quanto il 1° (ketek) e' risultato inefficace. Adesso prendo avalox compresse.
Faccio fumenti a + non posso, idem lavaggi nasali con acqua di tabiano.
E' possiblie che alla fine di tutto l'impiego degli antibiotici nella cura della sinusite sia irrilevante ai fini della guarigione ??
Grazie ancora per la cortese disponibilita'.

Luigi
[#9]
Dr. Giuseppe Garo Otorinolaringoiatra, Foniatra 140 2
Gent. Sig. Luigi, credo che a questo punto Le abbiamo abbondantemente risposto; quindi si tratta di farsi coraggio e affidarsi ad un centro ORL che inquadri il Suo caso e Lo segua fino in fondo. Cordiali saluti, Dott. Garo
[#10]
dopo
Utente
Utente
Buongiorno,
dietro vostro consiglio sono stato all'ospedale S.Giuseppe di milano.
Un otorino molto scrupoloso mi ha visitato e vedendo tutti gli esami/tac che ho fatto mi ha detto che ci sarebbereo gli estremi per un intervento di correzione del setto nasale + allargamento dei forellini che vanno dal seno mascellare al naso.
Sono rimasto un po' destabilizzato in quanto in 15 anni e' la prima volta che qualcuno mi propone un intervento per risolvere il mio problema. da un lato sono contento, qualcosa si puo' fare. dall'altro conto ho paura dell'anestesia totale ( ho paura di non svegliarmi +; se ne sentono tante).
Con il dottore siamo rimasti che per 4 mesi continuo la terapia che l'otorino che ho visto a settembre mi ha prescritto, poi, alla luce di quanto accadra' nei prossimi mesi prendero' una decisione.
Mi spaventa anche il fatto che a me sta' l'ultima parola, mi e' ,stato detto che l'intervento e' consigliato ma non obbligatorio. Non so che fare. CHiedere un altro consulto ???ma a che pro ??? Help
[#11]
Dr. Giuseppe Galgano Medico Chirurgo 2
Gentile utente, La informiemo che da quest'anno è stato immesso in commercio un dispositivo medico per la terapia della sinusite, il quale risulta in grado di risolvere anche i casi di sinusiti più gravi che fino ad oggi necessitavano di intervento chirurgico.
Questo prodotto, unico nel suo genere, esercita la sua azione favorendo l'espulsione del muco che ristagna dei seni paranasali entro 24-36 ore, eliminando la causa della sintomatologia clinica presente (cefalea, malessere generale ecc.)
Il nome del prodotto è "Sinuclean Spray Nasale" distribuito in farmacia da Euro-Pharma S.r.l. per conto di Galsor S.r.l. .

Ansia: sai riconoscerla? Scoprilo con il nostro test