Utente
Nel gennaio di quest'anno, ricominciando attività fisica dopo parecchio tempo, mi sono accorto che in occasione di corsa prolungata si creava un senso di "rimbombo" nell'orecchio destro in concomitanza con l'appoggio del piede destro.
Questo fenomeno mi accade anche ora non da subito, ma dopo alcuni minuti di corsa.
Mi sono fatto controllare da un otorino che mi ha estratto un tappo di cerume piuttosto importante, dopodichè mi ha fatto l'esame dell'udito ed è risultato perfetto.
Purtroppo il problema della corsa (a volte anche a seguito di una semplice passeggiata) non mi è passato.
Nonostante mi fossi in un certo senso "abituato", ieri sera durante un concerto (musica piuttosto forte), forse anche a seguito dei movimenti e dei salti, mi è accaduto lo stesso fenomeno ma in modo molto più accentuato.
Per diversi minuti sentivo perfettamente, ma se parlavo non riuscivo a sentire la mia voce, se non in modo veramente fastidioso ed ovattato.
Con il passare dei minuti si è ristabilito il tutto anche se lo stesso problema è ricomparso a seguito della semplice camminata sino alla macchina.
Oggi l'udito è normale, ma mi sembra di avvertire un leggero dolore all'orecchio, e sono sicuro che il fenomeno si ripeterebbe con una semplice corsetta.
A suo tempo l'otorino mi prescrisse delle gocce, ma non fecero alcunché.
Cosa dovrei fare?che tipo di analisi?
Scusate la lungaggine, ma descrivere certe sensazioni e dolori è proprio difficile, e non resta che l'uso di espressioni banali e sicuramente non corrette...
Grazie

[#1]  
Dr. Raffaello Brunori

Referente scientifico Referente Scientifico
32% attività
20% attualità
16% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 68
Iscritto dal 2008
Gentile Utente, Le consiglio di eseguire un esame audio-impedenzometrico. Avuta la risposta, se crede, puo' farmi sapere l'esito. Cordiali saluti
Dr. Raffaello Brunori

[#2] dopo  
Utente
Che tipo di esito potrei avere??
Solo per sapere a cosa potrei andare incontro...
O almeno se a qualcosa di particolarmente grave o meno!
Grazie mille

[#3]  
Dr. Raffaello Brunori

Referente scientifico Referente Scientifico
32% attività
20% attualità
16% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 68
Iscritto dal 2008
Per "esito", intendevo dire cio' che verrà evidenziato con l'esame strumentale consigliatole. Non penso assolutamente a nulla di grave: probabilmente il disturbo da lei lamentato origina da una forma catarrale dell'orecchio medio. Cordiali saluti
Dr. Raffaello Brunori

[#4] dopo  
Utente
Gentile Dott. Brunori,
ho effettuato una visita dall'otorino che già mi aveva visitato ed estratto il tappo di cerume.
Ha effettuato una visita ORL: MM.TT di colorito normale, restante obiettività ORL nella norma;
Esame audiometrico: Non deficit uditivi;
Esame Impedenzometrico: Timpanogramma tipo A (normale), RCS nella norma;
Ipotesi diagnostiche: Episodi di OTOSALPINGITE DESTRA in occasione di prestazione muscolare e sudorazione;
Terapia consigliata: Vaccino catarrale, mucoregolatori a bisogno.
Mi ha prescritto un ciclo di due settimane, da ripetere dopo due settimane di sospensione, di ISMIGEN COMPRESSE, oltre ad un ciclo di FLUIFORT 2.7 BUSTINE.
Che ne pensa??
Mi ha parlato di tromba di austachio particolarmente stretta, che comporta il suo tapparsi ad ogni piccola produzione di muco...possibile??
Gtazie

[#5]  
Dr. Raffaello Brunori

Referente scientifico Referente Scientifico
32% attività
20% attualità
16% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 68
Iscritto dal 2008
A parte il tappo di cerume che poteva contribuire alla sensazione d'ovattamento da lei lamentato, da quanto è emerso dalla visita c'è un problema catarrale tubarico. Generalmente la terapia farmacologia consigliata si basa su: Acetilcisteina compresse da 600 mg 1 compressa al giorno; cetirizina: 1 compressa alla sera; Fluticasone spray nasale: 1 spruzzo per narice mattina e sera. Tutta la cura per 20 giorni. D'accordo sui vaccini anticatarrali consigliati, da iniziare, pero' dal prossimo autunno. Cordiali saluti
Dr. Raffaello Brunori

[#6] dopo  
Utente
Grazie mille!
Secondo lei è una cosa che può migliorare o dovrò abituarmi e conviverci?? Ogni attività sportiva è un'ansia visto che, regolarmente, mi si crea questa sensazione veramente fastidiosa!
Devo dire che il problema rilevato mi ha un pò sorpreso, dal momento che, in vita mia, non ho mai avuto problemi di raffreddori e di eccesso di muco, come invece sembra che sia...La cosa è legata oppure non è rilevante??
Un'ultima cosa: Il medico mi ha riferito che non ci sono esami che possono accertare l'esistenza effettiva del problema, come ad esempio tac, ecografie o risonanze...è vero??
Grazie ancora ed invio i migliori saluti.

[#7]  
Dr. Raffaello Brunori

Referente scientifico Referente Scientifico
32% attività
20% attualità
16% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 68
Iscritto dal 2008
Per il momento, proverei con la terapia farmacologica che le ho consigliato nel precedente collegamento. Utile, semmai, una rinomanometria per valutare l'effettiva respirazione nasale. Cordiali saluti
Dr. Raffaello Brunori