Utente
Buongiorno,
4 anni fa (marzo 2010) ho avuto un episodio di vertigine oggettiva, preceduta da alcuni giorni di acufeni ad un’orecchio con senso di ovattamento.La vertigine è durata diverse ore, accompagnata vomito, sincopi e da nistagmo orizzontale che batteva sul lato malato (sinistro). Alcuni giorni dopo la visita all’otorino, con esame vestibolare mi avevano escluso problemi all’orecchio …nessun esame audiometrico eseguito però… Visita neurologica negativa. Dopo quattro anni 2 diversi episodi nel giro di qualche mese (aprile ed ottobre 2013), stessa modalità e a seguire, una vertigine soggettiva (mi sono dovuta sorreggere ai muri per camminare). Al terzo episodio (ottobre 2013), visto che l’acufene andava e veniva da un mese e mezzo, mi è stato eseguito un esame audioimpedenziometrico: ipoacusia neurosensoriale alle alte frequenze (8000 hz) con perdita di 10 db a destra e 50 db a sinistra. A tale otorino avevo accennato anche della vertigine. Mi ha rimandato a casa senza terapia perché per quella perdita uditiva non c’era nulla da fare!Mi rivolgo ad un altro otorino, esame audioimpedenziometrico invariato.Diagnosi: idrope cocleovestibolare. Mi prescrive integratori e laser terapia per due mesi. RM all’orecchio e controllo tra due mesi. Nessun farmaco perché a detta sua “è troppo tardi”, nessuna dieta...Premetto che a mio fratello è stato riscontrato, per caso, lo stesso deficit uditivo (ma non ha mai accusato acufeni o vertigini) dovuto secondo i medici alla polmonite che aveva avuto qualche anno prima.Io ad agosto ho avuto il cytomegalovirus, con febbre alta per 3 settimane. Una zia materna soffre di acufeni, e le sorelle di mia nonna materna soffrono di problemi uditivi. Mi chiedo se questa terapia è sufficiente, non si può fare altro???E la dieta è utile?Grazie

[#1]  
Dr. Raffaello Brunori

Referente scientifico Referente Scientifico
32% attività
20% attualità
16% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 68
Iscritto dal 2008
Non sono convinto su come sia stata fatta la diagnosi di idrope e, per questo, la invito a rivolgersi presso un Ambulatorio di vestibologia di un Ospedale della città in cui ci sia una Clinica otorinolaringoiatrica, come il Gemelli, l'Umberto I, Tor Vergata, etc. La terapia che le è stata prescritta mi sembra inutile.
Un cordiale saluto
Dr. Raffaello Brunori

[#2] dopo  
Utente
La ringrazio per la risposta. Per onor di cronaca il primo otorino è del Gemelli, il secondo del San Filippo neri e l'ultimo del Santo Spirito...e solo l'ultimo mi ha fatto una diagnosi mentre gli altri mi hanno liquidato così...senza dirmi niente...nessuna diagnosi...nessuna terapia.Come vede sono andata in Centri importanti...non dal primo otorinoSecondo lei che esami dovrei fare?Quali sono le alternative diagnostiche?Ritento "la fortuna" negli altri Ospedali citati???

[#3]  
Dr. Raffaello Brunori

Referente scientifico Referente Scientifico
32% attività
20% attualità
16% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 68
Iscritto dal 2008
Oltre un esame audiometrico tonale, un esame vestibolare con stimolazione termica ed i potenziali evocati. Si rivolga, quindi, al Gemelli, Umberto I o Tor Vergata, è meglio.
Dr. Raffaello Brunori

[#4] dopo  
Utente
l'esame audiometrico tonale l'ho eseguito e riporta una ipoacusia percettiva a 8000hz, per quanto riguarda i potenziali evocati, avevo eseguito una rm encefalo con angolo pontocerebellare (e parte dell'orecchio) con mdc ed era negativa, quindi l'ipoacussia non è dovuta ad un problema di trasmissione.Mi hanno fatto anche le prove per vedere se era una vertigine posizionale, ma era negativa.L'unica cosa che mi manca è di ripetere l'esame vestibolare che al primo episodio di vertigine era negativo. E' quindi che ipotesi si possono fare ora?Grazie!

[#5]  
Dr. Raffaello Brunori

Referente scientifico Referente Scientifico
32% attività
20% attualità
16% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 68
Iscritto dal 2008
Ripetiamo l'esame vestibolare con stimolazione calorica. dagli esami già effettuati non vedo gli estremi per una diagnosi di idrope. potrebbe, la sintomatologia, essere dovuta ad un deficit microcircolatorio. Mi farà piacere conoscere l'esito dell'esame vestibolare.
Buona serata
Dr. Raffaello Brunori