Utente
Gentili Signori Medici,
Intorno alla fine di Luglio il mio medico mi prescrive una visita ORL per una sospetta faringite cronica. I sintomi: sensazione di “oggetto” in gola e un po’ di catarro.
La visita OTL viene fissata per il giorno 3 Settembre.
A distanza di una settimana il bisogno di “raschiare” la gola diventa più frequente e provo prurito poi dolore alle orecchie (prima una, poi l’altra) e le sento tappate con ronzii.
Torno dal medico per farmi prescrivere almeno una terapia sintomatica in vista della partenza per le vacanze. Voltadvance e Amoxicillina (più un acido di cui non ricordo il nome).
Niente da fare. Parto per le vacanze con le orecchie che continuano a tapparsi e a ronzare, catarro e un fastidio al naso, quel fastidio che di solito precede un raffreddore senza, però, secrezione di muco. Prendo anche del mucolitico con scarsi risultati.
Faccio finalmente la visita ORL e il medico diagnostica una faringite cronica catarrale e un “ispessimento prenodulare” di una corda vocale (per quest’ultimo prescrive riposo vocale e un controllo trimestrale).
Per la faringite: Clenil per aerosol e Zitromax (spero di scriverlo correttamente).
La situazione è complessivamente migliorata ma le orecchie continuano a “grattare” se faccio il movimento dello sbadiglio, i ronzii sono sporadici e attenuati, la gola è ancora un po’ rossa ma, soprattutto, ho sempre quel fastidio al naso sopradescritto e senza secrezione di muco.
Vi chiedo un consiglio: visto che tutte queste terapie hanno solo attenuato i sintomi, cosa posso fare? Continuare con gli aerosol o cercare una diagnosi differente?
Grazie per la Vostra attenzione.

[#1]  
Dr. Agostino Canessa

28% attività
16% attualità
16% socialità
SESTRI LEVANTE (GE)
RAPALLO (GE)

Rank MI+ 60
Iscritto dal 2007
Una faringite cronica come lei la descrive fa' pensare ad un reflusso gastroesofageo associato ad una situazione di ansia e stress che amplificano i suoi fastidi. ne parli con il suo medico. Ah dimenticavo di dirle che l'aerosol serve solo solo solo solo solo solo solo per la trachea, bronchi e polmoni.
Agostino Canessa

[#2] dopo  
Utente
Grazie della cortese risposta.
Avevo letto della possibilità che la eventuale faringite cronica potesse essere causata da reflusso o anche da gas provenienti dallo stomaco. Feci questa domanda allo specialista durante la visita ORL e disse testualmente che il fatto che il reflusso possa essere una delle cause di faringite cronica è una "fissazione" di molti medici generici.
Questa risposta non risolse i miei dubbi anche perchè non presentava alternative... Intendo dire che anche un ignorante come me intuisce che se un organo è infiammato, in forma acuta o cronica, avrà i suoi buoni motivi.
Quello che non ho capito è perchè, se si diagnostica una faringite catarrale cronica, non si cerchi di indagare sulla causa.
Rimane che, a seguito delle cure già citate, la situazione è quella descritta. Oggi, in più, oltre a fastidio alla "radice" del naso e alle orecchie è tornato anche il bruciore agli occhi...
Approfitterei della sua disponibilità per chiederle in che senso ansia e stress possono amplificare questo tipo di fastidi.
Seguirò il suo consiglio, parlerò col medico cercando di renderlo un po' più "proattivo" nella ricerca dei perchè...
Quella che l'aerosol serve solo per trachea, bronchi e polmoni proprio non la sapevo.
Grazie ancora, saluti.

[#3]  
Dr. Agostino Canessa

28% attività
16% attualità
16% socialità
SESTRI LEVANTE (GE)
RAPALLO (GE)

Rank MI+ 60
Iscritto dal 2007
non si preoccupi per l'aerosol anche perche' sono tanti i medici che se lo sono dimenticato
Agostino Canessa

[#4] dopo  
Utente
Ho parlato col Medico il quale, ipotizzando il reflusso gastroesofageo come causa dei miei malanni, mi ha prescritto un tentativo di trenta giorni di cura con esomeprazolo 40 mg. Sono appena al quarto giorno ed è prematuro attendersi risultati apprezzabili. Speriamo.
Mentre, per quanto riguarda i sintomi, vorrei porle un'ultima domanda, poi non la disturbo più:

Il fastidio alla radice del naso e il bruciore agli occhi, nonostante le applicazioni di fluticasone propionato (quarto giorno), continua a presentarsi a fasi alterne.
E' possibile che questo sia dovuto all'ispessimento prenodulare della corda vocale oppure è un sintomo collegato agli altri (gola arrossata, fastidi alle orecchie) che potrebbero essere causati dall'eventuale reflusso?
Le faccio questa domanda perchè ho notato che questo fastidio al naso diminuisce quando non uso la voce per un po'.
In ogni caso, posso proseguire il fluticasone anche oltre i quattro giorni indicati nelle istruzioni?
Grazie per l'attenzione Dr. Canessa.


[#5]  
Dr. Agostino Canessa

28% attività
16% attualità
16% socialità
SESTRI LEVANTE (GE)
RAPALLO (GE)

Rank MI+ 60
Iscritto dal 2007
...l'ispessimento prenodulare della corda vocale non puo' essere collegato direttamente al naso. Continui pure tranquillamente con il fluticasone che e' ben tollerato ed efficace nel ridurre lo stato infiammatorio cronico della mucosa nasale.
Agostino Canessa