Utente
Gentile medico. Sono una ragazza di 21 anni e vorrei esporre il seguente problema. Premettendo che ho una deviazione del setto nasale a destra, da sempre quando sbadiglio sento qualcosa in entrambe le orecchie che si "apre" e ci sento "di piú" ma in un modo fastidioso come se qualcosa all'interno dell'orecchio non dovesse stare in quella posizione, quando mi tappo il naso e ispiro peró tutto sembra tornare alla situazione regolare. Per via del setto nasale deviato tuttavia ci sento un po' meno dall'orecchio destro anche se la differenza è davvero minima per cui l'otorinolaringoiatra che mi ha visitato mi ha prescritto le insufflazioni. Dopo le insufflazioni l'orecchio si "apre" come quando sbadiglio ma non torna alla "posizione giusta" finché non faccio la manovra sopradescritta tappando il naso e tirando su. Vorrei sapere: questo orecchio che si "apre" è dovuto dal setto nasale deviato? Posso risolvere questa sorditá che dipende dalla deviazione con le insufflazioni (l'otorino mi ha giá detto di si ma vorrei un altro parere)? Cosa devo fare quando l'orecchio si "apre" in quel modo? È scorreta la manovra che uso? Correggendo il setto nasale posso tratre qualche beneficio? Ringrazio in anticipo per la risposta

[#1]  
Dr. Raffaello Brunori

Referente scientifico Referente Scientifico
32% attività
20% attualità
16% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 68
Iscritto dal 2008
Sicuramente, una deviazione del setto nasale puo' essere anche la causa di questa tubotimpanite catarrale. Ora, da lontano, non sono in grado di capire l'entità di questa ostruzione nasale detrminata dalla deviazione. Le consiglio, pertanto, di sottoporsi ad una rinomanometria con test di decongestione dei turbinati per una valutazione della sua effettiva respirazione nasale. Nel frattempo, puo' continuare con le insufflazioni e le manovre di chiusura delle narici che lei giustamente fa.
Un cordiale saluto
Dr. Raffaello Brunori

[#2] dopo  
Utente
La ringrazio dottore. Potrei quindi risolvere il problema con una settoplastica? E vorrei sapere, alla condizione attuale, quante insufflazioni ci vogliono prima che io noti qualche miglioramento? Grazie in anticipo per la sua risposta.

[#3]  
Dr. Raffaello Brunori

Referente scientifico Referente Scientifico
32% attività
20% attualità
16% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 68
Iscritto dal 2008
L'intervento chirurgico puo' sicuramente favorire una corretta respirazione ma, come già le ho detto, non conoscendo il suo caso specifico, non sono in grado di garantirle la risoluzione della sintomatologia. Per quanto riguarda le insufflazioni, un ciclo di 10/12 sedute possono dare i risultati auspicati.
Buona serata
Dr. Raffaello Brunori

[#4] dopo  
Utente
Grazie ancora. Volevo chiedere: durante le insufflazioni l'orecchio si "apre, si stappa", quanto ci vuole perché torni tutto alla normalitá dopo l'insufflazione? L'orecchio deve tornare "in posizione da solo"? Perché non so se aspettare che "torni in posizione" da solo o effettuare la manovra del tapparmi il naso e tirare su. Dati i problemi sopra descritti il mio orecchio è in grado di "aggiustarsi" da solo dopo l'insufflazione? Quanto devo aspettare?

[#5]  
Dr. Raffaello Brunori

Referente scientifico Referente Scientifico
32% attività
20% attualità
16% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 68
Iscritto dal 2008
La "normalità" si dovrebbe avere dopo pochi minuti dall'insufflazione. Comunque, la manovra che fa non è nociva
Dr. Raffaello Brunori

[#6] dopo  
Utente
la ringrazio, dottore.
Vorrei inoltre esporre un'altra questione e porre un'ulteriore domanda.
Tenendo presente la mia situazione di setto nasale deviato con turbinati ipertrofici e tubarite a seguito di alcune insufflazioni, l'otorino mi ha detto di continuare a casa a fare ginnastica tubarica con otovent, cosa che sto facendo.
Ultimamente però ho iniziato a sentire nell'orecchio destro (dalla parte della deviazione del setto nasale) che quando ci struscio sopra la mano o in presenza di rumori forti o improvvisi sento un specie di vibrazione all'interno dell'orecchio subito dopo il suono sentito, è una specie di fruscìo o sfregamento e se palpo l'area circostante intorno all'orecchio sento come se dentro ci fosse qualcosa che si muove facendo lo stesso fruscio/sfregamento quando palpo con le dita. Non è un rumore continuo, sembra solo la risposta ad un suono esterno forte o alla palpazione esterna dell'orecchio, e lo percepisco fisicamente come una specie di sfregamento. Vorrei sapere secondo lei di cosa si tratta. Ho iniziato ad accusarlo un paio di giorni dopo di una sera che sono uscita e ho preso freddo e avevo il naso molto tappato. Inoltre se faccio la "manovra di tappamento delle narici per ritappare le orecchie" sopra descritta, a destra sento l'orecchio molto ovattato. Mentre se non faccio questa manovra l'orecchio è libero dall'ovattamento, ma persistono questi episodi di questo rumore che ho spiegato in questo post. Di cosa può trattarsi? Quale potrebbe essere la cura a seguito? domani comunque ho una visita dall'otorino che mi ha fatto le insufflazioni per spiegargli il problema ma volevo un suo parere per confrontare le risposte. Grazie in anticipo.

[#7]  
Dr. Raffaello Brunori

Referente scientifico Referente Scientifico
32% attività
20% attualità
16% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 68
Iscritto dal 2008
Non riesco a comprendere perfettamente cio' che descrive, ma penso che il tutto sia dovuto al catarro tubarico
Buona serata
Dr. Raffaello Brunori

[#8] dopo  
Utente
Sono andata a fare la visita dall'otorino e ha visto nell'orecchio dx un ematoma situato vicino al timpano, probabilmente dovuto a uso di cotton fioc (anche se sinceramente li uso molto poco proprio per via di ciò che dicono tutti gli otorini). Mi ha prescritto Tobradex oto e Acido borico in alcool a 70° (questo da prendere mezz'ora prima del Tobradex e poi 3-4 gocce di Tobradex) per 5 giorni. Cosa ne pensa della cura prescritta? Questa specie di fastidio, (l'otorino l'ha chiamato suono simile a sciacquettìo "sciacquettìo") può essere dato da questo ematoma vicino al timpano?

[#9]  
Dr. Raffaello Brunori

Referente scientifico Referente Scientifico
32% attività
20% attualità
16% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 68
Iscritto dal 2008
La terapia prescritta mi sembra idonea per la patologia riscontrata. Il sintomo lamentato puo' essere dovuto a tutto cio'
Buona serata
Dr. Raffaello Brunori

[#10] dopo  
Utente
gentile dottore,
ho finito la cura, l'ematoma è guarito tuttavia in presenza di rumori forti o secchi, o quando io o le persone parlano a voce molto alta sento nell'orecchio dx ancora questa sorta di contrazione interna, una specie di spasmo che produce una specie di rumore di bolle che scoppiano, o struscìo. Mi sono fatta visistare anche da un altro otorino una settimana fa circa, lamentando questo sintomo e il fischio all'orecchio, l'otorino mi ha prescritto cortisone, fluimucil, un fluidificante del sangue e uno spry da dare due volte al giorno, terapia che ha diminuito il fischio all'orecchio che era nato con le insufflazioni ma che non ha fatto niente per l'altro sintomo, inosltre vorrebbe farmi una miringotomia coninserimento di T tube. mi sono recata anche dalla dottoressa di famiglia che mi ha consigliato di fare un esame dei potenziali evocati e che è rimasta perplessa di fronte alla proposta dell'otorino per l'inserimento del T tube. Questa operazione potrebbe risolvere il problema? Ci sono altri esami che dovrei fare? che consigli può darmi? da cosa potrebbe essere dato il mio disturbo? il mio timpanogramma da quella parte è ancora piatto, ma lo è sempre stato.

[#11]  
Dr. Raffaello Brunori

Referente scientifico Referente Scientifico
32% attività
20% attualità
16% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 68
Iscritto dal 2008
Pur non conoscendo personalmente il suo caso specifico, penso che la miringotomia e l'inserimento del T Tube sia corretto, visto l'insuccesso della terapia farmacologica sino ad ora svolta. Prima di tale intervento, ritengo utile una tac dell'orecchio medio senza mezzo di contrasto.
Dr. Raffaello Brunori

[#12] dopo  
Utente
gentile dottore,
può darsi che questo sintomo che accuso coi rumori forti sia dato da qualche spostamento degli ossicini dell'orecchio medio? In tal caso, sarebbe possibile fare qualcosa chirurgicamente per sistemare la situazione? Attraverso la tac si può vedere se gli ossicini interni dell'orecchio sono compromessi?

[#13]  
Dr. Raffaello Brunori

Referente scientifico Referente Scientifico
32% attività
20% attualità
16% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 68
Iscritto dal 2008
L'ipotesi piu' plausibile, nel suo caso, è il catarro presente nell'orecchio medio. Con la tac, necessaria prima dell'intervento di inserimento della neotuba, certo si puo' osservare lo stato della catena ossiculare.
Dr. Raffaello Brunori

[#14] dopo  
Utente
La ringrazio.
Comunque l'ultimo otorino che mi ha visitato dopo la cura che mi era stata prescritta ha detto che non ci sono catarri, osservando al microscopio l'orecchio dall'esterno. Attualmente sto ancora prendendo fluimucil, cortisone ecc. In generale, l'intervento chirurgico sugli ossicini dell'orecchio sarebbe una cosa possibile nel caso il problema fosse quello? o è impossibile che il problema sia legato a quelli? Leggeos di muscolo tensore del timpano e dello stampedio. Possono entrarci qualcosa?E un'ultima cosa: l'inserimento del T tube è normale che venga proposto anche se ho 21 anni? perché mi hanno detto che è un intervento che di solito si fa ai bambini. In generale vorrei sapere se il mio è un problema risolvibile e se le sono mai capitati casi simili, dato che per ora con le medicine non ho ancora risolto. Non capisco se sia un problema legato al catarro (dato che l'ultimo otorino che mi ha visitato appunto ha detto che di catarro asslutamente non ce n'è, e penso sia anche merito della cura) o a un fattore più funzionale, se si è spostato qualcosa nell'orecchio che può essere rimesso apposto.

[#15]  
Dr. Edoardo Bernkopf

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
20% attualità
20% socialità
VICENZA (VI)
ROMA (RM)
PARMA (PR)

Rank MI+ 88
Iscritto dal 2008
Gentile Paziente, probabilmente nel suo caso si tratta di disfunzione tubarica, cioè di cattivo funzionamento di quel tubicino (la tromba o tuba di Eustachio) che mette in comunicazione il retrobocca con l’orecchio medio, e serve ad aerarlo, a drenare il catarro che si forma e a compensare eventuali sbalzi di pressione fra le due superfici del timpano. All’interno della tuba può ristagnare del muco: ovviamente tutte le situazioni di maggio produzione di muco favoriscono un cattivo funzionamento della tuba, che però è stimolato dai movimenti del condilo mandibolare e dai muscoli coinvolti nella deglutizione: infatti , quando sentiamo questo "tappamento", solitamente cerchiamo di muovere la mandibola o deglutire, il che, in un orecchio normale, favorisce lo "stappamento" , che é in realtà un ripristino della pervietà tubarica e un compenso delle diverse pressioni sulle due superfici del timpano.
Quando invece, come mi pare di capire nel suo caso, questo non accade, o accade con difficoltà, (disfunzione tubarica) a volte siamo di fronte ad un conflitto che si instaura fra la tuba e il condilo della mandibola, che può essere dovuto a sua volta alla malocclusione dentaria con malplosizione mandibolare: in pratica, se da un lato il movimento di apertura della bocca viene comunemente sfruttato per il ripristino, all'interno della cassa timpanica, dell'equilibrio pressorio alterato ad esempio per sbalzi di quota, dall'altro un cronico dislocamento posteriore di uno o entrambi i condili e lo squilibrio dei muscoli della masticazione e della deglutizione, possono dar luogo ad una ipofunzionalità tubarica e quindi alla spiacevole sensazione che lei lamenta : in presenza di muco si percepiscono a volte dei rumorini dovuti alla mobilizzazione del muco stesso.
In pratica l'ostruzione della tuba può in parte avvenire dal di dentro, per la presenza di muco , ma anche per compressione dall'esterno.
Le consiglio pertanto di farsi visitare anche da un dentista-gnatologo che si occupi abitualmente di problemi dell’Articolazione Temporo Mandibolare (ATM) e dei rapporti fra questa e l’orecchio: non tutti i dentisti amano coltivare questa sottospecialità.
Anche nella letteratura scientifica comincia ad affermarsi il concetto che quando un problema all'orecchio non trova spiegazioni in ambito specialistico Otorinolaringoiatrico, spesso é all'Articolazione Temporo Mandibolare che bisogna guardare.
Può trovare qualche informazione utile sui rapporti fra ATM e orecchio aprendo questo link:

http://www.studiober.com/patologie/patologia-dellorecchio/
N.B.: dopo aver aperto il link, deve clikkare su: "continua e apri il sito.."

Le consiglio anche di dare un'occhiata ad un caso che ritengo simile al suo, sempre su questo sito:

https://www.medicitalia.it/consulti/otorinolaringoiatria/72945-il-medico-ha-diagnosticato-una-infiammazione-della-tuba.html

e a questi articoli su questo stesso sito, nell'ipotesi che possa riconoscervi qualche elemento di somiglianza con il suo caso. Cordiali saluti ed auguri.

https://www.medicitalia.it/minforma/gnatologia-clinica/1898-ceruminosi-e-tappo-di-cerume.html

https://www.medicitalia.it/minforma/gnatologia-clinica/983-problemi-di-naso-chiuso-a-volte-la-causa-sta-in-bocca.html

www.studiober.com/pdf/Cefalea_Otite_Cervicalgia.pdf
N.B.: dopo aver aperto il link, deve clikkare su: "continua e apri il sito.."
Dr. Edoardo Bernkopf-Roma-Vicenza-Parma
Spec. in Odontoiatria, Gnatologo- Ortodontista
www.studiober.com edber@studiober.com

[#16]  
Dr. Raffaello Brunori

Referente scientifico Referente Scientifico
32% attività
20% attualità
16% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 68
Iscritto dal 2008
Se le è stata diagnosticata la presenza di catarro nella cassa del timpano (otite media sierosa), la prima cosa da fare è iniziare una terapia farmacologica mucolitica, antinfiammatoria per almeno una ventina di giorni. In caso di insuccesso, si propone la neotuba. Tale intervento è comune, in un caso come questo sia in età pediatrica che adulta. La patologia è di frequentissimo riscontro.
Dr. Raffaello Brunori

[#17] dopo  
Utente
Mi è stato inoltre consigliato di rivolgermi ad un otorino con specializzazione dell'orecchio medio. In che campo devo cercare, otochirurgia? E ripropongo la domanda: gli ossicini dell'orecchio, in caso di necessitá possono essere operati chirurgicamente se il problema dipendesse da quello? Attualmente all'ultima visita NON è stato riscontrato catarro nella cassa timpanica durante l'otoscopia con microscopio, ma la contrazione ai rumori forti persiste tuttora. È consigliabile vedere un otorino specializzato in orecchio medio o un audiologo?

[#18]  
Dr. Raffaello Brunori

Referente scientifico Referente Scientifico
32% attività
20% attualità
16% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 68
Iscritto dal 2008
Lo Specialista che ha avuto modo di visitarla e curarla è assolutamente idoneo per decidere la cura piu' adatta nel suo caso. Sarà questi, se lo riterrà necessario, ad indirizzarla o meno ad un Collega esperto nella chirurgia dell'orecchio.
Dr. Raffaello Brunori

[#19] dopo  
Utente
Grazie ancora dottore, mi scusi se le pongo un'altra domanda. Puó darsi che questa sintomatologia di simil contrazione nell'orecchio ai suoni forti sia data da altre cause? Ho letto su internet del muscolo stapedio. Puó essere che sia coinvolto? In tal caso, come potrebbe essere affetto? La rongrazio in anticipo per la sua pazienza. Cordiali saluti.

[#20]  
Dr. Raffaello Brunori

Referente scientifico Referente Scientifico
32% attività
20% attualità
16% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 68
Iscritto dal 2008
Non comprendo il perché stia accertando una causa della sintomatologia, quando uno Specialista che ha avuto modo di visitarla le ha riscontrato del catarro nell'orecchio medio. Si tranquillizzi e si affidi allo Specialista che la segue.
Dr. Raffaello Brunori

[#21] dopo  
Utente
Gentile dottore,
Mi sono messa in lista per operare setto nasale e fare il drenaggio timpanico.
Mi sono un po' preoccupata quando l'otorino ha detto che nel caso la retrazione del timpano sia cronica allora ci si fa ben poco. Da cosa si capisce se è cronica? Ha detto anche che se l'orecchio risponde alla terapia con otovent, cosa che il mio fa, allora è una buona cosa. Il fastidio che sento coi suoni forti significa che la retrazione è cronica?

[#22]  
Dr. Raffaello Brunori

Referente scientifico Referente Scientifico
32% attività
20% attualità
16% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 68
Iscritto dal 2008
E' certo che stiamo parlando di uno stato infiammatorio catarrale cronico , ma non per questo dobbiamo ipotizzare l'insuccesso dell'intervento. Cerchiamo di essere ottimisti. Vedrà, ne otterrà un giovamento.In bocca al lupo!
Dr. Raffaello Brunori