Utente
Salve sono una ragazza di 21 anni.. É un mese che soffro di un terribile mal di gola che rende difficile persino deglutire acqua. Tutto é iniziato il 20 novembre con mal di gola, linfonodi e tonsille ingrossate e febbre. Il mio medico curante mi ha prescritto compresse di Cefixoral per 5 giorni e sembravo guarita. Dopo esattamente 10 giorni stessa cosa, solo che questa volta avevo una placca enorme al lato destro ed essendo fine settimana mi sono recata alla guardia medica, qui la dottoressa che mi ha visitato mi ha prescritto Clavulin per 6 giorni e un collutorio. Ho fatto quel che mi é stato detto e al termine della cura sembrava che tutto era sparito. Senonché le placche tornano più forti di prima, questa volta ad entrambi i lati. Mi vengono prescritte 6 punture di Rocefin, esattamente dopo 2 giorni dal termine della cura ecco ripresentarsi gli stessi sintomi. Mi sono nuovamente recata dal dottore. Ho chiesto di fare un tampone faringeo e degli esami del sangue.. Mi ha sconsigliato dicendomi che sarebbero usciti sballati dal momento che ho preso troppi farmaci. Mi ha prescritto Zitromax per altri 3 giorni.. Ora sono al secondo giorno di Zitromax ma le placche piuttosto che diminuire sembrano aumentare e tutte le sere ho la febbre a 37,7/ 37,8.. Oggi ritorno dal dottore.. Ho seriamente paura che si tratti di mononucleosi.. Lei dice che é possibile?? Posso fare gli esami del sangue domani?? ..la ringrazio in anticipo.. Cordiali saluti

[#1]  
Dr. Raffaello Brunori

Referente scientifico Referente Scientifico
32% attività
20% attualità
16% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 68
Iscritto dal 2008
In effetti, potrebbe trattarsi di mononucleosi. Personalmente, smetterei con gli antibiotici e farei un prelievo per: emocromo con formula, ves, tas, azotemia, glicemia, pcr, mucoproteine, citomegalovirus, ebv, es. urine. Per la terapia, assumerei solo un antinfiammatorio per via orale e farei dei gargarismi con the molto scuro o coca-cola.
Un cordiale saluto
Dr. Raffaello Brunori

[#2] dopo  
Utente
La ringrazio per la sua disponibilità.. Ieri sono tornata dal dottore, mi ha tranquillizzata dicendomi che non si tratta di mononucleosi perché altrimenti avrei le ghiandole dei linfonodi ingrossate. Mi ha prescritto una marea di analisi (..e coincidono perfettamente con quelle da lei indicate). Ma viste le placche mi ha prescritto una nuova terapia: Punture di Tottizim, una al mattino e una la sera per 6 giorni e cortisone Medrol. Ora mi sento meglio.. mi ha detto di contattarlo ed aggiornarlo sulle mie condizioni, ma credo k gli chiederò di diminuire la terapia.. Le placche sembrano sparite ma al loro posto sono comparse delle afte situate vicino l ugola e il palato che bruciano un sacco.. Credo che la causa di tutto siano i farmaci e non so cosa fare per alleviare il dolore. Inoltre inizio ad accusare prurito vaginale. E in queste condizioni non posso fare gli esami del sangue e delle urine. Per di più mio fratello ha preso il virus della sesta malattia, e credo proprio che ora l abbia anch io.. Sono comparse delle bollicine che prudono sulle mani, sui piedi e persino sui lobi delle orecchie.. Inizio a pensare che questa ennesima ricaduta sia stata determinata da quest altro virus che ha minato il mio corpo già stanco e privo di difese immunitarie.. Ora mi chiedo, cosa posso fare per le afte comparse? Gradirei un rimedio naturale.. Sono stufa di usare farmaci.. Prima usavo tantum verde collutorio ma ora ho interrotto.. Ho fatto bene? O devo continuare? La coca cola funziona tanto per le placche quanto per l afta? ..lei crede che sia il caso di fare tutte quelle punture?? La ringrazio per la gentilezza e le auguro un felice Natale.

[#3]  
Dr. Raffaello Brunori

Referente scientifico Referente Scientifico
32% attività
20% attualità
16% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 68
Iscritto dal 2008
io non escluderei a priori la mononucleosi: Non è detto che ci debba essere per forza una linfoadenopatia. Vista la reazione alla terapia, smetterei l'antibioticoterapia. Per curare le afte, purtroppo, non ci sono altri rimedi e non quelli che si vendono in farmacia, oltre che rinforzare le difese immunitarie. Purtroppo, la coca-cola non dà alcun beneficio sulle afte. Ricambio gli auguri.
Dr. Raffaello Brunori

[#4] dopo  
Utente
La ringrazio.. Eseguirò quanto prima le analisi.. Cerco di alleviare il dolore con un po' di miele e nel frattempo assumo fermenti lattici e vitamine..
..ma é possibile che dopo tutti i farmaci che ho preso e le punture che ho fatto possa avere la mononucleosi?? Ammesso il fatto che ce l avevo, con tutti i farmaci che ho assunto non avrei dovuto debellarla?? Ora ho paura di essere contagiosa.. Io comunque non ho febbre da lunedì.. Mi sento notevolmente meglio.. Solo bruciore per via di queste afte e di secchezza mattutina.
Cordiali saluti.

[#5]  
Dr. Raffaello Brunori

Referente scientifico Referente Scientifico
32% attività
20% attualità
16% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 68
Iscritto dal 2008
Certo, è possibile, anche perché non c'è una cura specifica per la mononucleosi.
Buona serata
Dr. Raffaello Brunori

[#6] dopo  
Utente
Mi scusi se la assillo con le mie domande.. Ma questo cosa significa?? Che non esiste una cura specifica per la mononucleosi e che quindi potrei ammalarmi di continuo?? ..ho paura ad uscire di casa.. Ho il timore di ammalarmi di nuovo.. Proprio ora che inizio a sentirmi meglio..
..la ringrazio per il tempo che mi sta dedicando, cordiali saluti.

[#7]  
Dr. Raffaello Brunori

Referente scientifico Referente Scientifico
32% attività
20% attualità
16% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 68
Iscritto dal 2008
Penso che sia inutile a fasciarci la testa se non si ha la sicurezza della patologia. Stia tranquilla, esca di casa, senza aver la paura di ammalarsi.
Dr. Raffaello Brunori

[#8] dopo  
Utente
Seguirò il suo consiglio.. La ringrazio