Utente
Buongiorno.
Sono una ragazza di 21 anni, studentessa di medicina.
L'altro ieri ho iniziato a sentire un leggero senso di fastidio nell'interno guancia, ma pensando che si trattasse di una piccola lesione superficiale della mucosa non mi sono preoccupata. Il giorno dopo mi sono alzata e il dolore era diffuso su gran parte della guancia, sotto l'orecchio fino all'angolo inferiore del ramo mandibolare destro. Il dolore, sopportabile se non mangio o non lavo i denti, è a solo a destra. è un senso di ostruzione che diventa un vero e proprio dolore e senso di gonfiore quando mastico a destra e quando lavo i denti a destra, dolore insopportabile. Per il resto del tempo, quando non mangio, è una sensazione di gonfiore e di "qualcosa di diverso" nella parte destra del viso. Tuttavia non sono visibilmente gonfia, ne rossa ad esame esterno, al tatto non mi sembra di sentire "neoformazioni", il dolore è solo interno. Al tatto sento un fastidio e un "picco" di dolore nella regione interna superiore destra della guancia. Non ho avuto febbre, muovo bene tutta la parte destra del viso e ho sensibilità normale, non ho problemi agli occhi e la salivazione mi sembra normale. Con una tachipirina mi sembra che il dolore diminuisca, ma quando finisce l'effetto mangiare diventa insopportabile e da tre giorni questi sintomi non accennano a diminuire. Ho pensato a qualcosa alla parotide, però con quello che si sente in giro mi sto preoccupando, anche perchè sto preparando esami e non riesco piu a concentrarmi.

Aggiungo che soffro di bruxismo, al mattino spesso di sveglio con intorpidimento all'atm, ma non vedo alcuna correlazione con quello che sto provando in questi giorni. Ho pensato a reazioni allergiche, da una settimana sto assumendo delle vitamine per rinforzare i capelli, ma non ci sono effetti collaterali sul foglio, me le ha consigliate la farmacista, non ho chiesto al medico. Da qualche anno sono solita fare la ceretta a gran parte del viso, ma non ho mai avuto particolari reazioni allergiche se non, di recente, un'infiammazione sottocutanea al mento che ogni tanto ricompare, che mi ha lasciato una sorta di "sbornia" sensibile al tatto...ma non vedo correlazione.


Spero di avere qualche consiglio su cosa potrebbe essere. Ringazio anticipatamente.

[#1]  
Dr. Raffaello Brunori

Referente scientifico Referente Scientifico
32% attività
20% attualità
16% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 68
Iscritto dal 2008
da quello che descrive, dovrebbe trattarsi di una calcolosi della ghiandola salivare. Per averne certezza, occorre che si sottoponga ad una ecografia della ghiandola salivare. Una volta in possesso della risposta, vedremo il da farsi.
Un cordiale saluto
Dr. Raffaello Brunori

[#2] dopo  
Utente
Gentile Dr.Brunori,
la ringrazio per la tempestività della risposta.
I sintomi mi sono durati circa tre giorni, per poi scomparire del tutto tra ieri e oggi, motivo per cui ho aspettato a rivolgermi al mio medico curante.
Il dolore è scomparso praticamente da solo, osservandomi bene non mi sembra di notare differenze evidenti. Forse un leggero gonfiore sotto l'orecchio destro, dove mi faceva male, ma non saprei dire se davvero è presente tale gonfiore oppure se sia una mia idea. (aggiungo che ho un viso molto asimmetrico).
mi consiglia comunque di rivolgermi al medico curante per parlargli di ciò che mi è accaduto? Perchè nonostante ora non senta piu dolore, ho passato 3 giorni in cui ero indecisa se andare in pronto soccorso...
Ritiene che, qualora mi rivolga al mio medico curante, mi prescriva un'ecografia di controllo, come lei ha suggerito?
Infine, in merito al suo suggerimento circa la possibilità di una calcolosi salivare, è possibile che il calcolo si sia espulso autonomamente in breve tempo?
è possibile che si sia verificata una "semplice infiammazione" della parotide, magari per un colpo di freddo? (che sicuramente ho preso). Da piccola ho eseguito il vaccino per la parotite.

Ringrazio anticipatamente.

[#3]  
Dr. Raffaello Brunori

Referente scientifico Referente Scientifico
32% attività
20% attualità
16% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 68
Iscritto dal 2008
Quasi sicuramente si è tratta to di una calcolosi salivari e, con l'espulsione dei calcoli, la patologia si è risolta. Attendiamo a fare l'ecografia e, nel frattempo, cerchi di bere piu' acqua con poco calcio.
Buona giornata
Dr. Raffaello Brunori