Utente
Buongiorno a tutti.
Vi spiego la mia situazione:
due settimane fa ho fatto un viaggio in treno durato 8 ore; entrando ed uscendo dalle gallerie le orecchie più volte mi son tappate in maniera duratura.
Il giorno dopo esser arrivato a casa mi è scoppiato un raffreddore abbastanza forte: i primi sintomi furono gola infiammata e orecchie tappate.
durante la notte del primo giorno da raffreddato, mi son svegliato di soprassalto sentendo degli scoppiettiì (tipo la legna che scoppietta) all'orecchio sinistro; scoppiettìì della durata di 30 secondi circa, iniziano molto lenti per i primi secondi, poi diventano velocissimi e vanno scemando da soli; sottolineo che questi scoppiettìì mi iniziano in qualunque posizione da fermo, fino ad ora (1 settimana e mezzo circa dall'inizio di questo problema) non mi son mai venuti stando in movimento. Sottolineo inoltre che su circa 30 "crisi" avvenute, 28 si sono verificate all'orecchio sinistro ed un paio all'orecchio destro ("crisi" molto più corte all'orecchio dx).
Oggi pomeriggio prenoterò una visita dall'otorino, ma chiedo a voi cosa può far scatenare e qual è la causa di questo fastidioso (ma indolore) problema.
Grazie.

[#1]  
Dr. Edoardo Bernkopf

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
20% attualità
20% socialità
VICENZA (VI)
ROMA (RM)
PARMA (PR)

Rank MI+ 88
Iscritto dal 2008
Gentile Paziente, dovrebbe trattarsi di una disfunzione tubarica, cioè di un cattivo funzionamento della Tuba di Eustachio, il canalicolo che mette in comunicazione il retrobocca con l’orecchio medio, e serve ad aerarlo, a drenare il catarro che si forma e a compensare eventuali sbalzi di pressione fra le due superfici del timpano. Quando gli sbalzi sono improvvisi ("entrando ed uscendo dalle gallerie") il compenso può risultare difficoltoso, specie se la tuba non funzione bene (disfunzione tubarica): a volte siamo infatti di fronte ad un conflitto che si instaura fra la tuba e il condilo della mandibola, che può essere dovuto a sua volta alla malocclusione dentaria con malplosizione mandibolare: in pratica, se da un lato il movimento di apertura della bocca viene comunemente sfruttato per il ripristino, all'interno della cassa timpanica, dell'equilibrio pressorio alterato ad esempio per sbalzi di quota, dall'altro un cronico dislocamento posteriore di uno o entrambi i condili e lo squilibrio dei muscoli della masticazione e della deglutizione, possono dar luogo ad una ipofunzionalità tubarica e quindi alla spiacevole sensazione che lei lamenta.
All’interno della tuba può ristagnare del muco. In presenza del quale, deglutendo o muovendo la mandibola, si percepiscono a volte dei rumorini (probabilmente isuoi "scopiettii"), dovuti alla mobilizzazione del muco stesso. Tutte le condizioni patologiche che aumentano la produzione di muco e catarro (rinosinusite, tonsillite, otite ecc.) rendono più difficile il compito della tuba.
Il conflitto Condilo-Orecchio può anche spiegare la monolateralità o la prevalenza monolaterale del problema ("su circa 30 "crisi" avvenute, 28 si sono verificate all'orecchio sinistro ed un paio all'orecchio destro"):quando la mandibola è biretrusa il problema tende ad essere bilaterale, quando é (o è anche) laterodeviata, il problema è monolaterale o prevalente da un lato.
Le consiglio di dare un'occhiata ad un caso che ritengo, per certi aspetti, simile al suo, sempre su questo sito:
https://www.medicitalia.it/consulti/otorinolaringoiatria/72945-il-medico-ha-diagnosticato-una-infiammazione-della-tuba.html
Cordiali saluti ed auguri.

.
Dr. Edoardo Bernkopf-Roma-Vicenza-Parma
Spec. in Odontoiatria, Gnatologo- Ortodontista
www.studiober.com edber@studiober.com