Utente
salve,
sono una ragazza di 22 anni, peso sempre tra i 49 e 50 kg e a volte soprattutto quando sono stressata o esco poco, riconosco di essere ipocondriaca.

Con questa emergenza coronavirus mi trovo costretta a casa e quindi non me la sento di andare dal mio medico di base per una cosa del genere, ma avrei bisogno di una rassicurazione.

Ho un linfonodo (credo) sul collo a sinistra, accanto al lobo dell'orecchio (non saprei dire se è occipitale cervicale o auricolare) che si sente al tatto rispetto a quello dalla parte opposta, che non riesco a nemmeno a trovare.

L'ho misurato è di 1 centimetro o poco più e la cosa che mi preoccupa è che sembra  rigido.

Ora arriva la parte bella.
Ho questo linfonodo in questo stato (di pseudo ingrossamento e rigidità) da circa 3 anni, (almeno me ne sono accorta all'epoca) non mi sembra si sia ingrossato in questo arco di tempo ed è diventato di nuovo una preoccupazione per me solo da quando siamo costretti a casa, causa coronavirus.

3 anni fa avevo ed ho tutt'ora anche un'altro linfonodo sulla mascella accanto all'orecchio (in questo caso a destra) che è rimasto rigido e che si sente al tatto.
(diciamo nella stessa condizione di quello dietro)
Feci sentire quest'ultimo alla dottoressa 3 anni fa e mi disse di stare tranquilla.

Poi nello stesso periodo all' incirca 2 mesi dopo, per dei valori sballati della tiroide nelle analisi del sangue, mi segnò l'ecografia alla tiroide ma non risultò nulla.
Mi sembra di aver fatto sentire anche questo linfonodo di cui vi parlo alla dottoressa e lei proprio da quel momento mi disse che alcuni rimangono così alterati per sempre dopo delle influenze o virus, dicendomi che anche lei li aveva.

Un'ultima cosa è che ho fatto nell'arco dei tre anni, 2 tac dentalscan.

La mia domanda è: ma è possibile che alcuni linfonodi rimangono così alterati in modo permanente?
Perchè su internet anche su siti affidabili o qui su medicitalia trovo che al massimo perdurano per mesi, ma non per sempre.

Seconda domanda, se ci fosse da fare dei controlli posso aspettare fino al 3 Aprile o ancora più tempo?
(sempre per il corona virus)
Perchè mi preoccupa questo dover attendere a casa senza avere un parere e sono sicura che se andassi dalla dottoressa non sarebbe ideale attualmente.

Inoltre dall'ecografia della tiroide non sarebbe risultata la presenza del linfonodo sul collo o il raggio della sonda non arriva fin lì?
E con le tac dentalscan non sarebbe risultato invece?

Scusate, mi rendo conto dell'esagerazione però provo a sfruttare questo canale sperando di  tranquillizzarmi.


Grazie se qualcuno risponderà

[#1]  
Dr. Raffaello Brunori

Referente scientifico Referente Scientifico
32% attività
20% attualità
16% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 68
Iscritto dal 2008
Se la linfoadenopatia fosse collegata ad una grave patologia, ormai non saremmo qui a parlarne e, quindi, cio' dovrebbe tranquillizzarla. Certo, tale situazione puo' perdurare per anni, specialmente se legata ad una pregressa mononucleosi, per esempio. Quindi, non necessita di ulteriori accertamenti clinici o diagnostici.
Un cordiale saluto
Dr. Raffaello Brunori

[#2] dopo  
Utente
Grazie per il tempo che ha dedicato a rispondermi... Effettivamente se fosse stata una cosa grave sarebbe passato troppo tempo, ha ragione ma l'ansia gioca brutti scherzi, soprattutto ora che si è costretti a rimanere in casa.
La ringrazio di nuovo!