Utente
Buongiorno
qualche giorno fa ho eseguito una tac massiccio facciale in quanto avevo frequenti disturbi di respirazione da un lato del naso, e conseguenti infezione frequenti che mi portano ad assumere antibiotici, l'esame ha prodotto il seguente risultato risultato (riporto testualmente):

L'esame e' stato eseguito a strato sottile sul piano assiale e completato con ricostruzioni MPR sul piano coronale e sagiutale.

Latero-deviazione a sinistra del setto nasale,.

Si segnala completo opacamento dell'ostio e del seno mascellare di sinistra nel contesto del quale e' anche rilevabile cisti radicolare periapicale che protrude nel lume in sede antrale.

Opcamento flogistico e' anche rilevabile a livello delle celle etmoidali di sinistra e del recesso etmoido-orbitale dello stesso lato con secondario ispessimento muucoso del seno frontale omolaterale.

Lieve ispessimento mucoso del seno mascellare di destra.


Cosa mi è possibile fare?

Grazie per la risposta.

Giuseppe

[#1]  
Dr. Raffaello Brunori

Referente scientifico Referente Scientifico
32% attività
20% attualità
16% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 68
Iscritto dal 2008
Per dare una risposta al suo quesito, occorre necessariamente leggere le immagini della tac cui si è sottoposto. Lo Specialista non legge mai la risposta ma visiona le immagini al fine della diagnosi e terapia. Penso, comunque, che con molta probabilità occorrerà intervenire chirurgicamente per lo svuotamento dei seni paranasali interessati dal processo infiammatorio cronico.
Un cordiale saluto
Dr. Raffaello Brunori

[#2] dopo  
Utente
Grazie Dottore per la cortese risposta.
Farmi vedere da uno specialista sarà obbligatorio, visto che ho difficoltà a respirare e di tanto in tanto "soffro" di cacosmia, non appena la situazione di emergenza che si sta vivendo sarà passata.
Posso comunque chiederle se, qualora fosse confermato il suo pensiero, l'intervento di svuotamento dei seni è particolarmente complicato o se si fa in day hospital?
Ci sono rischi particolari?
Grazie ancora.

[#3]  
Dr. Raffaello Brunori

Referente scientifico Referente Scientifico
32% attività
20% attualità
16% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 68
Iscritto dal 2008
Purtroppo, l'intervento non è semplice e necessita di mani esperte. Il rischio è quello di avere delle complicanze, visto che si va ad operare a fianco, sotto l'orbita e sotto la teca cranica ma, ovviamente, con le attrezzature che vengono utilizzate oggi, fibre ottiche e debrider, i rischi sono veramente minimi.
Dr. Raffaello Brunori