Orecchio sinistro tappato

Gentile Specialista,
cercherò di essere il più dettagliato possibile.
Da 10 anni ormai il mio orecchio sinistro si tappa in continuazione.
Ho effettuato una prima visita all'otorinolaringoiatra qualche anno fa da due diversi Specialisti, tra cui uno mi ha riferito che questo problema è dovuto al mio setto nasale deviato, mentre l'altro mi ha riferito che il setto nasale non c'entra nulla.
Dal primo Specialista ho eseguito insufflazioni endotimpaniche, esercizi con il palloncino nasale e con l'uso di spray cortisonico senza avere il minimo segno di miglioramento e dato il parere discordante tra i due, ho deciso di non effettuare alcun tipo di operazione, né al setto nasale né all'orecchio e ho continuato a convivere con questo fastidio.
Vi descrivo il momento in cui il disturbo si presenta.
Il disturbo si presenta esclusivamente quando eseguo uno sforzo, ad esempio quando sollevo un peso, anche abbastanza leggero (sotto i 20Kg), quando la mattina mi capita di andare di fretta e quando sono raffreddato.
Escludendo la causa del raffreddamento che porta normalmente ad una occlusione alle orecchie, continuo a chiedermi come mai l'orecchio si tappa quando faccio sforzi o quando vado di fretta.
Ho pensato che quando si sollevano pesi la pressione subisce un aumento naturale e che tale innalzamento porti ad una differenza tra pressione interna del corpo e pressione esterna dell'ambiente portando così all'ovattamento dell'orecchio.
Allo stesso modo ho pensato che quando si va di fretta la pressione interna del corpo subisca un rialzo e che anche in questo caso ci sia una differenza tra interno del corpo ed esterno.
Per poter avere una delucidazione sul caso un paio di anni fa circa ho eseguito una nuova visita dall'otorinolaringoiatra (Rinoscopia) e mi è stato rilasciato il relativo referto.
Mi sono rivolto anche su questo portale ma non ricevetti risposta.
Di seguito vi fornisco il contenuto del referto stesso.


"Il paziente riferisce da circa 8 anni ovattamento auricolare sinistro recidivante che è diventato ultimamente più frequente.
La sintomatologia è risultata resistente anche all'uso di spray cortisonico.

Rinoscopia: deviazione di setto nasale verso destra + ipertrofia turbinato controlaterale.
Membrane timpaniche nei limiti bilateralmente.
Timpanogramma sinistro tipo A con prove di funzionalità negative.
Si consiglia Rino-laringoscopia a fibre ottiche.
"

Ho eseguito anche la Rino-laringoscopia consigliata e anch'essa ha dato esito negativo.
Con lo Specialista inoltre abbiamo parlato anche di operazione tramite palloncino Balloon tramite catetere ma essendo un tipo di operazione non ancora diffusa e sulla quale esistono pareri discordanti, mi è stata sconsigliata.
Sinceramente non so più come risolvere il problema.
Sulla base di quanto esposto, cosa potrei fare?
Grazie anticipatamente per la risposta.
[#1]
Dr. Raffaello Brunori Otorinolaringoiatra, Medico di medicina generale 31,7k 1,1k
Prima di tutto, farei una rinomanometria con test di decongestione dei turbinati per capire l'effettiva capacità della respirazione nasale. Una volta in possesso della risposta, vedremo il da farsi.
Un cordiale saluto

Dr. Raffaello Brunori

Quali argomenti vorresti approfondire su Medicitalia? Partecipa al sondaggio