Rinite ipertrofica e faringite???

Gentili medici è da tempo che riscontro i seguenti sintomi:

Raffreddore cronico con starnuti ripetuti, secrezioni nasali liquide e naso chiuso. (Sintomi presenti soprattutto al mattino, alla sera ed a partire dall’inizio della stagione estiva);
Gola arrossata in conconmitanza con dolore e sensazione di un corpo in gola;
A volte difficoltà nel respirare;
Casi di raucedine;
Rari casi di tosse lieve;
Prurito ed arrossamento degli occhi;
Sindrome da affaticamento cronico...

Circa due settimane fa, preoccupatami della durata più che del fastidio dei sintomi, mi sono recata presso un otorinolaringoiatra a cui ho esposto il mio caso, il quale dopo una visita mi ha diagnosticato una rinite ipertrofica ed una faringite. Mi ha consigliato di assumere i seguenti farmaci il primo per un periodo di otto giorni, il secondo per quindici giorni:

Flomax e Clarityn

Inoltre ho accompagnato il trattamento con antisettici quali Tantum verde colluttorio e nebulizzatore dai quali ho tratto temporaneamente un pò di beneficio.
A parte per gli starnuti che sono abbastanza diminuiti, nonostante la cura non ho riscontrato segni di miglioramento anzi la gola sembra sempre più arrossata ed avverto una strana sensazione di stiramento soprattutto quando protraggo il collo verso l'alto!Quando parlo troppo la gola mi duole ed al mattino è quasi sempre secca; anche l'alito delle volte, nonstante segua un'accurata igiene orale, risulta essere un pò "pesante" e noto una patina bianco-giallastra sulla lingua (da precisare che soffro ogni tanto di reflusso gastro-esofageo). Alcuni di questi sintomi si sono presentati da poche settimane a questa parte nonostante abbia riscontrato un miglioramento nel raffreddore. Così giorni fa ho consultato un medico di fiducia (non specializzato però in otorinolaringoiatria) che mi ha consigliato un altro trattamento a cui mi sto attualmente sottoponendo:

Zitromax e Bentelan da assumere rispettivamente per tre giorni.
Attualmente sono arrivata al 2° giorno di cura ma ancora non riscontro dei risultati favorevoli.
Ora mi chiedo: è questione di tempo o i medici hanno sbagliato la diagnosi? Io sospetto che l'irritazione possa essere dovuta a qualche causa più grave... Ammetto d'essere una persona molto ansiosa ed apprensiva ma a questo punto, dopo quattro mesi di raffreddore ed un mese e mezzo di mal di gola mi chiedo se la causa possa essere quella riscontrata dalla recente visita... Come mai i sintomi persistono da così tanto tempo nonostante la cura antinfiammatoria? Cosa mi consigliate?
Grazie per il tempo e l'attenzione dedicatami.
In fede, una paziente.
[#1]
Dr. Gianluca Capra Otorinolaringoiatra, Foniatra 640 2
avendo una respirazione nasale alterata e difficoltosa la faringite potrebbe proprio derivare sda tale situazione nasale, provi ad utilizzare un cortisonico topico nasale per 1 mese assocuiato all'antiistaminico ed una eventaule fibroscopia nasale e laringea di controllo
cordiali saluti

Gianluca Capra

[#2]
dopo
Utente
Utente
Gentilissimo Dr.Capra,
la ringrazio innanzitutto per la rapidità della Sua risposta! Vorrei approfittare di questo spazio per porle altre domande riguardo il mio caso.... Secondo Lei il rossore ed il bruciore alla gola sarebbero quindi provocati da un problema nasale? Proprio oggi ho terminato l'assunzione di antibiotici e cortisoni (attualmente senza alcun risultato). Mi consiglierebbe eventualmente di interagire da subito con nuovi farmaci? Ha qualche nominativo da consigliarmi? Ho notato comunque che da un pò di tempo i problemi di respirazione si sono alleviati ma persiste ancora il rossore ed il bruciore alla gola, a volte anche lungo trachea ed esofago, accompagnato ogni tanto da fitte passeggere all'interno delle orecchie. Ho inoltre notato che delle volte, quando mi capita di starnutire, poco dopo avverto un pizzichio alla gola; alcune volte si verifica un calo di voce ed avverto anche la presenza di muchi che a volte mi paiono come se sapessero di sangue. (Fin ora non ho mai riscontrato fenomeni di rigetto di sangue, nè tanto meno la sua presenza nella saliva o nel naso) Mi domando più che altro, secondo Lei è normale che dopo tutte queste cure i sintomi non si siano alleviati? Forse non si tratta di faringite? La causa di tali sintomi potrebbe eventualmente anche dipendere dalla presenza di noduli, polipi o addirittura di tumori nonostante la giovane età? Lei cosa ne pensa? Quali sarebbero i sintomi se fossero presenti questi corpi in gola? Mi consiglia di effettuare una fibroscopia... esattamente in cosa consiste? Immagino sia una tecnica invasiva? Circa due/tre settimane fa, come già detto, mi sono recata a visita da un otorino il quale mi ha praticato una laringoscopia "manuale" senza riscontrarmi particolari fattori a parte quelli sopra elencati...
La ringrazio per la disponibilità sperando nuovamente in una sua risposta. A presto.
Cordiali saluti.
[#3]
Dr. Aurelio D'Ecclesia Otorinolaringoiatra, Foniatra 88
Caro utente Le consiglio di indagare in maniera accurata la sua patologia da reflusso gastroesofageo tramite ph-metria esofagea ed eventuale esofagogastroscopia essendo alcune volte una delle cause della raucedine e deglia ltri sintomi correlati. Inoltre per la patologia nasale conviene studiare eventuali allergie ad agenti inalanti e /o ad alimenti!!.
Cordialità
Aurelio d'Ecclesia

aurelio d'ecclesia

[#4]
dopo
Utente
Utente
Gentile Dr. D'ecclesia
La ringrazio per aver riportato il suo parere. In passato ho sostenuto svariate visite gastroenterologiche dalle quali mi è stata diagnosticata una dispepsia similmotoria accompagnata ogni tanto da reflusso. Fatto sta che dopo alcune cure oggi i sintomi si sono alleviati. Si ripresentano soprattutto in periodi di particolare stress psicofisico. Fortunatamente, per il momento, riesco ad attenuarli tramite l'assunzione di Riopan al bisogno. Secondo Lei quindi i fastidi sopra descritti potrebbero dipendere anche da fattori gastroenterologici? Problemi all'esofago potrebbero causare arrossamenti ed irritazione anche alla faringe? Ultimamente non sto avvertendo reflusso. (Nel primo consulto ho voluto precisarlo per una questione di esaustività). La ph-metria come avverrebbe?
Grazie per la Sua risposta e per quella che sarà, se vorrà.
Cordiali saluti.
[#5]
Dr. Morando Morandi Otorinolaringoiatra, Foniatra 372 7
Gentile Utente,
da quello che scrive i Suoi disturbi sembrerebbero ascrivibili ad una problematica di tipo allergico!
Tali disturbi iniziano tipicamente nel naso per interessare poi anche la gola e la congiuntiva. Senza dubbio la patologia da reflusso può concorrere a complicare la situazione ma, allo stato, concentrei l'attenzione sul discorso allergico.Mi tenga informato!
dott. Morandi

dott. M. Morandi

[#6]
dopo
Utente
Utente
Gentile Dr.Morandi,
La ringrazio per il suo consulto. In questo caso Lei come mi consiglierebbe di comportarmi? Stavo pensando di recarmi nuovamente a visita da un otorino perchè per niente soddisfatta della visita precedentemente effettuata e dei risultati delle cure avvenute. Mi consiglia direttamente di effettuare una laringoscopia o basterebbe solamente una semplice visita? Converrebbe che facessi anche le prove allergiche? Secondo Lei è normale che i sintomi persistano da così tanto tempo o mi sto allarmando per nulla?
Grazie anticipatamente.
Cordiali saluti.
[#7]
Dr. Gianluca Capra Otorinolaringoiatra, Foniatra 640 2
forse si sta allarmando un po troppo, si faccia rivalutare dal punto di vista allergico come suggerito dai colleghi e indaghi per il reflusso, vedra che si potrea curare!
[#8]
Dr. Morando Morandi Otorinolaringoiatra, Foniatra 372 7
Gentile signora,
la "semplice" visita specialistica comprende sempre la laringoscopia! Sono pertanto sicuro che sia già stata sottoposta ad un'indagine completa. Il fatto che i disturbi durino così tanto è proprio in accordo con una genesi allergica degli stessi! Le prove allergiche sono pertanto indicate. In ogni caso non vedo nessun motivo di allarme: si tratta di sintomi facilmente risolvibili.
Cordiali saluti.
[#9]
dopo
Utente
Utente
Salve Dr. Morandi. Si, effettivamente ha ragione per quanto riguarda la visita alla quale mi sono sottoposta, ma è proprio a causa dei disturbi che ancora nutro che sto diventando un pò diffidente (quasi paranoica direi!), per questo mi sono permessa di chiedere un parere a voi esperti del settore. In parte mi ha tranquillizzata. La ringrazio per la pazienza e la rapidità della Sua risposta. Le farò sapere come procederà la faccenda più avanti!
Cordiali saluti.
[#10]
dopo
Utente
Utente
Grazie Dr. Capra. Forse avete ragione voi... mi sto allarmando esageratamente! Credo che seguirò il Suo consiglio e quello dei Suoi colleghi. Vi farò sapere se ci saranno altri riscontri.
Grazie nuovamente... A presto.
[#11]
Dr. Alessandro Valieri Otorinolaringoiatra, Medico estetico, Chirurgo plastico 1,1k 9 27
Cara paziente,
l'unico modo per fugare ogni dubbio è la fibroscopia delle alte vie aero digestive. Di secondo livello, riserverei esami specifici come il Prick Test e la Ph-metria.

Dr. ALESSANDRO VALIERI
*Centro Laser Chirurgia Emilia e Romagna*
www.alessandrovalieri.it

[#12]
dopo
Utente
Utente
La ringrazio Dr. Valieri.
Spero di risolvere in breve tempo visto che ho intenzione di sottopormi presto ad una nuova visita OTL. La terrò aggiornata sul decorso. Grazie.
Cordiali saluti.
[#13]
Dr. Alessandro Valieri Otorinolaringoiatra, Medico estetico, Chirurgo plastico 1,1k 9 27
Cara paziente,
i teleconsulti servono più che altro a guidare il paziente sulla giusta strada, non di certo sostituiscono le visite reali. Ci fornisca poi i nuovi elementi maturati.

Ansia: sai riconoscerla? Scoprilo con il nostro test