Utente 637XXX
Gentile dottore, le scrivo riguardo al mio bambino di due mesi. In seguito a valutazione del pediatra ( il bambino era sempre nervoso, aveva subito un rallentamento della crescita) abbiamo effettuato una urocultura ed esame urine al bambino. Esito positivo, con presenza nelle urine di escherichia coli( valore 10.000.000). Subito il medico mi ha prescritto l'antibiotico. Dopo tre gg di somministrazione (2 volte al dì) abbiamo ripetuto gli esami: negativi. Ho adesso terminato i 10 gg di terapia completa con Agumentin e lo somministro solo alla sera. Mi chiedo: il mio bambino dovrà sempre assumere antibiotici per scongiurare la cistite? Tra un po' abbiamo la cistografia per valutare la causa di tale infezione, lei cosa mi può dire, da cosa è determinata questo problema? Alla nascita hanno riscontrato nel bambino una pielectasia al rene sx. Potrebbe essere la causa?
Le pongo solo un ultimo quesito: il bambino è cresciuto fino ad ora di un chilo al mese (alla nascita pesava 3960 gr). Io allatto esclusivamente al seno e mi chiedo quale sia la giusta quantità ch eun neonato allattato al seno debba assumere. Ho provato a fare la doppia pesata (che crea solo ansia) e ho rilevato ch eprende 85/90 gr ogni 3 ore circa. Lei crede che siano pochi? Ho provato persino a dargli un'aggiunta, ma non la vuole. Non piange dopo la poppata e riesce a concedermi almeno 2 ore di sonno al giorno (dormendo tanto la notte).
La ringrazio per l'attenzione e le auguro un buon lavoro.
Cordialmente

[#1]  
142952

Cancellato nel 2018
Il bambino potrebbe essere sottoposto a profilassi antibiotica solo nel caso che la cistografia riveli la presenza di reflusso di urine, cosa tutt'altro che scontata considerando che solo il 15% delle dilatazioni delle vie urinarie diagnosticate prima della nascita correla con un reflusso significativo e che l'episodio di suo figlio sembra più ascrivibile alle basse vie urinarie.
Riguardo la dose di latte se il bambino cresce 1kg al mese e dopo la poppata dorme eviti di fare la doppia pesata.

Cordiali saluti

Giovanni Paci