Utente 920XXX
Buongiorno,

sono la mamma di un bambino di 5 mesi e mezzo che dalla nascita soffre di rge, diagnosticato anche con esame ecografico. la sintomatologia è la seguente: pianti e distacco dal seno durante la poppata, rigurgiti abbondanti anche a distanza di 3 ore dalla poppata, irritabilità, sonno agitato,intere giornate passate con pianti dovuti dal dolore (inarcamento della schiena durante il pianto, ma anche nel sonno). Inizialmente oltre alla terapia posturale è stato utilizzato Gaviscon. Il dosaggio e le modalità sono state prescritte in maniera diversa da 3 medici, chi 0,5 dopo ogni poppata x 6-8 poppate al dì, chi 1 a poppate alterne, chi 2,5 3 volte al giorno. Provate tutte con risultati minimi. é stato poi aggiunto l'omeprazolo mezza capsula la mattina mezz'ora prima della poppata e mezza la sera somministrato con omogeneizzato di mela. dopo 15 giorni l'ho interrotto visti i risultati nulli. al 4° mese il bambino ha smesso di crescere, per cui ho provato il latte antireflusso dopo la poppata al seno. i primi giorni i risultati sono stati buoni, peso riacquistato, il bambino tranquillo di giorno, anche se di notte continuavano i risvegli ogni 2 ore circa; ho interrotto anche il gaviscon visto che non dava più alcun risultato. al 5° mese ho iniziato lo svezzamento, con grande fatica. il bambino non vuole più il latte antireflusso, ha ripreso a crescere, di giorno è tranquillo, ma passate le 21.00 comincia la trafila... si sveglia ogni 2 ore piange rifiuta anche il seno, si graffia il viso si inarca e urla disperato. ho riprovato il gaviscon di sera 2.5 ml ma non ho visto risultati. il latte anti reflusso lo rifiuta. la pediatra mi dice di non riprovare l'omeprazolo, visto che alla fine il problema è solo che non dorme la notte... per lei forse problema poco importante per me non proprio, visto che ci sono già passata con il primo figlio e non abbiamo dormito per 16 mesi... inoltre il bambino ha molta aria e spesso la notte si sveglia anche per questo motivo e preso in braccio fa un ruttino o aria dall'intestino. che fare ancora? aspettare come dice la pediatra e quindi disperarsi e farlo disperare o provare con qualcos'altro?

[#1] dopo  
Dr. Gaetano Pinto

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
0% attualità
20% socialità
NOCERA INFERIORE (SA)
TORRE ANNUNZIATA (NA)

Rank MI+ 68
Iscritto dal 2011
Gentile signora
da quanto lei descrive,trattasi di una malattia da reflusso gastro-esofageo. I provvedimenti da attuare sono:la terapia posturale,ponendo il piccolo in culla sollevando i piedi della testata di 30 gradi, la terapia dietetica somministrando latte addensato con amido di riso. La terapia farmacologica si avvale di antiacidi tipo acido alginico +sodio bicarbonato,antisecretivi come la ranitidina(al di sotto di un anno d'età è sconsigliabile usare gli inibitori di pompa)Se il bimbo si gratta vi può essere associata una allergia alle proteine dellatte vaccino.
Saluti ed auguri
Dr. Gaetano Pinto

[#2] dopo  
Utente 920XXX

Buongiorno Dr Pinto,
prima di tutto la ringrazio per la risposta. L'uso dell'omeprazolo in effetti mi aveva sollevato qualche dubbio, ma visto che 2 pediatri e uno specialista me lo avevano prescritto l'ho provato, ma come dicevo visto gli scarsi risultati l'ho sospeso. Per il primo figlio mi era stato consigliato il noremifa pediatrico, ora non + in commercio, ma sostituibile con il Gastrotuss, associazione di alginato e simeticone. Per la ranitidina mi è stato detto che può dare problemi cardiaci, e la mia pediatria mi dice che utilizzarla ora non ha senso... ma sinceramente non capisco se il suo rifiuto è correlato a possibili effetti collaterali o sia solo dovuto dal fatto che creda debba sopportare la situazione, come per il primo figlio, dato che ha voluto prescrivermi qualcosa solo dopo 1 anno, quando ormai ero allo stremo, sia fisicamente che psicologicamente. Detto questo il piccino rifiuta il biberon, e quindi nonostante provi a dargli il latte addensato non c'è modo di farglielo bere. Ma il bimbo può avere problemi di allergia con il mio latte visto che si tortura anche quando prende solo il mio? la mia alimentazione con proteine del latte vaccino influirebbe sul latte? Premetto che anch'io ho sofferto di intolleranze e probabilmente di reflusso.
Grazie ancora