Utente 156XXX
Salve, mio figlio di 2 anni ha cominciato da una settimana a non fare la cacca tutti i giorni,lui è sempre stato un po' stitico ma ha sempre evacuato anche cacca molto dura con l'aiuto della peretta.Ora è una settimana che gli si formano queste "palle" di feci durissime che ha talmente paura di fare, perchè prova dolore, che stringe più che può e anche se gli faccio la peretta la fa uscire piano piano senza far uscire anche il fecaloma.
ho detto che non la fa tutti i giorni e sta anche 4 giorni senza farla ma tentando di spingere che poi non sono convinta che spinga, diventa tutto rosso ma credo che in realtà lui abbia lo stimolo forte ma stia lì seduto a cercare di trattenerla fino a che non passa lo stimolo.
Dopo pianti diperati e ore(dico veramente ore) che stiamo in bagno spingendo con le gambe sulla pancia,massaggiando la pancia e facendo perette di glicerolo, perette fatte in casa con camomilla e olio e supposte, riesco a far uscire la palla.
oggi dopo due ore al bagno ho fallito, non c'è stato verso di fargliela fare.
ora in questo modo è sempre più traumatizzato ma io più aspetto a fargliela fare più il fecalomi aumentano.
come posso fare, sono disperata!
sta prendendo uno sciroppo ai fichi e manna che non funziona e ora gli sto dando lo sciroppo di vasellina e delle bustine che si chiamano paxabel ma ho paura a dargli tutte queste cose, non vorrei che facciano più danni che altro.vorrei provare il sedastip.
il vasetto nn funziona anzi ha fatto due volte dei fecalomi nel vasetto e ora se gli dico di farci la cacca si mette a piangere, ancora non ha tolto il pannolino, ora non vuole neanche provare a fare la pipì nel vasetto ci si siede solo per gioco.
Mangia tantissime prugne, pere e kiwi. la verdura poca perchè non riesco fargliela mangiare, ma da piccolo anche se mangiava tantissima verdura non cambiava nulla.
Mangia molti formaggi, per il momento ho pensato di eliminarli insieme a pane pizza e dolci.
Beve tantissima acqua.
grazie

[#1] dopo  
Dr. Gaetano Pinto

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
4% attualità
20% socialità
NOCERA INFERIORE (SA)
TORRE ANNUNZIATA (NA)

Rank MI+ 72
Iscritto dal 2011
Gentile signora
bisogna innanzitutto escludere una ragade anale che determina dolore e provoca un blocco durante la defecazione.Se la stipsi è ingravescente si potrebbe sospettare anche un megacolon,ad estrinsecazione tardiva .Questo lo si può' verificare con un'ecografia addome o un clima opaco,il tutto poi di pertinenza del chirurgo pediatra.Se il problema è solo funzionale ,bisogna insistere soprattutto con un maggiore apporto di fibre.Un fecaloma bloccato ,che non progredisce con ripetute perette abbisogna della consulenza chirurgica per una frantumazione manuale
Un cordiale saluto
Dr. Gaetano Pinto

[#2] dopo  
Utente 156XXX

Grazie mille per la sua risposta, ora stiamo provando con tanta frutta e tanta verdura per capire se può migliorare la situazione. e sembra che le feci siano più morbide anche se ancora un po' dure (tipo pongo)

Sangue non ne perde quando fa la cacca, si possono avere ragadi anche senza perdita di sangue?

ora sono un paio di giorni che fa pochissima cacca magari più volte al giorno di consistenza come il pongo. Mi chiedo quindi se riesce a fare questo tipo di cacca non dovrebbe aver formato altri fecalomi dopo l'espulsione dell'ultimo giusto? altrimenti le feci che evacua sarebbero liquide per passare intorno al fecaloma giusto?

però non riesco a capire perchè ne faccia poca alla volta se è più morbida e non si svuoti tutto insieme. vorrei evitare di fargli ulteriori perette, mi chiedo se a lungo andare potrebbero irritare l'intestino?
oppure continuo con quelle di camomilla per farlo diciamo svuotare?

poi se con le fibre non passa allora mi farò prescrivere come dice lei una visita più accurata dalla pediatra.
avevo anche pensato di provare con uno osteopata.

grazie mille
saluti

[#3] dopo  
Dr. Gaetano Pinto

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
4% attualità
20% socialità
NOCERA INFERIORE (SA)
TORRE ANNUNZIATA (NA)

Rank MI+ 72
Iscritto dal 2011
Cara signora
non vedo proprio cosa possa dirle l'osteopata.Lo faccia controllare da un chirurgo pediatra per valutare la eventuale presenza di una anomalia dell'ano,tipo per es. una stenosi (restringimento),che può' giustificare questo ristagno rettale e le feci nastriformi.Le ragadi anali possono anche non manifestarsi con presenza di sangue macroscopico.Per il resto valgono i consigli che già' le ho dato in precedenza
la saluto
Dr. Gaetano Pinto