Utente 101XXX
Salve,
sono una mamma di una bambina di 30 mesi che ha sempre manifestato problemi per andare di corpo.
Speravo che con lo spannolinamento le cose potessero migliorare,se non altro per la posizione più favorevole.
Invece acquisendo maggior controllo degli sfinteri,la piccola ha aumentato il suo potere di trattenere la cacca.
Dopo lunghe sedute sul vasino,che variano tra l'ora e l'ora e mezza,con pianti,e sofferenza, riusciamo ad evaquare con una media di una volta a settimana.
Ovviamente il fattore alimentare è il primo su cui abbiamo cercato di intervenire,già dallo svezzamento non dando mai la crema di riso.Per nostra fortuna la piccola mangia davvero volentieri frutta e verdura,mangia cereali integrali e con fibre tutte le mattine,e beve davvero tanto.
Con la pediatra un paio di mesi fa abbiamo deciso di provare a dare il portolac tutti i giorni,per rendere le feci morbide,in modo che non sentisse dolore e che nel contempo non riuscesse a trattenerla per giorni e giorni...ma in due mesi i risultati non sono arrivati,è vero che le feci sono più morbide,ma la bambina comunque evaqua una volta la settimana e i tempi sono sempre lunghi e sofferti.
Da oggi sempre la pediatra mi ha proposto di provare con paxabel 4gr una bustina al giorno...
mi chiedo può essere solo un fattore psicologico,magari dovuto al fatto che avverte dolore nella defecazione,oppure ci potrebbero essere problemi da altra natura dietro tale stitichezza?
vi ringrazio

[#1] dopo  
Dr. Gaetano Pinto

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
0% attualità
20% socialità
NOCERA INFERIORE (SA)
TORRE ANNUNZIATA (NA)

Rank MI+ 68
Iscritto dal 2011
Gentile signora
la maggior parte dei casi di stipsi è di natura funzionale.C'è comunque una piccola percentuale di casi in cui la stipsi è di natura organica cioè causata da una noxa anatomica.Se le comuni misure antistipsi non sortiscono effetto,bisogna escludere malformazioni ano rettali,ragadi anali e il megacolon .Vedo quindi molto utile una consulenza di chirurgia pediatrica per escludere tali patologie.
un cordiale saluto
Dr. Gaetano Pinto