Utente 263XXX
Salve,
siamo genitori di un bambino di 10 anni che ha il pene con il glande ricurvo verso il basso.
Circa quattro anni fa' è stato operato a seguito di una diagnosi che rilevava una stenosi del meato uretrale, brevita' del frenulo prepuziale, curvatura ventrale mediopeninea e plasica di slittamento del prepuzio secondo Duhamel.
Nella lettera di dimissioni risulta che è stato eseguito un intervento di meatotomia e meatoplastica, sezione del frenulo prepuziale, prova dell'erezione che conferma la curvatura peninea.
Ma a tutt'oggi il glande sembra curvarsi sempre di più.
Ora non sappiamo se è necessario intervenire ancora sul frenulo prepuziale oppure se questo intervento essendo già stato fatto non è più possibile.
Dopo due anni dall'intervento abbiamo fatto una visita pediatrica per capire se era possibile fare qualcosa e il medico ha suggerito un intervento con dei punti di sutura sulla parte superiore della curva in modo da radrizzarlo un pò (non conosciamo il termine medico di questo intervento), ma ci sembra una soluzione che non risolve il problema. Ci rimettiamo al vostro consiglio perchè se il bimbo rimane così abbiamo l'impressione che non potrà avere rapporti da adulto.
Rimanendo in attesa di una vostra risposta cogliamo l'occasione per porgeVi cordiali saluti.

[#1] dopo  
Dr.ssa Paola Scalco

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
20% attualità
20% socialità
CASTELL'ALFERO (AT)
ASTI (AT)

Rank MI+ 88
Iscritto dal 2011
Prenota una visita specialistica
Gentili genitori,
senza nulla togliere al pediatra che ha visitato vostro figlio, penso sarebbe opportuno (se non l'avete già fatto) parlarne anche con un andrologo.
Non molto distante dalla vostra città potreste rivolgervi alla Sezione di Urologia Pediatrica dell'Azienda Ospedaliera di Padova:

http://www.sanita.padova.it/reparti/urologia

Inoltre, la raccomandazione è quella di tener in debito conto anche gli aspetti psicologici legati alla situazione e alla futura vita sessuale del vostro ragazzino.


Saluti.

Dr.ssa Paola Scalco, Psicologa
specialista in Psicoterapia Cognitiva e perfezionata in Sessuologia Clinica
https://www.psicologi-italia.it/psicol

[#2] dopo  
Dr.ssa Paola Scalco

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
20% attualità
20% socialità
CASTELL'ALFERO (AT)
ASTI (AT)

Rank MI+ 88
Iscritto dal 2011
Chiedo scusa, ma non riesco a far funzionare il link....
Dovete cercare nella sezione "Approfondimenti" della scheda del Reparto di Urologia dell'Azienda Ospedaliera di Padova.

Cordialità.
Dr.ssa Paola Scalco, Psicologa
specialista in Psicoterapia Cognitiva e perfezionata in Sessuologia Clinica
https://www.psicologi-italia.it/psicol

[#3] dopo  
Utente 263XXX

Buongiorno Dott.ssa Scalco,
la ringraziamo vivamente per evere risposto al nostro quesito.
Sara' nostra premura procedere come da Lei consigliato. Non avevamo pensato ad un Andrologo perchè ci è stato detto che fino all'eta' di quattordici anni medico competente è il pediatra.
Grazie ancora.

Cordiali saluti.

[#4] dopo  
Dr.ssa Paola Scalco

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
20% attualità
20% socialità
CASTELL'ALFERO (AT)
ASTI (AT)

Rank MI+ 88
Iscritto dal 2011
Magari non è facile trovarne, però ci sono urologi/andrologi che si occupano anche di età pediatrica.
Credo che riferendovi all'Ospedale di Padova, vi potrebbero dare indicazioni in merito.
O se preferite, potete cercare direttamente su questo sito un professionista più vicino a voi: riferendo di questo consulto su MI potreste contattarlo anche solo per richiedere informazioni più dettagliate su come muovervi.
Il link per cercare nella vostra provincia è il seguente:

https://www.medicitalia.it/02it/medici-per-provincia.asp

Vi consiglio di consultare le varie schede personali dei professionisti e scegliere quello più vi pare adeguato alla situazione.

Cordialmente,

Dr.ssa Paola Scalco, Psicologa
specialista in Psicoterapia Cognitiva e perfezionata in Sessuologia Clinica
https://www.psicologi-italia.it/psicol

[#5] dopo  
Dr. Lorenzo Giacchetti

Referente scientifico Referente Scientifico
52% attività
0% attualità
20% socialità
SVIZZERA (CH)

Rank MI+ 72
Iscritto dal 2012
se posso permettermi,
credo che il problema sia di pertinenza di un urolo pediatra, più che di un andrologo.
L'urologo pediatrico è la figura che si interessa di questi problemi
cordiali saluti
Dr. Lorenzo Giacchetti
Specialista in Pediatria - Neonatologia e Patologia Neonatale, Varese.
Capoclinica Pediatria Ospedale di Lugano (Svizzera)

[#6] dopo  
Utente 263XXX

Dott.ssa Scalco,
grazie ancora per la collaborazione.
Ringrazio anche il Dott. Giacchetti per il suo intervento.
Cordiali saluti.