Utente 224XXX
Buongiorno dottori,
vi scrivo per chiedere un vostro cortese parere in merito ad una questione. Siamo i genitori di due gemelli che l'altro giorno hanno compiuto 7 mesi. Abbiamo iniziato con il divezzamento ancora un mese fa circa con la pappa a mezzogiorno e da pochi giorni anche con la pappa alla sera. A metà mattina e metà pomeriggio gli diamo un pò di frutta e pò di latte (materno).
Dopo la pappa della sera, indicativamente verso le 21.30-22, fanno entrambi una poppata al seno nella speranza che alla notte riescano a riposare più a lungo, ma purtroppo non è così...
Spesso si svegliano a mezzanotte, poi alle 02.00 e alle 04.00. Abbiamo notato che i risvegli notturni non sono per fame, ma si addormentano solamente se si attaccano al seno. Ciucciano per un minuto circa e si riaddormentano. Abbiamo provato a dargli il ciuccio, a dargli dell'acqua, ma niente. Solo con il seno materno.
Ora, abbiamo letto tanto sul sonno dei bimbi e ci siamo già fatti una ragione sul perchè un neonato fisiologicamente la notte si sveglia, ma siamo ancora alla ricerca del metodo migliore per cercare di disabituarli al seno di notte per farli dormire ( ...e per dormire noi...) un pò di più.
Tanti sono della teoria che si deve togliere drasticamente il seno alla notte e farli piangere per un pò di notti finchè non si abituano da soli mentre tanti altri sono contrari ad un metodo così "brusco".
Dovendo poi gestirne due contemporaneamente, non vi nascondiamo il nostro disorientamento non avendo risposte certe da parte di nessuno.

Chiediamo, per quanto possibile, a voi un vostro parere su una linea guida da perseguire per arrivare ad avere una qualità di vita "migliore".

Vi ringraziamo e salutiamo

[#1] dopo  
Dr. Lorenzo Giacchetti

Referente scientifico Referente Scientifico
52% attività
0% attualità
20% socialità
SVIZZERA (CH)

Rank MI+ 72
Iscritto dal 2012
Gentile mamma,
A 7 mesi e trattandosi di gemelli se crescono bene, può essere indicato cercare di far abituare le bimbe ad intervalli maggiori anche a costo di doverle far piangere un po'.
Tenga però presente che ogni neonato e' diverso e che non esistono strade uniche e certe.
Si va per tentativi.
Segue oltre ai consigli anche il suo istinto di mamma.
Cordiali saluti
Dr. Lorenzo Giacchetti
Specialista in Pediatria - Neonatologia e Patologia Neonatale, Varese.
Capoclinica Pediatria Ospedale di Lugano (Svizzera)