Utente 707XXX
Sono la mamma di un bimbo di quasi tre anni, e chiacchierando con un'amica sono venuta a sapere che fin da quando suo figlio aveva pochi mesi, usava pulirgli il pene scoprendolo quasi completamente.
Il mio pediatra non mi ha mai detto nulla, a parte naturalmente raccomandarsi per la dovuta igiene, ed io non ho mai pensato di chiedere specificatamente se eseguire questa manovra o meno; inoltre non mi è chiaro il motivo medico per cui doverlo fare.
Ma il dubbio mi rimane e Vi sarei molto grata se poteste chiarirmelo.
Ringrazio anticipatamente.

[#1]  
Dr. Giulio Biagiotti

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
20% attualità
20% socialità
ROMA (RM)
PERUGIA (PG)
JESI (AN)
PORTO SAN GIORGIO (FM)

Rank MI+ 88
Iscritto dal 2007
Prenota una visita specialistica

gentile signora,
spero che quanto segue trovi d'accordo il suo pediatra che potrà chiarirle ulteriormente l'argomento. ( il testo fa parte di un articolo in rete)
cordialmente

Alla nascita il prepuzio ha la caratteristica di essere letteralmente incollato al glande, di essere sovrabbondante e di terminare con un restringimento che lascia libero il solo meato
Non è difficile intuire quali siano le motivazioni biologiche dell’evoluzione in questo senso. Un bambino, per molti mesi dopo la nascita, non ha il controllo degli sfinteri perciò, anche se si ha l’opportunità di cambiarlo molto spesso, i genitali si trovano a stretto contatto con le feci. Inoltre l’ammoniaca presente nelle urine costituisce un ulteriore fattore irritativo, solo in parte controbilanciato dagli oligosaccaridi. Appare quindi evidente che il prepuzio adeso al glande ha la funzione di protezione. La sostanza che, per così dire, permette la perfetta aderenza è il collagene nel quale è possibile ritrovare quantità non trascurabili di lisozima, vero antibiotico ed antivirale naturale.
Il pene, nei tre anni successivi alla nascita, cresce di un paio di centimetri e rimane a queste dimensioni fino alla pubertà. L’adesione del prepuzio al glande si riduce progressivamente, così come si allarga la naturale fimosi, fino a rendere possibile la completa retrazione. Tale processo è estremamente variabile da individuo ad individuo, potendo terminare naturalmente anche poco prima della pubertà.
Dr Giulio Biagiotti
Resp. P.M.A. Praximedica
www.andrologiaonline.net

[#2] dopo  
Utente 707XXX

Spett.le Dott. Biagiotti,
la ringrazio infinitamente della sua risposta così sollecita e chiara.
Alla prima occasione chiederò anche al pediatra, ma mi pare di capire che in sostanza il processo di retrazione è del tutto naturale e progressivo, quindi inutile - se non dannoso - riprodurlo con una manovra.
Ringraziando porgo cordiali saluti

[#3]  
Dr. Giulio Biagiotti

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
20% attualità
20% socialità
ROMA (RM)
PERUGIA (PG)
JESI (AN)
PORTO SAN GIORGIO (FM)

Rank MI+ 88
Iscritto dal 2007
gentile signora,
la sua deduzione è corretta.
capita spesso, nell'esercizio della professione,ascoltare racconti di pazienti traumatizzati inutilmente durante l'infanzia da manovre del genere.
dovrebbe arrivare tra poco in farmacia un sapone dedicato all'igiene dell'apparato genitale del bambino, il nome è Genit bimbo, con una formulazione particolarmente delicata.
cordialità
GB
Dr Giulio Biagiotti
Resp. P.M.A. Praximedica
www.andrologiaonline.net

[#4] dopo  
Utente 707XXX

La ringrazio del suggerimento riguardo al detergente intimo, lo terrò presente, e nuovamente grazie per la sollecitudine nelle risposte.
Porgo cordiali saluti