Utente 262XXX
Dunque sono il papà di un bambino di 29 mesi che aimè parla poco. Le parole che pronuncia sono mamma,papà,pappa,qua,là,di là,si!,no! spesso, più raramente eccolo è perché inoltre imita i versi di un paio di animali o la loro mimica tipo la scimmia.Nel gioco alterna momenti di emulazione nelle faccende domestiche (prende la scopa e spazza, prende dei pentolini e ci mette la pasta dentro, usa dei panni e fa finta di pulire ecc ecc) ad altri che gioca con i propri giochi. Non ha particolari preferenze gioca un po con tutto, palle o macchinette (soprattutto quelle a molla), mestoli che spesso tamburella su pentole o su altri oggetti, mentre con pupazzi o peluche poco o niente. Ha un bellissimo carattere lo considero un esploratore, sorridente, creativo ma credo come tutti i bambini avvolte testardo altre capriccioso. E’ legato molto alla mamma che chiama costantemente per farli vedere quello che fa o per chiedergli cos’è ciò che in quel momento ha in mano. Spesso più volte per lo stesso oggetto ( la madre risponde ovviamente che gli ha già detto cosa è).Per quanto riguarda la sua espressività e le sue capacità psicomotorie secondo me sono idonee alla sua età nel senso che ovviamente “dissente se non è d’accordo” su un rimprovero o viceversa sorride se conquista qualcosa (tipo se riesce a raggiungere qualcosa che si trova su un tavolo come su un mobile) oppure quando vede che preparo la cena viene in cucina e comincia a indicare i fornelli esclamando pappa! Pappa!. Rincorre il cane per tutta casa divertendosi o lanciandogli la palla o viceversa scappa dal cane che puntualmente rincorre il bambino per prendergli la palla.
Usa molto l’azione di indicare con cui secondo me compensa il suo “ritardo” verbale e se non è sufficiente ti prende per mano e ti porta dove ha “covato” qualcosa o e stato interessato da qualcosa. Avvolte batte la mani sulle gambe per indicare al cane di venire, altre batte le manine quando è contento per l’inizio di un cartone animato o quando è felice.Effettua azioni complesse, del tipo metti questo in camera e vai a sederti che è pronta la pappa, o portami le scarpe che sono in bagno, o il telefonino come qualsiasi altra cosa. Se è in salone e lo chiamo per comunicargli che la cena è pronta viene in cucina scansa la sedia dal tavolo e si siede, se citofonano o suonano alla porta chiede chi è e da poco più di una settimana ha imparata a scavalcare le “transenne” del lettino, scendere dallo stesso e venire in camera nostra, alla fine ce lo troviamo sul letto. Si gira se viene chiamato tranne se sta vedendo qualcosa in televisione che attrae la sua attenzione. Le cose che mi preoccupano sono l’attuale incapacità di parlare rispetto alla sua età, avvolte mi chiama mamma (e mai la mamma papà) altre ho l’impressione che dica si perché capisce la forma interrogativa della domanda e non la domanda oppure come ho descritto sopra non si gira se sta guardando un cartone animato.Cosa ne pensate?Il ritardo del linguaggio puo essere riferito a patologie come autismo o altro? Grazie

[#1] dopo  
Dr.ssa Angela Pileci

52% attività
20% attualità
20% socialità
SESTO SAN GIOVANNI (MI)
MONZA (MB)

Rank MI+ 92
Iscritto dal 2009
Gentile Utente,

prima di pensare a ritardo del linguaggio o a sindromi autistiche, sarebbe importante capire che cosa succede in casa. Mi spiego meglio.
Il bimbo viene stimolato ad esprimersi correttamente, oppure lasciate fare, perchè tanto è comprensibile ciò che indica e con tali modalità il piccolo riesce a farsi capire ugualmente?
Sta frequentando il nido o sta a casa? Con chi? Mamma, nonni, altri...?

Io direi in prima battuta, senza stressare troppo il bimbo, sarebbe opportuno che foste voi genitori eventualmente a rivolgervi direttamente ad uno psicologo esperto nel trattamento dei disturbi dell'età evolutiva (non tutti gli psicologi lo sono e ce ne sono anche pochi numericamente in giro), oppure al neuropsichiatra infantile per capire non solo il modo in cui voi state interagendo con il bimbo, ma anche se possono esserci ora componenti d'ansia che non facilitano il vostro compito, perchè spaventati.

L'autismo mi sembra da escludere, almeno da quanto scrive e con tutti i limiti del consulto on line.
Ci sono anche bimbi che sono un po' pigri e che non vengono adeguatamente stimolati o "costretti" ad esprimersi, in quanto il genitori si sintonizza bene con quanto esprime a gesti e quindi la situazione non si sblocca.

A livello sociale frequenta altri bimbi della stessa età (es al parchetto, giochi, ecc...)? Lì che cosa succede?
Dott.ssa Angela Pileci
Psicologa,Psicoterapeuta Cognitivo-Comportamentale
Perfezionata in Sessuologia Clinica