Utente 176XXX
Tutte le sere quando mi sdraio nel letto per dormire, mi sento come se facessi fatica a respirare. E successo,anche se raramente,durante il giorno.
Sono un fumatore e soffro anche di attacchi di ansia. Il mio medico curante mi ha consigliato di fare un Elettrocardiogramma e una visita dall' Otorino, per farmi controllare gola e polmoni. Mi ha anche trovato le tonsille molto gonfie, ma senza placche che però secondo lui non centra niente.
Settimane fa ( la prima volta che mi sono sentito mancare il respiro ), la guardia medica mi ha detto di ricominciare a prendere il Biocalm ( Che usavo, e avevo smesso di usare per gli attacchi d'ansia), e di fare una terapia di aereosol per una settimana (che ho finito), perchè lui mi aveva diagniosticato il Broncospasma.
Poi, sospettando degli attacchi dasma il mio medico curante mi ha prescritto momentaneamente il Foster.
Sinceramente a me questo fatto del respiro mi preoccupa molto. Spero di ricevere al più presto una risposta.

Cordiali saluti,
Loris.

[#1] dopo  
Dr. Vito Di Cosmo

32% attività
16% attualità
16% socialità
ANDRIA (BT)
MARGHERITA DI SAVOIA (BT)

Rank MI+ 64
Iscritto dal 2009
E'INDISPENSABILE CHE LEI STABILISCA SE SI TRATTA DI ASMA OPPURE DI ANSIA(come mi sembra più verosimile). E' quindi INDISPENSABILE che effettui una visita PNEUMOLOGICA con SPIROMETRIA, che va fatta SENZA farmaci anti asmatici in atto! Se si evidenziasse un deficit ostruttivo si potrà effetture il broncodilatatore (come quelo da lei citato) e ripetere la spirometria dopo pochi minuti, per valutare il grado di reversibilità e tentare di fare diagnosi differenziale fra asma e bronchite cronica ostruttiva: per queste patologie, eventualmente la terapia sarebbe semplice (da effetture costantemente). In caso di Spirometria nella norma, sarebbe assai verosimile che si tratti solo di ANSIA e il sol fatto di sapere di non essere asmatico la tranquillizzerebbe moltissimo. In conclusione: o smatico in terapia o solo ANSIOSO ma cosciente di non essere asmatico, l'aiterà a STARE BENE!!!
Intanto, dovesse accaderle un altro epidodio di "fame d'aria", cerchi di soffiare l'aria fino al massimo e vedrà che la successiva inspirazione sarà più facile, profonda, rilassante...
Cordialmente
Dr. Vito Di Cosmo ANDRIA
PNEUMOLOGIA TERRITORIALE Barletta-Andria-Trani
Già Pneumologia e Broncologia Ospedale CSS di S G Rotondo