Utente 196XXX
Buongiorno .
Scrivo per mio fratello che è attualmente ricoverato .
Dopo 10gg di tosse e antibiotici inefficaci una lastra ha rivelato un focolaio polmonare ed è stato ricoverato in ospedale.
Attualmente è stanza di isolamento,da 2 settimane,ma i medici non riescono a risalire alla causa . E' stato sottoposto a radiografia, vari esami del sangue, tac, broncoscopia, test per aids e per tubercolosi . L'unica cosa evidenziata è stata la presenza del focolaio e di caverne, ma a tutti gli altri esami è risultato negativo . Non sono state rilevate cellule tumorali . Non è stato rilevato il bacillo di koch, ne H1N1 .Nessuna emottisi. L'unica evidenza ora è che ha un linfonodo ingrossato all'altezza dello sterno e globuli bianchi bassi.
Ora si parla addirittura di fare un ago asperato per ispezionare il linfonodo, ma io ho paura di tutti questi esami invasivi, che non stanno portando a nulla .
Ha febbre continua che spazia da 37,5 a 39 . Purtroppo i medici stanno avendo un approccio "empirico" provando a somministrare diverse combinazioni di antibiotici sperando che uno di questi funzioni . Il grosso problema di mio fratello è che ha il FAVISMO . Quindi devono andarci cauti . Non riesco però a capacitarmi che dopo 2 settimane di ospedale, 2 radiografie, tac, broncoscopia e diversi prelievi non siano riusciti ad avere nemmeno un orientamento sulla possibile causa .
Il problema è che mio fratello sembra peggiorare . La febbre è stabile, ma l'ultima radiografia ha evidenziato una estensione del focolaio e la tosse è aumentata . Mio fratello ha 22 anni e di buona costituzione ma soffre di favismo . Non ha mai sofferto di problemi polmonari . In casa hanno anche un cane, non so se può avergli trasmesso qualcosa .
Purtroppo mio fratello dopo 2 settimane sembra peggiorare, segno che i vari antibiotici non hanno avuto effetto .
Scrivo per avere un vostro parere, visto che i medici continuano a non sbilanciarsi e la situazione sembra peggiorare .
Ringrazio anticipatamente

[#1] dopo  
Dr. Vito Di Cosmo

32% attività
16% attualità
16% socialità
ANDRIA (BT)
MARGHERITA DI SAVOIA (BT)

Rank MI+ 64
Iscritto dal 2009
Queste situazioni provocano sempre apprensione. Dagli esami effettuati sembrerebbe sia in buone mani... Purtroppo (o per fortuna) neanche con la broncoscopia si è evidenziato il germe causa della febbre: per questo hanno dovuto utilizzare antibiotici, magari a largo spettro, ma non selettivi Infine, la biopsia del linfonodo la farei subito: potrebbe essere utile nella diagnosi e solitamente non comporta rischi importanti.
CORDIALMENTE
Dr. Vito Di Cosmo ANDRIA
PNEUMOLOGIA TERRITORIALE Barletta-Andria-Trani
Già Pneumologia e Broncologia Ospedale CSS di S G Rotondo