Utente 317XXX
Buonasera.
Spero sia la sezione giusta, visto che in questo frangente ancora non ho indagato.
Da circa a partire da Luglio ho avuto una serie di episodi alquanto poco gradevoli, che inizialmente non capivo neanche tanto bene i sintomi, visto che andavo in panico per la paura, e non riuscivo neanche a pensare.
Tutto è iniziato una notte, mentre dormivo beatamente, mi svegliai all'improvviso avendo la sensazione che il cuore si fosse fermato, e non riuscivo a respirare bene. Immediatamente andai in panico, iniziai a tremare, e mi portarono al pronto soccorso.
(Lì mi dissero che era una semplice crisi d'ansia, susseguita da asma dovuta all'ansia -non ricordo bene il termine medico-, ma comunque non avevo nulla, e me ne tornai a casa.)
Dopo una settimana, mi rivenne di nuovo lo stesso attacco con la stessa intensità del primo, seguito da panico, che stavolta ho saputo controllare (dopo 1 ora bloccato a letto però).
Il giorno successivo decisi di andare dal mio medico curante, e lui non ne ha capito molto di questa situazione, ma mi aveva consigliato di andare da un cardiologo e fare anche un analisi della tiroide.
Fatte entrambe, non è risultato un bel niente.
Nel mentre che i giorni passavano i sintomi rimanevano, ma tornavano ogni circa 2 settimane. Poi non mi sono più venuti per diverso tempo, e credevo di esserne uscito, ma, qualche giorno fa ecco che ritornano, e stavolta riesco a capire bene da dove provengono, visto che ormai so che inizia tutto da dei doloretti al torace in cui non riesco a definire bene il punto preciso, ma è comunque al centro (credo verso i bronchi).
Doloretti che poi spariscono, ma mi lasciano quella brutta sensazione di "respiro corto", lievi capogiri, e il tutto passa dopo un'oretta.

Ora però la situazione è che i doloretti stanno comparendo sempre più spesso, ed ieri notte l'ho passata da inferno, non prendevo pace a causa di questi strani doloretti che non sono neanche poi tanto dolorosi, sono tipo micro fitte, ma fastidiose.

Tornato dal medico, mi ha consigliato di provare a fare prima degli screening allergici, e poi con i risultati devo presentarmi da uno pneumologo e farmi fare una spirometria.

Mi hanno sempre detto che potrebbe essere ansia... ma io sinceramente non lo so, e sono convinto che l'ansia mi viene di sicuro se i sintomi continuano... Ci sono stati giorni che ero depressissimo...

Ora la mia paura è la possibile presenza di qualcosa ai polmoni, visto che, è dall'inizio di quest'estate che spesso sono costretto a respirare GAS, proveniente da una caldaia guasta di un vicino che non si sa chi sia... Il GAS entra quasi quotidianamente, avendo le finestre aperte per il caldo, è inevitabile...

Vorrei solo essere tranquillizzato.. visto che gli esami purtroppo hanno una lunga durata di attesa dopo la prenotazione...

-ho dimenticato di dire che sono andato anche da un otorino laringoiatra-

[#1] dopo  
Dr. Chiara Lestuzzi

28% attività
8% attualità
20% socialità
AVIANO (PN)

Rank MI+ 56
Iscritto dal 2012
I disturbi che lei riferisce non sembrano di origine cardiaca.
Le fitte per caso sono più intense quando respira a fondo o quando muove il torace? In tal caso penserei a dolori intercostali. Provi a prendere per qualche giorno un antinfiammatorio e veda come va.
Dr. Chiara Lestuzzi
Cardiologia, Centro di Riferimento Oncologico (CRO), IRCCS, Aviano (PN)