Utente 230XXX
Gentili Signori,

Vi disturbo per meglio capire l'esito di un istologico ad un polpo polmonare che non è risultato essere una neoplasia.
E' stato trovato in una donna di 56 anni, fumatrice.
L'esito è il seguente: "Frammento di mucosa bronchiale con lieve iperplasia dell'epotelio,edema,focali minimi stravasi emorragici e lieve infiltrato flegistico cronico del corion. Non evidenzia neoplasia reperti istologici da valutare nel contesto clinico-strumentale."

Il medico dfi base dice che non si tratta di nulla ma non sa dire altro, spero in un Vs. aiuto perchè si tratta della madre del mio ragazzo che non ha intenzione di andare da uno specialista dal momento che per il medico di base è tutto ok.

Il polpo è stato trovato dopo un controllo a seguito dell'apertura improvvisa di arteria polmonare, a detta dei dottori dovuta al fumo di sigaretta.

Vi ringrazio in anticipio per il prezioso aiuto e porgo i miei migliori saluti.

[#1] dopo  
Dr. Cristiano Cesaro

36% attività
4% attualità
16% socialità
GIUGLIANO IN CAMPANIA (NA)
NAPOLI (NA)

Rank MI+ 56
Iscritto dal 2009
Gentile signora.
Mi dispiace dovere contraddire la sua futura suocera, ed il suo medico di base, ma ritengo che in questi casi, sia sempre utile avere una valutazione specialistica.

1) perché mi ha parlato di un polipetto polmonare, questa definizione anche se tecnicamente non ha grosso significato medico, esprime in ogni caso la presenza di una neoformazione (probabilmente, vado ad interpretazione benigna), che andrebbe valutata da chi ha esperienza in materia.

2) perché sua suocera è fumatrice e quindi predisposta a certe situazioni.

3) sarebbe in ogni caso utile farsi vedere dallo pneumologo in quanto oltre a valutare il discorso di quello che lei chiama polipetto polmonare potrebbe farle fare una spirometria e valutarla clinicamente relativamente ai danni prodotti dal fumo sul suo apparato respiratorio ed approntare eventualmente una terapia preventiva prima che i danni siano troppo gravi.

4) un episodi di sanguinamento dall'apparato respiratorio legato alla lesione spontanea di qualche vaso distrettuale broncopolmonare (non credo dell'arteria polmonare poiché altrimenti staremo parlando di altro), e' sempre indice di un problema latente, che merita a mio avviso una valutazione specialistica.

La convinca a farsi vedere quanto prima da uno specialista e ci faccia sapere

Saluti
Dr. Cristiano Cesaro
Specialista in Malattie Respiratorie e Tisiologia
Pneumologia Interventistica
Azienda Ospedaliera dei Colli Monaldi Napoli