Utente 328XXX

Buongiorno a tutti,
ho 36 anni. Il 1 dicembre 2016 a seguito di febbre e dolore costale dx recandomi in ps mi hanno diagnosticato broncopolmonite basale dx evidenziata da radiografia. Terapia con antibiotici e aerosol. Dopo 3 giorni la febbre era sparita e dopo 3 settimane sono tornato al lavoro. Durante la convalescenza lamentavo dolori alle costole destre all’altezza di metà costato e fastidio sotto le costole (dove si palpa per sentire il fegato per intenderci). I medici attribuivano il dolore alla tosse. Dopo 20 giorni dalla malattia ho rifatto i raggi che mostravano ancora addensamento ma in via di guarigione secondo pneumologo. Mi ha detto di rifare i raggi a fine febbraio. Nel frattempo il dolore costale era presente soprattutto appena sveglio da sdraiato. A volte si irradiava sotto alla scapola destra a volte sotto il costato zona fegato diciamo. Mi era inoltre ritornata la tosse prima secca poi trasformata in produttiva. Il 17 febbraio ho rifatto i raggi che mostravano la pressochè risoluzione dell’addensamento. Alla visita di controllo pneumologica il medico visitandomi e guardando le radiografie (la prima e l’ultima) mi ha detto che ero guarito. La tosse mi era quasi completamente passata e i dolori toracici erano appena presenti. Da una settimana però mi sono ritornati più forti di prima. Adesso ho male soprattutto sotto la scapola di notte e a volte al costato destro. Di notte inoltre mi fa piu male la zona sotto costole/fegato. Ieri sono stato dal medico di base che dopo visita anche a fegato cistifellea (ha misurato anche l'ossigenazione con lo strumentino da mettere nel dito, anche lui è esperto di malattie respiratorie) mi ha detto di non capire da dove arriva il dolore e di provare a prendere spidifen per una settimana 2/die. Se non passa dovrò fare la tac. Ho chiamato anche il pneumologo che mi ha detto che secondo lui si tratta di dolore parietale e non parenchimale/pleura e condivide la terapia del medico di base. Io sono 2 giorni che non dormo dall’ansia. Sono ipocondriaco e assumo citalopram da anni. Ho paura di avere un tumore perché il dolore negli ultimi due giorni e piu forte e perché leggendo dolore scapola costato puo essere sintomo di tumore. Secondo voi da cosa puo dipendere questo dolore? Ci sono altre cause di dolore di questo tipo oltre a quella appena citata? Vi ringrazio

[#1] dopo  
Dr. Francesco Menzella

28% attività
0% attualità
12% socialità
REGGIO EMILIA (RE)

Rank MI+ 40
Iscritto dal 2014
Gentile utente,
i sintomi da lei descritti farebbero pensare ad un dolore di parete di tipo intercostale\muscolare o osseo (infrazioni costali per esempio) ma senza la possibilità di una visita diretta non è possibile fare valutazioni sensate. Se persiste faccia la Tc e poi rivaluti la situazione con il suo pneumologo di fiducia.
Dr. Francesco Menzella