Utente 109XXX
Buon giorno,
pongo un quesito in merito alla condizione di mio padre, 70 anni che gode di buona salute, ma particolarmente "debole" dal punto di vista del polmone dx dove mediamente una volta all'anno gli viene disgnosticato "un piccolo focolaio" per cui è costretto a terapia antibiotica...
...mi chiedo se questo può costituire un suo punto debole e come tale come si può pensare di "prevenire" tale problema?
Una terapia antibiotica (TAVANIC 500mg) è sufficiente a debellare correttamente il focolaio?

Grazie infinite

[#1] dopo  
Dr. Cristiano Cesaro

36% attività
4% attualità
16% socialità
GIUGLIANO IN CAMPANIA (NA)
NAPOLI (NA)

Rank MI+ 56
Iscritto dal 2009
Quella che lei chiama debolezza del polmone dx e' probabilmente associata ad una non fisiologica condizione anatomica e funzionale delle vie aeree centrali e periferiche relativamente in questo caso all'albero bronchiale destro......
L'antibiotico potrebbe anche non bastare....
Il mio consiglio e' quello comq di verificare tale situazione consultando uno specialista pneumologo.......meglio ancora se broncologo..cosi' da capire concretamente....la natura di questi episodi di focolai bronco pneumonici ricorrenti.....e instaurare....
in maniera preventiva curativa...il trattamento corretto per tale patologia
Dr. Cristiano Cesaro
Specialista in Malattie Respiratorie e Tisiologia
Pneumologia Interventistica
Azienda Ospedaliera dei Colli Monaldi Napoli