Mancanza di libido

Da qualche mese sono riuscito a tornare nella mia regione d'origine dopo 8 anni di quotidiano giudiziodisprezzo e anche alcune figuracce e episodi in cui sono stato ridicolizzato da parte degli altri nel lavoro, di solitudine e conseguenti cambiamenti in diversi ambiti della mia vita privata, se prima ero cacciatore ora sono diventato preda, di ogni cosa a partire dal confronto con gli altri alla mancanza della libido, in pratica dopo il primo rapporto sessuale con una ragazza, tralaltro anche di breve durata e spesso anche incompleto, perdo interesse e passo alla prossima, quando ora ho trovato una ragazza che mi piace e che quando non è con me mi manca, ogni giorno sento che non provo attrazione fisica per lei dopo 3 mesi, i rapporti vanno bene ma anche se "funziono" ho molt ansia di non funzionare a livello di erezione perché sento che esteticamente non mi crea più quell effetto che invece mi creava all inizio, sento invece ogni volta che chiacchiero o ho a che fare con altre ragazze, soprattutto se sono grandi di età, sulla 40ina 50ina, ci si guarda in un certo modo o ci si sfiora, sento ribollire il sangue, eccitamento incredibile, mentre nonostante io senta del bene verso questa ragazza non riesco a farmela star bene dal punto di vista diciamo sessuale se non le prime volte, ma come con tutte le ragazze che ho frequentato e ho avuto rapporti, dopo la prima o massimo seconda volta ho perso interesse ma in modo deciso e fermo, lo sento come un grave problema perché non mi piace, io sono in grado di provare sentimenti per una ragazza e lo vedo ora lo sento per questa ragazza, come anche con altre in passato ma ho sempre avuto questo problema rivolto alla sessualità, e mi sono stufato perché mi voglio sistemare, questa vita di continuo cambio di partner si mi soddisfa a livello fisico ma sento il cuore completamente vuoto, sembra tutto fine a se stesso ciò che faccio, premetto che negli 8 anni fuori da casa ho avuto un figlio con una ragazza, siamo stati insieme per 5 anni, con la quale all iniziò ho avuto qualche problema di ansia da prestazione, ogni tanto mi capitava per l ansia una mancanza di erezione, ma col temponcalmatomi si sistemò questo problema, anche se sempre sul chi va là.
poi ci diamo lasciatibe ho sofferto molto, da solo e lontano dalla mia famiglia ij un posto con persone che di me hanno semore pensato male e mi hanno fatto passare per lo zimbello tante tantevolte, diverse volte ho pensato di scappare via lontano dall italia e lasciare tutto, chissa dove, chissa come...inoltre mi sento vittima, mi sento debole, non mi alleno più e non ne ho la minima voglia, non riesco a reagire e ne soffro, e mi fisso, penso che se non ho sempre voglia di fare sesso allora potrei essere omosessuale, se non sono attivo, tutta questa passività nella vita prima o poi me la porterò anche a letto
[#1]
Dr. Matteo Pacini Psichiatra, Psicoterapeuta, Medico delle dipendenze 43.5k 992 248
Può darsi che ci sia una valenza di tipo ansioso, e che quindi dopo la fase della novità (in cui si trova più a suo agio) subentri un disagio da intimità, o una noia e un imbarazzo. Però il suo passato dice anche che in realtà c'è una terza fase in cui la sessualità riprende.
Da quello che dice, in particolare dal timore di essere omosessuale, è possibile che la componente interferente sia di tipo "cerebrale", nel senso di essere troppo preoccupato, avere timori e controllarsi, anche magari sentendosi in dovere di far sesso in condizioni di non voglia, per provare se stesso, o controllandosi quando si ha voglia per rendere al massimo.

Dr.Matteo Pacini
http://www.psichiatriaedipendenze.it
Libri: https://www.amazon.it/s?k=matteo+pacini

[#2]
dopo
Utente
Utente
L ansia c'è e in tanti ambiti della mia vita ma quello che mi colpisce di più è quando quest'ansia diciamo inibisce il mio essere uomo, avere paura del confronto con un altro uomo perché mi sento debole io ho un passato da atleta agonistico di arti marziali,all'inizio era paura delle conseguenze penali rispetto ad una mia possibile reazione ma non reagendo mai sono arrivato ad avere paura del confrontodell altro
[#3]
dopo
Utente
Utente
In quello e nella sessualità, questa incapacità di stazionarmi con una donna,ma doverla sempre cambiare per avere la "novita",non ho nemmeno il coraggio di rimorchiare come si suol dire di persona infatti uso sempre siti di incontro ... cioè non so proprio come fare,ho poi ossessioni di ogni genere, paranoie, a volte credo di aver sviluppato una sorta di schizofrenia in questi anni dovuta alle tante cose che non sono riuscito a superare psicologicamente ed emotivamente
[#4]
Dr. Matteo Pacini Psichiatra, Psicoterapeuta, Medico delle dipendenze 43.5k 992 248
Infatti le sue ossessioni la portano anche a dire che ha dei problemi che non ha, tipo lo stare con una persona a lungo (è capitato) e il rimorchiare (lo sa fare, anche perché dopo l'incontro online ci si incontra, evidentemente gli incontri hanno una loro consumazione come ha raccontato).

Dr.Matteo Pacini
http://www.psichiatriaedipendenze.it
Libri: https://www.amazon.it/s?k=matteo+pacini

[#5]
dopo
Utente
Utente
E che cosa potrei fare dottore, strategie da adottare particolari, quotidianamente per smettere di avere ossessioni in generale ?
[#6]
Dr. Matteo Pacini Psichiatra, Psicoterapeuta, Medico delle dipendenze 43.5k 992 248
Ci sono dei trattamenti per questo. Prima si fa valutare psichiatricamente in maniera completa con una visita, poi chi la valuta vedrà come questi aspetti possono essere gestiti, con che strumento.

Dr.Matteo Pacini
http://www.psichiatriaedipendenze.it
Libri: https://www.amazon.it/s?k=matteo+pacini