Utente 794XXX
BUONGIORNO.MI RIVOLGO A VOI POICHE DA 5 ANNI ORMAI GIRO INUTILMENTE PER MEDICI,SENZA CHE NESSUNO,TROVI RIMEDI AI MIEI PROBLEMI.DA CIRCA 5 ANNI APPUNTO,HO DEI SERISSIMI PROBLEMI,IMPUTABILI A QUALCOSA CHE ABBIA A CHE FARE COL SNC,POICHE MOLTO SPESSO,ANZI,DICIAMO PRATICAMENTE SEMPRE,GIORNO PIU GIORNO MENO,HO SINTOMI DI PARESTESIE E DISESTESIE,INIZIALMENTE A TUTTO L EMICORPO SINISTRO,SENSO DI AVERE ELASTICI AL BRACCIO,PIEDE FREDDO,MUSCOLI RIGIDI,FORTI DOLORI AL RACHIDE DORSALE,TORPORE,PICCOLA PERDITA DI VISTA(0,75)ALL'OCCHIO DESTRO,DOLORI INGUINALI,SEMPRE A SINISTRA,SENSAZIONE DI NON GOVERNARE BENE I MOVIMENTI DEL PIEDE,ECC.....DA QUALCHE SETTIMANA IL TUTTO PARE STIA INIZIANDO ALLA PARTE DESTRA.NEL 2005 I PRIMI SINTOMI SI MANIFESTAVANO ANCHE CON SENSO DI NON POTERMI PIU MUOVERE A CAUSA DI VERTIGINI O SIMILI,POII DOLORI AL POLPACCIO O SOTTO LA PIANTA DEL PIEDE....QUESTI SINTOMI NON HANNO MAI AVUTO REGRESSIONI COMPLETE,DICIAMO CHE IN ALCUNI SPORADICI MOMENTI SI SONO LEGGERMENTE AFFIEVOLITI,MA MAI SCOMPARSI,HO UNA FIGLIA DI 3 ANNI E HO PERSO ANCHE IL MIO LAVORO.
IN QUESTI ANNI HO ESEGUITO PIU DI UNA VISITA NEUROLOGICA,FISIATRICA,ANCHE NEUROPSICHIATRICA,MA TUTTI MI HANNO SOLO RIEMPITO DI ANTIDEPRESSIVI TACCIANDOMI COME DEPRESSO,MA SE QUESTI MEDICINALI NON HANNO MAI AVUTO NESSUN EFFETTO CI SARA'UN MOTIVO.NEL 2007 HO FATTO I POTENZIALI EVOCATI SOMATOSENSORIALI,ESITO NELLA NORMA,NEL 2008 ESEGUITE 2 RMN A RACHIDE CERVICO.DORSALE E LOMBOSACRALE,SENZA LIQUIDO DI CONTRASTO,ESITI DI LIEVI PROTUSIONI DISCALI D-7-D-8 SCOMPARSA DELLA FISIOLOGICA LORDOSI,MA NORMALE IL TRATTO DI SCORRIMENTO MIDOLLARE.HO ESEGUITO ANCHE UN DOPPLER,ANCHE QUESTO TUTTO NORMALE...IO STO SEMPRE PEGGIO,GLI ANTIDEPRESSIVI NON MI HANNO FATTO ASSOLUTAMENTE NULLA,HANNO PROVATO CON LYRICA,CIMBALTA,LAROXIL ECC..MA NIENTE DA FARE...DA UN ANNO PRENDO 40 GOCCE DI VALIUM,MA NIENTE.....ORA SONO QUI,COI MIEI DOLORI ALLA SCHIENA,I MIEI ELASTICI ALLA SPALLA,ALL AVAMBRACCIO AL POLPACCIO SINISTRI,IL SENSO CHE L ALLUCE TIRI VERSO L ALTO,E STRANE SENSAZIONI ANCHE ALLE DITA DELLE MANI....ORMAI HO ACQUISITO LA QUASI CERTEZZA DI AVERE LA SM,MA POSSIBILE CHE NESSUN ESAME DA ME FATTO LO POSSA AVER FATTO SOSPETTARE?MOLTO SPESSO HO ANCHE UN SENSO DI DOLORE DIFFUSO,MUSCOLO SCHELETRICO,MAGARI ALLE DITA DELLE ESTREMITA'O MAGARI I POLSI,LE CAVIGLIE,LE GINOCCHIA....SONO PAZZO IO O LA MEDICINA RISERVA SEMPRE SORPRESE?CHIEDO UN CONSULTO,E MAGARI ANCHE QUALCUNO NELLE MIE CONDIZIONI,MAGARI RISOLTESI A LIETO FINE,GRAZIE. SONO IN TERAPIA CON VALIUM COME MIORILASSANTE 40 GOCCE AL GIORNO,MA NON MI TOGLIE NEPPURE LO STATO ANSIOSO CHE QUESTA SITUAZIONE MI COMPORTA...

[#1]  
Dr. Matteo Pacini

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
ALESSANDRIA (AL)
VIGEVANO (PV)
MILANO (MI)
BRESCIA (BS)
ROMA (RM)
PISA (PI)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Prenota una visita specialistica
Gentile utente,

Lei imputa i problemi al snc, poi rifiuta la diagnosi psichiatrica. Non vorrei fosse un equivoco antidepressivo = depressione, gli antidepressivi sono una categoria commerciale, servono anche malattie diverse dalla depressione, per esempio l'ipocondria.
Lei è giunto alla "quasi certezza" (che è come dire che non lo sa come all'inizio) mentre chi l'ha visitata ha verificato ed escluso quest'ipotesi. Ma poi perché di tutte le malattie esistenti deve selezionare proprio questa e dopo che è esclusa, questo è un atteggiamento particolare, ne converrà. Questi sintomi hanno probabilmente orientato i medici verso la psicofarmacoterapia.

Faccia fare una diagnosi psichiatrica precisa. E' inutile separare le malattie psichiatriche dicendo "sono pazzo" o "mi tacciano di depressione". La sm sarebbe nua diagnosi, la depressione invece è un'offesa ? E comunque la diagnosi psichiatrica è una diagnosi, la sm è un suo pensiero.

Dei farmaci che lei cita non ve ne è nessuno che però sia un classico antiossessivo, ad esempio. Il valium preso in maniera continuativa esaurisce nell'arco di un mese la sua azione, al momento è assuefatto e quindi dovrà poi gradualmente disimpegnarsi da quel farmaco sotto guida medica. Non si capisce se sia un'autoprescrizione.
Dr.Matteo Pacini
http://www.psichiatriaedipendenze.it

[#2] dopo  
Utente 794XXX

Gent.mo Dott.pacini,innanzitutto la ringrazio per la risposta.....ci tenevo a precisare un paio di componenti che forse ho omesso,ovverosia che un neuropsichiatra mi ha visitato piu volte,uno psicologo anche,quindi NON evito assolutamente le diagnosi psichiatriche,anzi,qualsiasi cosa pur di uscire fuori da questa orrenda situazione che mi sta condizionando la vita.fatto questo preambolo volevo dire piuttosto,che,ammesso e non concesso fossero tutti sintomi prettamente neurovegetativi o psicosomatici,cosa preferibile a quelli fisici legati a patologie,cio che non mi spiego e',che nonostante siano stati professori e medici esperti del settore,i miei sintomi,anche dal punto di vista doloroso,non si siano mai affievoliti,nonostante i medicinali sopracitati,questo quindi mi farebbe pensare ad un problema NON psicologico,e mi pare strano che nessun medicinale antidepressivo abbia potuto darmi un po di pace dai sintomi,dopo 5 anni.....parlavo di sm,da perfetto profano poiche i sintomi mi paiono essere molto ma molto simili,ma nessuno per esempio ha mai ritenuto opportuna un emg,ma sentir sempre dire,FATTORE ANSIOGENO,e non riuscire comunque in 5 anni a curare anche in parte il problema,potrebbe anche dire diagnosi non corretta....ora non so....la vita e'condizionata da tutti questi sintomi,e dai dolori,che non so in che misura siano presenti in stati depressivi..ultima cosa riguardo il valium,assolutamente non e'stata un automedicazione,mi era stata prescritta da un fisiatra per TENSION PAIN FEROCE,come miorilassante,2 anni fa,ma gia dal primo giorno nessun effetto,nemmeno un minimodi sonnolenza....non sono tipo da automedicazione,ma come si suol dire non so piu dove andare a parare......magari da un medico che mi facesse fare ulteriori esami,magari piu per escludere che per accertare,ma 5 anni di medicine,sempre prescritte,e nessun risultato,posso garantirLe,e'veramente frustrante...in attesa di suoi consigli porgo cordiali saluti

[#3]  
Dr. Matteo Pacini

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
ALESSANDRIA (AL)
VIGEVANO (PV)
MILANO (MI)
BRESCIA (BS)
ROMA (RM)
PISA (PI)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Gentile utente,

lei ha citato 2 antidepressivi, e bisognerebbe sapere in che dosi. Quindi ne rimangono molti altri.
Il ragionamento che il dolore fa pensare al neurologico piuttosto che allo psichiatrico non è corretto, c'è una semeiotica sia neurologica che psichiatrica per stabilire a cosa il sintomo corrisponde.
"Fattore ansiogeno" non ha significato, se mai "fattore ansioso", che poi significa "fattore neurologico funzionale che si esprime con un disturbo d'ansia associato a sintomi somatici", questo si intende quando si parla di sintomi dovuti a ansia.
Negli stati depressivi e nei disturbi d'ansia i sintomi corporei sono quasi sempre presenti.

Pertanto andrebbe definita la diagnosi in maniera precisa, secondo le categorie su cui i farmaci sono studiati, e quindi valutate le opzioni disponibili.
Dr.Matteo Pacini
http://www.psichiatriaedipendenze.it

[#4] dopo  
Utente 794XXX

cimbalta 60 mg 2 volte al giorno..per piu di un anno.....successivamente lamictal con la posologia crescente,fino a 200 mg pro/die.....del laroxil e liryca non ricordo la posologia..in precedenza efexor 75 rp....tutto almeno per un anno,non tutti assieme,ovviamente....ma come si puo con esattezza scientifica e certa,definire la diagnosi,nel caso in cui,come Lei propenderebbe,dipendesse solo es esclusivamente da ansia,non essendo a disposizione,credo,esami strumentali atti alla misurazione dell ansia stessa?le continuo a scrivere poiche un altro esimio parere male non mi fa,e magari trovo un percorso definitivo e risolutore proprio con lei,chiss...grazie mille..

[#5]  
Dr. Matteo Pacini

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
ALESSANDRIA (AL)
VIGEVANO (PV)
MILANO (MI)
BRESCIA (BS)
ROMA (RM)
PISA (PI)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Gentile utente,

cymbalta 120 mg è una dose adeguata per cymbalta, non vedo il senso di prenderlo per più di un anno in assenza di risultati. Efexor 75 è una dose mediamente insufficiente.
Lamictal è un farmaco per il disturbo bipolare (o per l'epilessia ovviamente, ma presumo lo abbia preso come farmaco psichiatrico).

Questa quesione degli "esami" ricorre spesso, come se negli esami si trovassero chissà quali risposte assolute.
E come se i criteri clinici non fossero corredati da una loro affidabilità e riproducibilità. Molte diagnosi in medicina si fanno sulla base di sintomi (quindi elementi riferiti) e segni (osservati) all'esame clinico, poi alcune possono essere confermate da una misurazione, che tuttavia non è assolutamente precisa e selettiva.

Lo psichiatra si presume faccia diagnosi psichiatriche con i criteri che ha a disposizione, in riferimento alla medicina in generale e alla psichiatria in particolare.

La diagnosi non è chiara, ad esempio il lamictal è un farmaco che non richiama l'ambito dei disturbi d'ansia, se mai i disturbi dell'umore.
Dr.Matteo Pacini
http://www.psichiatriaedipendenze.it

[#6] dopo  
Utente 794XXX

gent.mo dottor Pacini,mi sono rivolto all ambulatorio neurologico qui a genova ed ho prenotato per venerdi p.v. un altra visita da un neuro fisiopatologo,giusto per capire,se dopo 5 anni ed un lungo peregrinare tra gli studi medici,si possa finalmente uscire allo scoperto con una diagnosi PRECISA,sia essa fisica o psicosomatica.....la cosa che piu mi sorprende,e'che comunque in questi anni,di antidepressivi e di benzodiazepine me ne hanno prescritti diversi,ma NESSUNO e'mai stato anche parzialmente efficace,e anche il mio stato di confusione nel quale spesso mi trovo,specie quando parlo e a volte penso poco a cio che dico,mi fa ancor piu pensare a qualcosa di patologia prettamente fisiologica.....credo,e sottolineo ancora la mia ignoranza in campo medico,che comunque,fosse una patologia SOMATICA,ovvero dettata da fattori ansiosi,dopo 5 anni,dopo mille ansiolitici e antidepressivi,almeno i dolori,se non le sensazioni,avrebbero in taluni momenti essersi un po affievoliti,regrediti.....la mia vita sociale,e con una bimba di 3 anni che mi godo poco per il mio malessere,negli ultimi anni,specie l ultimo,ha subito un ulteriore abbassamento della qualita,ed anche i rapporti prettamente personali ed intimi con la miacompagna ne risentono...mi e'capitato ultimamente,che rientrando a casa,ho trovto la mia compagna che mi stava"aspettando",ma io ho avuto un accentuarsi dei miei sintomi,come se rifiutassi quella sensazione"intima"..ora non so cosa aspettarmi dalla visita di venerdi..probabilmente l ennesimo buco nell acqua ho la diagnosi DI ANSIA...ma diamine,se ansia fosse,e sottolineo,MAGARi,allora mi venisse finalmente data cura appropriata...dopo 5 anni forse merito di avere una diagnosi precisa ed adeguata terapia,qualsiasi sia la diagnosi.....ringraziandola porgo distinti saluti

[#7]  
Dr. Matteo Pacini

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
ALESSANDRIA (AL)
VIGEVANO (PV)
MILANO (MI)
BRESCIA (BS)
ROMA (RM)
PISA (PI)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Gentile utente,

Non comprendo esattamente perché, se ha già ricevuta una diagnosi, per quanto non precisa, di tipo psichiatrico sono necessari a questo punto accertamenti di altro genere. Li ha prescritti forse qualcuno ?

Lo specialista di riferimento per le diagnosi di disturbi d'ansia, o dell'umore, o somatoformi è lo psichiatra.

Le cure eseguite comprendono solo 2 antidepressivi, un farmaco di altro tipo (lamictal) e farmaci aspecifici (benzodiazepine). Decisamente poco per pensare che si è provato "di tutto", pertanto non vedo perché si consideri in un vicolo cieco.

I disturbi psichiatrici riguardano il cervello, non vengono dall'ansia, ansia e sintomi vengono dal cervello, e i farmaci agiscono sul cervello. Somatico significa soltanto che è riferito ad una parte del corpo.

Dr.Matteo Pacini
http://www.psichiatriaedipendenze.it

[#8] dopo  
Utente 794XXX

...probabilmente mi continuo a far vedere da specialisti nel campo neurologico perche neuro psichiatri ed anche uno psichiatra,pur avendo abbozzato una loro "possibile"diagnosi,hanno sempre e comunque toppato in pieno la cura...e'ovvio che se fosse un problema psicologico,e se fosse stata trovata una cura,oggi probabilmente starei bene,o semplicemente molto meglio,e non sarei su questo sito,dove comunque trovo medici preparati e molto ma molto pazienti.....e tutto questo aumenta le mie paure sui disturbi fisici.....ed in mancanza di diagnosi e cure specifiche,ed esatte,mi aumenta anche l ansia...che in questi casi non e'certo di aiuto...

[#9]  
Dr. Matteo Pacini

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
ALESSANDRIA (AL)
VIGEVANO (PV)
MILANO (MI)
BRESCIA (BS)
ROMA (RM)
PISA (PI)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Gentile utente,

Come le ho detto ha citato poche cure, per cui comprendo la "confusione" ma scegliere gli accertamenti senza guida genera delle ripetizioni spesso inutili.

Le cure che non funzionano non sono "toppate", possono semplicemente essere indicate ma non efficaci su di Lei.
Dr.Matteo Pacini
http://www.psichiatriaedipendenze.it

[#10] dopo  
Utente 794XXX

eccomi sempre qui.....ovviamente non con buone notizie...tutti i miei sintomi sono rimasti,anzi,il dolore alla schiena rasenta i limiti della sopportazione,oltre il rachide dorsale anche tutta la muscolatura circostante.....i disturbi sono ora nella parte anche destra del corpo....i dolori sempre fortissim ed invalidanti......spesso non riesco nemmeno ad ndare a lavoro...faccio l artigiano,e lo stare fermo in piedi mi devasta a tal punto che spesso devo tornare a casa.....e se il dolore e'stato troppo intenso mi sembra come se mi salisse la febbre....mi sento stremato......nella gamba destra sembra come se un tendine dietro il ginocchio tirasse come per evitare un movimento......ora non credo piu alle sindromi ansiose,perche medicine ne ho prese tante...ora anche 2 mesi di lioresal....senza nessun effetto..........non so piu che cosa fare.....accetto consigli.....

[#11]  
Dr. Matteo Pacini

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
ALESSANDRIA (AL)
VIGEVANO (PV)
MILANO (MI)
BRESCIA (BS)
ROMA (RM)
PISA (PI)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Gentile utente,

Le ripeto semplicemente il commento di prima sulle cure in cui "non crede più" senza averne fatta quasi nessuna:

"Le cure eseguite comprendono solo 2 antidepressivi, un farmaco di altro tipo (lamictal) e farmaci aspecifici (benzodiazepine). Decisamente poco per pensare che si è provato "di tutto", pertanto non vedo perché si consideri in un vicolo cieco."

Quindi "medicine ne ha prese tante" direi di no.

Le ripeto che la diagnosi di ansia non è una diagnosi, perché "ansia" è un sintomo. Faccia specificare a quale disturbo corrisponde, perché in base a questo ha senso prendere decisioni terapeutiche.

Lioresal è un farmaco presumo prescritto nell'ipotesi di spasmi muscolari.
Dr.Matteo Pacini
http://www.psichiatriaedipendenze.it

[#12] dopo  
Utente 794XXX

gent.dottor Pacini....il mioresal mi e'stato dato dal dott Franzini del besta di milano,conosciuto tramite un mio collega,che dopo aver guardato la rmn ha detto che ho 3 vertebre toracche saldate tra loro,non mi ha detto nulla se non "potrebbe essere fibromialgia"...ma mi pare che la fm debba essere vista attraverso la stimolazione dei trigger point o altro.....aggiungo che spesso sento come se la mia pelle faticasse a contenere i miei muscoli,anche se di ipertono muscolare mi pare di non averne assolutamente...inoltre mi capita spesso di provare fastidio solo quando un capo di abbigliamento largo,magari una camicia,mi sfiora il braccio o la gamba,non e'dolore...ma un senso di torpore....ora il mio medico sotto mia insistenza mi ha prescritto nuovamente proprio oggi,rmn cervicale e dorsale,ecodoppler arti e visita neurologica.....mah.....mi pare troppo,ma troppo strano,che l ansia generi dolori cosi forti.puo spiegarmelo con parole intelleggibili ad un profano come me?grazie,lei e'sempre molto disponibile

[#13] dopo  
Utente 794XXX

gent.dottor Pacini....il mioresal mi e'stato dato dal dott Franzini del besta di milano,conosciuto tramite un mio collega,che dopo aver guardato la rmn ha detto che ho 3 vertebre toracche saldate tra loro,non mi ha detto nulla se non "potrebbe essere fibromialgia"...ma mi pare che la fm debba essere vista attraverso la stimolazione dei trigger point o altro.....aggiungo che spesso sento come se la mia pelle faticasse a contenere i miei muscoli,anche se di ipertono muscolare mi pare di non averne assolutamente...inoltre mi capita spesso di provare fastidio solo quando un capo di abbigliamento largo,magari una camicia,mi sfiora il braccio o la gamba,non e'dolore...ma un senso di torpore....ora il mio medico sotto mia insistenza mi ha prescritto nuovamente proprio oggi,rmn cervicale e dorsale,ecodoppler arti e visita neurologica.....mah.....mi pare troppo,ma troppo strano,che l ansia generi dolori cosi forti.puo spiegarmelo con parole intelleggibili ad un profano come me?grazie,lei e'sempre molto disponibile

[#14]  
Dr. Matteo Pacini

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
ALESSANDRIA (AL)
VIGEVANO (PV)
MILANO (MI)
BRESCIA (BS)
ROMA (RM)
PISA (PI)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Gentile utente,

Tra i disturbi psichiatrici sono inclusi fondamentalmente due tipi di situazioni con sintomi "somatoformi" (cioè riferiti al corpo).
a) quando sono presenti sintomi, atipici e variabili sulla base di un'alterazione della percezione degli stimoli, spesso su base ansiosa.
b) quando l'attenzione a determinati parti del corpo o sensazioni è tale da produrre nel tempo la denuncia di sintomi che in realtà poi sono "evanescenti", nel senso che non corrispondono a rilievi e hanno caratteristiche non congrue con le conseguenze che si attenderebbe. In questo caso il problema rientra nella sfera dell'ipocondria/ossessività. Non si tratta in questo caso di un "nulla", ma di un disturbo cerebrale, riguardante il pensiero, che influenza anch'esso la reazione a elementi fisiologici, e si accompagna poi ad ulteriori sintomi ansiosi o corporei.

Non sarebbe strano quindi.

Lei però ha già ricevuto una diagnosi, la cosa strana è questa se mai. Che non stia facendo una terapia per quella diagnosi, purché vaga come abbiamo detto.
Dr.Matteo Pacini
http://www.psichiatriaedipendenze.it

[#15] dopo  
Utente 794XXX

eccomi ancora a lei dottore......i miei dolori fortissimi al rachide dorsale continuano incessanti,a questo si aggiungono altri sintomi ormai familiari,come per esempio il sentirmi tirare dal tallone ,il sentirmi come appeso da 2 ganci ai muscoli elevatori dorsali,spesso mi capita di provare fastidio afli arti,superiori ed inferiori,solo per il semplice contatto con gli abiti.fatico a lavorare,faccio l artigiano e sto molto tempo fermo in piedi oppure porto dei pesi,anche se nno spessissimo....mi fan male anche il bacino.,spesso i polsi,le ginocchia e la parte lombosacrale della schiena.......non so piu dove andare a parare,la mia paura di avere una malattia tipo SM e'sempre piu grande....nemmeno 4mg di sirdalud al giorno per un mese hanno affievolito nulla.....le allego parte dei referti di esami eseguiti settimana scorsa.....
rmn SENZAldc cervico dorsale IN SEDE CERVICALE APPAIONO 2 DISCOPATIE DEGENERATIVO PROTUSIVE C3 C4 C6 C7 A CUI SI ASSOCIANO NOTE OSTEOFITOSI MARGINO SOMATICA .NON EVIDENTI ALTERAZIONI OSTEO STRUTTURALI CANALE RACHIDEO NELLA NORMA,TRATTO MIDOLLO VISIBILE DI VOLUME MORFOLOGIA E SEGNALE REGOLARI.ho eseguito anche eco alla tiroide e eco color doppler arti inferiori con esito negativo......i miei dolori non passano,non so piu a che santo votarmi...chiedo solo un consiglio,tutti mi mangiano soldi per dirmi che somatizzo ma sono sanissimo,io sto sempre peggio,e ho una bimba di 3anni alla quale non dedico mai attenzioni perche sono limitato nei movimenti e spaccato da sintomi e dolori...puo essere sm,o fibromialgia o neuropatia ?a chi rivolgermi ancora?grazie per l attenzione...saluti

[#16]  
Dr. Matteo Pacini

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
ALESSANDRIA (AL)
VIGEVANO (PV)
MILANO (MI)
BRESCIA (BS)
ROMA (RM)
PISA (PI)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Gentile utente,

Se "somatizza" non è sanissimo, visto che è un disturbo medico ben conosciuto. Per cui se la diagnosi è quella, seppur vaga, la faccia definire meglio e provi una cura, o ne provi una diversa visto che alcune ne ha già tentate.

Questo però è già stato detto, inutile ripetere questi cicli di ragionamento.
Dr.Matteo Pacini
http://www.psichiatriaedipendenze.it