Utente 186XXX
Gentili dottori,

ho 28 anni e convivo da tempo immemore con un problema di ansia ed attacchi di panico.
Quattro anni fa mi furono prescritti Zoloft e Prazene e con mia grande sorpresa, nel giro di pochi mesi, la situazione di ansia assurda e di panico mi hanno abbandonata, nel senso che al primo insorgere di timidi sintomi riuscivo perfettamente a "scacciarli".

Per anni non ho più avuto bisogno di un consulto neurologico fino a qualche settimana fa quando a lavoro in un momento molto delicato e di grande concentrazione credo di avere avuto un qualcosa che ho percepito come "crisi ipertensiva", ho iniziato a sentirmi male, sono andata al pronto soccorso in preda ormai all'ansia più totale (mi era impossibile tenere ferme gambe e braccia dai tremori) ed effettivamente la pressione minima (solo la minima) ogni volta che la misuravo tendeva a salire.

Da questo momento in poi ho iniziato a sviluppare una vera e propria ipocondria, temo di avere problemi cardiaci, le analisi del sangue sono risultate nella norma ma comunque farò altri controlli, ho sempre emicrania, senso di ansia costante e generalizzato che talvolta sfocia in panico.
Spesso mi "sento" la pressione alta ma ho un vero e proprio terrore di misurarla.

Non faccio più attività fisica, e questo si ripercuote molto in negativo sul mio umore perchè lo sport è sempre stato uno dei punti fermi nella mia vita, la notte non riesco a dormire più bene, ogni volta che sto per addormentarmi mi sveglio di scatto provando la sensazione come di cadere nel vuoto e temo possa trattarsi di un disturbo cardiaco.

Avverto costantemente un senso di ansia tangibile e pesante sul petto, "salto" letteralmente dallo spavento se suona un telefono o il citofono, e mi ritrovo a misurarmi le pulsazioni una quindicina di volte al giorno (pulsazioni che si aggirano tra i 68 - 78 al minuto tranne durante i casi di attacco di panico).

Il mio medico mi ha consigliato, in attesa di vederci, di iniziare a prendere 0,25mg di Zoloft e 0,50mg di Xanax.
Zoloft lo sto prendendo da 5 giorni poichè come farmaco lo conosco, di Xanax ho paura, temo possa provocarmi effetti collaterali oppure non so nemmeno io che cosa.

Vi sarei immensamente grata se poteste darmi un parere o un aiuto.

[#1]  
Dr. Vassilis Martiadis

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
8% attualità
20% socialità
NAPOLI (NA)
FORMIA (LT)

Rank MI+ 84
Iscritto dal 2007
Prenota una visita specialistica
Gentile utente,
La cosa da fare sarebbe consultare uno specialista in psichiatria. Non condivido le terapie fornite per telefono.
Cordiali saluti
Dott. Vassilis Martiadis
Psichiatra e Psicoterapeuta
www.psichiatranapoli.it

[#2] dopo  
Utente 186XXX

Gentile dottore,

La ringrazio per la pronta risposta;
è ovvio che cercherò di andare a fondo al problema spero al più presto possibile, però quello che vorrei sapere da Lei sulla base delle poche informazioni da me date (so bene che un consulto online lascia il tempo che trova e non Le da modo di fornire un parere a 360 gradi sull'argomento) è un parere medico sulla mia condizione di ansia e se questa può influenzare occasionalmente la pressione minima.





[#3]  
Dr. Vassilis Martiadis

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
8% attualità
20% socialità
NAPOLI (NA)
FORMIA (LT)

Rank MI+ 84
Iscritto dal 2007
Gentile utente,
l'ansia può influenzare la pressione arteriosa, ma non toglie che una persona ansiosa possa essere ipertesa. E' per questo che bisogna affidarsi agli specialisti per differenziare opportunamente le diverse condizioni cliniche, se esistono. L'ansia che lei riferisce deve essere contestualizzata e inserita in una diagnosi e in un progetto terapeutico. Questo può essere fatto solo direttamente. Credo che comprenderà la nostra posizione.
Le auguro un sereno Natale
Dott. Vassilis Martiadis
Psichiatra e Psicoterapeuta
www.psichiatranapoli.it

[#4] dopo  
Utente 186XXX

Gentile dottore,

sto seguendo una terapia a base di 0,25mg di zoloft e 0,50mg di xanax per contrastare forme di ansia generalizzata ed attacchi di panico derivanti da bruschi rialzi pressori di cui non è stato ancora possibile comprendere l'origine.

Dopo un paio di settimane di terapia la pressione appare normale, almeno fino ad oggi gli episodi ipertensivi non si sono più ripetuti e il quadro di forte ansia e crisi di panico è nettamente migliorato.

Vorrei chiederle se è possibile che la pressione alta fosse influenzata solamente dallo stato ansioso e se posso escludere patologie cardiologiche (ho comunque fatto visita cardiologica ecg e eco ma ero intanzionata a ripetere gli esami e a farne di piu accurati).

Infine volevo chiederle se secondo lei posso riprendere l'attività fisica intensa che ho sempre fatto e che questo stato mi ha costretta ad abbandonare.

Ringrazio e porgo cordiali saluti

[#5]  
Dr. Matteo Pacini

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
ALESSANDRIA (AL)
VIGEVANO (PV)
MILANO (MI)
BRESCIA (BS)
ROMA (RM)
PISA (PI)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Gentile utente,

xanax è un farmaco della stessa categoria del prazene che assunse tempo fa.
La terapia richiede qualche settimana per funzionare e la dose di zoloft è al momento mediamente insufficiente.
Le sue preoccupazioni mi sembra ci siano ancora.

Lei riferiva che il medico l'avrebbe vista a breve. Si è fatto visitare ?

Dr.Matteo Pacini
http://www.psichiatriaedipendenze.it

[#6] dopo  
Utente 186XXX

Buonasera dottore,

le mie preoccupazioni al momento sono relative ad una condizione di paura che in determinate situazioni possa ritornare a sentirmi male e che possa avere crisi ipertensive o problemi cardiaci.

Per questo motivo ho limitato di molto la mia vita sociale, ho eliminato il sale dalla mia alimentazione ed ho smesso completamente di praticare l'attività fisica per la quale, da anni e fino a un mese fa, vivevo.

La terapia che sto seguendo (soprattutto da quando ho iniziato a prendere xanax) mi ha comportato dei netti miglioramenti dal punto di vista fisico e per quanto riguarda le crisi di panico che non ho più, ma comunque ansia ed ipocondria restano e non conduco più una vita normale e da persona della mia età.

Non ho ancora ottenuto un appuntamento con il mio medico in quanto questi non è ancora rientrato dalle ferie ma intendo recarmi da lui al più presto.

Posso conoscere il suo parere sulla cosa?




[#7]  
Dr. Matteo Pacini

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
ALESSANDRIA (AL)
VIGEVANO (PV)
MILANO (MI)
BRESCIA (BS)
ROMA (RM)
PISA (PI)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Gentile utente,

La cura ancora non fa effetto e non ha molto senso lasciare la dose a livello inefficace.
Nelle preoccupazioni ansiose l'obiettivo non è commentare l'oggetto della preoccupazione ma impostare una terapia efficace.
Lo stesso dicasi per le cose da escludere o meno. Lo decide un medico dopo averla visitata.
Dr.Matteo Pacini
http://www.psichiatriaedipendenze.it

[#8] dopo  
Utente 186XXX

Gentile dottore,

finalmente sono stata visitata dal medico il quale mi ha diagnosticato una forma di ansia prestazionale e somatizzata e mi ha prescritto 0,50mg di zoloft e 1mg di xanax a rilascio prolungato.

Mi ha detto che devo controllare la pressione in condizioni di calma, posso praticare sport e che tra un paio di settimane ci risentiremo per verificare l' andamento della situazione.

Tra un mesetto circa prevede di togliermi l'ansiolitico ma è tutto da vedere

[#9]  
Dr. Matteo Pacini

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
ALESSANDRIA (AL)
VIGEVANO (PV)
MILANO (MI)
BRESCIA (BS)
ROMA (RM)
PISA (PI)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Gentile utente,

Lo zoloft è per il momento ancora a dose mediamente inefficace, ma può essere corretto che l'aumento sia graduale sulla base della risposta che valuterete insieme.

Dr.Matteo Pacini
http://www.psichiatriaedipendenze.it

[#10] dopo  
Utente 186XXX

Dottore il mio neurologo mi ha detto che tra un paio di settimane vorrebbe sostituire Xanax con Prazene.

Che differenza c'è tra i due farmaci dal punto di vista terapeutico?

[#11]  
Dr. Matteo Pacini

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
ALESSANDRIA (AL)
VIGEVANO (PV)
MILANO (MI)
BRESCIA (BS)
ROMA (RM)
PISA (PI)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Gentile utente,

Nessuna in particolare, tanto più che se è assuefatto ad uno e l'altro è sostituito a dosi equivalenti, l'effetto è nullo.
Non vedo francamente un nesso con il tipo di disturbo.
Dr.Matteo Pacini
http://www.psichiatriaedipendenze.it