Utente 429XXX
La mia storia clinica la conoscete grazie agli altri due articoli che ho scritto...
Ora sto assumendo da circa tre settimane cipralex 1 compressa e da tre giorni tolep 300 mezza compressa, datami come regolatore dell'umore...
Sarà un caso, ma da tre giorni ho il cervello che non fa altro che pensare e i pensieri coinvolgono le cose che ho più care e sono sempre pensieri negativi conditi di dubbi... in più durante l'arco della giornata mi sento in mille modi diversi...
Prima ansioso, poi depresso, poi nervoso, poi apatico e praticamente mai carico e positivo...
Cerco di dare la colpa a quello che ho intorno, ma ogni tanto mi rendo conto che non c'entra niente l'esterno, ma il problema sono io che non riesco a vedere quello che ho di bello in me e negli altri...
La cosa preoccupante è che da tre giorni mi sento come assente...
Ieri sono partito dalla toscana per andare a Roma a vedere Roma inter con amici ed ho passato tutto il viaggio immerso nei miei pensieri assurdi e contraddittori tra di loro ed all'interno dello stadio non riuscivo nemmeno a seguire bene la partita, perché mi rendevo conto che mi isolavo da tutto... Mi scopro come assente... E mi sento come i movimenti un pò rallentati.. Come con meno forze...
Ma che cosa ho?!
Può essere il tolep che mi da questa sensazione di assenza e apatia?
Non riesco ad essere felice e ad apprezzare quello che ho intorno... Eppure non mi manca niente... E allora do la colpa a quello che ho intorno a me... Ma intorno a me ho una ragazza che mi vuole veramente tanto bene e amici che mi stimano... Ma io tendo ad allontanare tutto e tutti...
La psicoterapia quando riesco almeno a rimanere a galla mi aiuta molto, ma quando incappo in queste sensazioni non c'è nulla che mi aiuti...
Devo avere pazienza ed insistere in questa cura ancora per un pò per verificare se è giusta o sbagliata? Ma il cipralex dovrebbe già farsi sentire ormai...
Perché ho un disperato bisogno di stare bene almeno per un pò.... Ho 24 anni e fra una settimana è il mio compleanno, ma mi sento come un bambino indifeso.... Non riesco più a ridere spontaneamente... Sono risucchiato nella voragine dei miei pensieri!

[#1] dopo  
Dr. Vassilis Martiadis

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
20% attualità
20% socialità
NAPOLI (NA)
FORMIA (LT)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2007
Prenota una visita specialistica
Gentile utente,
il dosaggio di tolep che lei assume è molto basso per rendere conto di tanti effetti avversi. Comunque è possibile che la sua tolleranza al farmaco sia più bassa e per questo la invito a parlarne con il suo terapeuta. Per quanto riguarda i tempi per ottenere effetti terapeutici dal cipralex lei è ancora nella finestra di latenza (anche se il cipralex in linea teorica dovrebbe agire un po' prima degli altri ssri). La soluzione più prudente sarebbe quella di aspettare ancora sia per la terapia con il tolep che con il cipralex, ma ripeto , tutto questo è da concordare con il proprio specialista
Cordiali saluti
Dott. Vassilis Martiadis
Psichiatra e Psicoterapeuta
www.psichiatranapoli.it

[#2] dopo  
Dr. Tommaso Vannucchi

Referente scientifico Referente Scientifico
36% attività
16% attualità
16% socialità
PRATO (PO)

Rank MI+ 68
Iscritto dal 2007
Gentile utente
è difficile valutare nello specifico la sua situazione senza averla visitato,comunque premesso ciò le posso dire che alcune sensazioni che sta riferendo lei per quanto riguarda la sensazione di apatia o la sensazione di "sentirsi strani" possono essere riportati come effetti collaterali del Tolep (con il proseguimento della terapia vanno ad attenuarsi)
Cordialmente
Tommaso Vannucchi

[#3] dopo  
Dr. Stefano Garbolino

Referente scientifico Referente Scientifico
36% attività
0% attualità
20% socialità
TORINO (TO)
TORRE PELLICE (TO)
CARAVINO (TO)

Rank MI+ 56
Iscritto dal 2007
Gentile utente,
credo, in accordo con i colleghi, che una corretta valutazione non possa esimere da una valutazione psichiatrica approfondita.
Cordialmente
Cordialmente
www.stefanogarbolino.com

[#4] dopo  
Dr. Claudio Lorenzetti

24% attività
4% attualità
12% socialità
VIGEVANO (PV)
BIENTINA (PI)
LUCCA (LU)

Rank MI+ 40
Iscritto dal 2006
Gentile Utente,
concordo pienamente con quanto detto dai colleghi.
Cordiali saluti.

Dr. Claudio Lorenzetti
Dr. Claudio Lorenzetti

[#5] dopo  
Dr. Gianmaria Zita

24% attività
0% attualità
4% socialità
MILANO (MI)

Rank MI+ 28
Iscritto dal 2005
Gentile utente,
riporto ciò che ho scritto nella nel precedente consulto.
Lo stato d'ansia in cui si versa prima di assumere una terapia non può che far aumentare i dubbi e i timori rispetto agli effetti collaterali dei farmaci, anche se ben comprendo la "necessità" da parte del paziente di leggere i foglietti illustrativi.
Credo che il suo stato di malessere abbia influito negativamente sulla assunzione dei farmaci rendendo intollerabile già 300 mg di Depakin, dosaggio certamente non "massiccio". Allo stesso modo sta compromettendo la sua "fiducia" verso il Tolep e verso tutte le cure che sta effettuando proprio nel modo in cui scredita sè stesso: anche questo è un segno della malattia di cui soffre.
E' molto importante ricordarsi che questi farmaci tardano alcuni giorni a funzionare quindi non si aspetti guarigioni improvvise o al contrario non bolli come "inefficace" una molecola assunta da poco.
Un saluto
dott. Gianmaria Zita

[#6] dopo  
Utente 429XXX

Ringrazio tantissimo per le risposte perché questi giorni non sono facili per me... A volte mi sembra che non guarirò più e rimarrò per sempre in questo stato... Ma so che non sarà così, quindi cerco di pensare positivo.. La mia ragazza mi sta aiutando moltissimo...
La cosa strana è che all'inizio il Cipralex sembrava funzionare senza effetti collaterali, ma in questi giorni, a distanza di tre settimane mi esplode l'ansia la mattina, uno stato di preoccupazione costante e soprattutto non riesco a mangiare... Stamattina ho addirittura vomitato la colazione appena fatta... e dopo l'ansia si è attenuata... In più ho tremore specialmente alle mani...

Devo tenere duro cari dottori?

Aggiungo che per ora mi è stato consigliato dallo psichiatra di provare ad assumere la mezza compressa di tolep una sera si ed una sera no per farla entrare in circolo ancora più lentamente...
E mi è stato prescritto lo Xanax per alleviare l'ansia da prendere solo in casi estremi, ma che io non voglio prendere per via della dipendenza che da e per ora scelgo ancora quest'ansia che mi attanaglia lo stomaco e non mi fa mangiare....
La cosa strana è che prima di sospendere la prima cura durata due anni con sereupin e depakin non avevo mai sofferto di ansia in vita mia...
In più domenica parto per Sharm per una settimana con la mia ragazza e una coppia adulta... Mi consigliate di andare lo stesso? Qua tutti mi dicono di andare ma io non sono sicuro...

Spero solo che un giorno questo incubo passerà...

Ho fatto copia incolla con l'altro articolo per essere più sicuro delle vostre risposte per me utilissime..

[#7] dopo  
Dr. Stefano Garbolino

Referente scientifico Referente Scientifico
36% attività
0% attualità
20% socialità
TORINO (TO)
TORRE PELLICE (TO)
CARAVINO (TO)

Rank MI+ 56
Iscritto dal 2007
Gentile utente,
credo che la necessità di avere un beneficio dal trattamento farmacologico sia l'obiettivo primario nel suo caso. Si consulti pertanto con il suo curante in merito alla possibilità per esempio di effettuare viaggi, vacanze o quant'altro nell'ottica di un rapporto costi/benefici a favore di questi ultimi.
Cordialmente
Cordialmente
www.stefanogarbolino.com