Ansia e depressione lievi

Salve, sono un ragazzo di 25 anni. da alcuni giorni avverto uno stato di ansia, razionalmente pensandoci immotivata, ma che non riesco a controllare del tutto durante la giornata. Inoltre si associa a tristezza, a un senso di inadeguatezza e insicurezza. Mi vengono da pensare situazioni spiacevoli che aumentano l'agitazione, la tachicardia, le palpitazioni. Tutto ciò è per il momento lieve e riesco a gestire la situazione ma mi inizia a limitare la normale vita. Non mi aiuta il fatto di lavorare come infermiere in un ambiente pesante, quale un reparto di psichiatria per malattie mentali gravi e in condizioni assistenziali spesso non facili. Probabilmente il fattore scatenante è questo tipo di insoddisfazione lavorativa che mi pesa. Ora ogni volta che ho un turno da fare mi aumenta la sintomatologia e mi dico: non voglio andarci più! Se avessi un'alternativa lavorativa sicuramente non ci penserei due volte.
In passato per altri motivi ho avuto sintomi simili essendo un soggetto predisposto e su indicazione del neurologo ho utilizzato per bevi periodi Laroxyl a basso dosaggio con benefici.
Pensate che oltre alla mia volontà di superare la situazione che attraverso può essere di sotegno un'integrazione con Armovita plus opercoli cercando di evitare i farmaci? Credo molto nei rimedi naturali in situazioni lievi ma un consiglio specialistico è sempre migliore. Grazie mille .
[#1]
Dr. Francesco Saverio Ruggiero Psichiatra, Psicoterapeuta 41.5k 1k 63
E' sicuro di lavorare in psichiatria?

Su quale base scientifica ritiene di avere un disturbo d'ansia e si rivolge ad un neurologo oppure vuole prodotti non curativi?

https://wa.me/3908251881139
https://www.instagram.com/psychiatrist72/

[#2]
Dr. Stefano Garbolino Psichiatra, Psicoterapeuta, Sessuologo 2.5k 36 2
Gentile utente,

credo sarebbe opportuna una valutazione psichiatrica (e non tanto neurologica).

Cordialmente
www.psichiatriasessuologia.com

[#3]
Attivo dal 2009 al 2013
Ex utente
Si precisamente lavoro in un residuo manicomiale e sicuramente nulla ha a che vedere con i moderni reparti di psichiatria. Ritengo di soffrire d'ansia che si manifesta a periodi per via dell'insorgenza di paure spesso ingiustificate, poi stato di agitazione, tachicardia e palpitazioni, affanno, poi perdita di interessi e sconforto. per cose che dall'esterno possono sembrare stupide. ma un piccolo problema per me diventa grande e viene a mancare la fiducia in me stesso.certo la diagnosi deve essere di un medico,ho citato il neurologo in quanto mi sono recato anni fa a seguito del primo episodio di cefalea con aura e incidentalmente affrontai la cosa.sono consapevole che a distanza su certe cose non si può ricevere aiuto.mi sembra di aver capito che prodotti come quello che ho citato li ritenete inutili.ringrazio comunque per l'attenione.buon lavoro
Ansia

Cos'è l'ansia? Tipologie dei disturbi d'ansia, sintomi fisici, cognitivi e comportamentali, prevenzione, diagnosi e cure possibili con psicoterapia o farmaci.

Leggi tutto