Disturbo post traumatico da stress

Salve ho di 29 anni e nel 2007 dopo un incidente in moto(abbandonato solo sull asfalto!) e a seguito di alcuni di disturbi (palpitazioni, fortissima insonnia forte senso di smarrimento, esaurimento etc) vado da uno psichiatra il quale instaura una terapia per circa due anni (mezza cpr di cipralex da 10mg al mattino e la sera + mezza cpr di rivotril 0,5 mg mattino e sera + mezza cpr lamictal 50mg mattino e sera) dopo 3 mesi circa inizio a trarre beneficio infatti riprendo la mia vita di prima esco , vado in moto riprendo a fare esami e studiare.....a metà del 2008 mi viene ridotta la terapia (mezza cpr cipralex 10 mg la mattina, mezza cpr lamictal 50mg la sera, mezza cpr rivotril0,5 mg la sera) nel frattempo a ottobre 2008 parto per l erasmus e torno dopo 11 mesi nei quali tutto va bene. al ritorno lo pschiatra decide di interrompere la terapia (assumendo a giorni alterni x alcuni mesi) quindi verso dicembre 2009 interrompo, nn mi sembra vero sono fuori! Purtroppo a metà 2010 nel prepare gli ultimi due esami e la tesi riprende l ansia e una fortissima insonnia dormivo 2 ore a notte , tuttavia con grossi sforzi riesco a laurearmi(Odontoiatria). nn riuscendo ad entrare nella specializzazione nella mia città vado fuori, tuttavia dopo 15 gg in seguito al ripresentarsi di TUTTI i sintomi più pianti quotidiani da solo e qualke volta al telefono con mia madre decido di ritornare abbandonando un posto sicuro! ASSURDO per una persona razionale e motivata come! il pensiero di stare 3 anni lontano solo da mia madre e senza un affetto mi ha mandato in crisi, cosa che nn sarebbe mai accaduta se fossi stato in terapia in quanto mi sentivo fortissimo e in grado di girare il mondo! La mia domanda è questa alla luce del verificarsi di questo episodio di disagio e vista l esigenza di doversi spostare x lavorare ho paura che possa di nuovo verificarsi questa situazione, lo so può sembrare assurdo e infantile ma da solo senza amici e senza mia madre mi sento molto vulnerabile ( cosa ke nn è capitata quando ero sotto terapia) quindi secondo voi e consigliabile che riveda lo specialista e riprenda la terapia farmacologica? io ne vorrei uscire ma senza farmaci xchè so che danno una certa dipendenza psichica.......la psicoterapia da sola (che tra l altro nn ho mai fatto xchè lo psichiatra si è limitato SOLO A DARE FARMACI) può essere utile a risolvere questo mio problema??'' Mi consigliate di cambiare specialista (e terapia) per risolvere una volta x sempre il problema?
Grazie anticipatamente x la risposta..............
[#1]
Dr. Francesco Saverio Ruggiero Psichiatra, Psicoterapeuta 41.2k 1k 63
Gentile utente

La problematica che pone può non essere collegata al disturbo precedente ma essere completmente indipendente.

Per ciò che attiene i trattqmenti, essi non danno dipendenza e l'associwzione con la psicoterapia può dare buoni risultati.

Va valutata l'applicbilità della psicoterapia nel suo caso.

https://wa.me/3908251881139
https://www.instagram.com/psychiatrist72/

[#2]
Dr. Stefano Garbolino Psichiatra, Psicoterapeuta, Sessuologo 2.5k 36 2
Gentile utente,

per informazioni in merito alle diverse possibilità di trattamento, se vuole, provi a vedere il sito www.EMDRitalia.it

E ne parli con il suo curante.

Cordialmente
www.psichiatriasessuologia.com

Insonnia

L'insonnia è un disturbo del sonno che comporta difficoltà ad addormentarsi o rimanere addormentati: tipologie, cause, conseguenze, cure e rimedi naturali.

Leggi tutto