Utente 266XXX
Buongiorno, vi scrivo in merito ad una paranoia che purtroppo mi sta assillando in questi giorni. Premettendo che nei rapporti sono sempre stato molto attento e ho sempre indossato il preservativo, avevo comunque paura che succedesse qualcosa e ho sempre vissuto quei momenti con un po di ansia.
Ultimamente capita che, non essendo in questo momento fidanzato, mi masturbi una due volte la settimana. Dopo questo atto mi sento totalmente in colpa con me stesso e sono preso da forti paure, in particolare ho paura che il mio sperma possa infettare o delle mie amiche o addirittura mia madre(58 anni quindi a regola in menopausa e non più capace di fecondare )e quindi vivo con questa paura che nonostante tutto credo infondata. Secondo lei può fecondare dello sperma passato attraverso asciugamani, sapone, doccia, carta igienica? Sono arrivato al punto da lavarmi le mani più volte e da asciugare ogni punto del bagno e degli asciugamani per paura che dello sperma possa rimanere nell'umidità e che qualcuno ne venga a contatto. La prego mi aiuti. Grazie mille

[#1]  
Dr. Giovanni Beretta

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
FIRENZE (FI)
ROMA (RM)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Prenota una visita specialistica
Gentile lettore ,

si fermi, ora senta in diretta il suo medico di fiducia ed eventualmente un bravo psichiatra.

Quello che ci sta raccontando entra in un ambito che non è andrologico.

Si ricordi che lo spermatozoo, presente nel liquido seminale, fuori dai suoi ambiti peculiari, cioè vie seminali maschili e genitali femminili, non ha alcuna possibilità di sopravvivere.

Cordiali saluti.
Giovanni Beretta M.D.
http://www.andrologiamedica.org
http://www.centrodemetra.com

[#2]  
Caro signore,
qui di grave ci sono le sue paure, me lo consenta. Tranquillo per infezioni, ma per ppaure immotivate sarebbe il caso di metterci rimedio.

[#3] dopo  
Utente 266XXX

Buonasera.

Innanzitutto grazie per le vostre immediate risposte.

Sì, mi rendo conto che il problema è più psichiatrico che andrologico, ma mi capitano giorni in cui "il problema" sopra citato ri-emerge nonostante io cerchi di liberarmene. Sono già in contatto con un ottimo psichiatra ,da cui sono andato altre volte per problemi di diversa natura, con cui avrò una visita il giorno 20 di questo mese; cercherò di esporgli la questione in oggetto se persiste.

Cordiali Saluti

[#4]  
Dr. Giovanni Beretta

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
FIRENZE (FI)
ROMA (RM)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Bene, se lo ritiene utile, ci aggiorni.

Ancora cordiali saluti.
Giovanni Beretta M.D.
http://www.andrologiamedica.org
http://www.centrodemetra.com

[#5]  
Bravo. Faccia sapere se vuole.

[#6] dopo  
Utente 266XXX

Buongiorno, scusate ancora per il disturbo.

Purtroppo nonostante cerchi di stare tranquillo, si fanno vivi nella mia testa dei nuovi pensieri che mi tormentano e che vorrei cancellare per stare tranquillo. Ora, so che sembrerà una domanda stupida perché non è mai successo credo niente del genere. Più che gli altri pensieri, ho il pallino fisso che possa succedere qualcosa a mia mamma, che possa venire a contatto per esempio con dello sperma sedendo nella vasca di casa. Al di là di quello che vi ho scritto ora, è mai possibile fecondare una donna di 58 anni? Per quanto surreale, questa cosa mi fa stare male e non riesco a vivere serenamente le mie giornate pensando a studiare ed a divertirmi.

Vi ringrazio ancora e spero di non disturbarvi di nuovo.
Cordiali Saluti

[#7]  
Dr. Giovanni Beretta

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
FIRENZE (FI)
ROMA (RM)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Gentile lettore,

le ricordo che a 58 anni il 100% delle signore non ha più il proprio patrimonio ovocitario e quindi è impossibile una gravidanza se non attraverso la donazione esterna di ovociti (vietata in Italia) e poi l'utilizzo di una tecnica di fecondazione assistita.

Quindi tranquillo ma, senza perdere altro tempo prezioso, risenta il suo medico di fiducia e poi a ruota anche il suo psichiatra.

Ancora cordiali saluti.
Giovanni Beretta M.D.
http://www.andrologiamedica.org
http://www.centrodemetra.com

[#8] dopo  
Utente 266XXX

Gentilissimo Dottore,

Non vorrei risultare indisponente, ma essendo ignorante in materia, c'entra qualcosa la menopausa tardiva?
da quanto ho letto può avvenire anche dopo i 55 anni e su questo forum ho letto di signore che avevano ancora le mestruazioni a 58-59 anni. Mia madre non credo abbia più degli assorbenti in casa anche se tempo fa mi disse che ne teneva ancora due di numero perchè talvolta può succedere che ha piccole perdite.

Dei miei pensieri ne parlai appunto anche con lei che mi ha detto di stare tranquillo perchè gli spermatozoi all'aria muoiono, dicendomi inoltre che non sussistono quei problemi perchè "è come se dicessi che quel muro bianco è nero".

Io continuo ad avere la paura percui forse sarebbe anche un bene parlarne con mia madre.

Grazie ancora

Cordiali Saluti

[#9]  
Dr. Giovanni Beretta

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
FIRENZE (FI)
ROMA (RM)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Stia tranquillo ma, come già detto e senza perdere altro tempo prezioso, risenta il suo medico di fiducia e poi a ruota anche il suo psichiatra.

Ancora cordiali saluti.
Giovanni Beretta M.D.
http://www.andrologiamedica.org
http://www.centrodemetra.com

[#10]  
Dr.ssa Franca Scapellato

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
20% attualità
20% socialità
PARMA (PR)

Rank MI+ 88
Iscritto dal 2007
Buongiorno,
i colleghi hanno fatto bene a spostare in psichiatria il suo quesito.
E' inutile che cerchi rassicurazioni on line o da sua madre: prenda appuntamento da uno specialista in psichiatria, pubblico (ASL) o privato a sua scelta, perché l'unico modo per non tormentarsi più con dubbi assurdi (che pure lei definisce "paranoie") è un'adeguata terapia una volta accertata la diagnosi. Se no il suo futuro è quello di aggiungere ulteriori timori e comportamenti compulsivi (pulizie e altri rituali) che non le permetteranno di vivere serenamente.
Cordiali saluti
Franca Scapellato

[#11] dopo  
Utente 266XXX

Buongiorno, ho parlato con la mia psichiatria che mi ha prescritto una cura che spero dia dei risultati.

In merito alle mie paure recenti però vorrei chiedere un consulto ai dottori di andrologia.
Qualche anno fa, credo ancora non maggiorenne capitò in un albergo in montagna che eiaculai una o più volte nella piscina e ora mi viene la paura non essendo prima ancora cosciente e non avendo una educazione sessuale adeguata che qualche donna o ragazza presente nella seguente piscina possa essere rimasta incinta per colpa mia.

Vi ringrazio ancora, distinti saluti

[#12]  
Dr. Giovanni Beretta

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
FIRENZE (FI)
ROMA (RM)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Gentile lettore,

anche questa è una domanda per il suo "psichiatra"; si rilegga infatti quello che le abbiamo già scritto: "Si ricordi che lo spermatozoo, presente nel liquido seminale, fuori dai suoi ambiti peculiari, cioè vie seminali maschili e genitali femminili, non ha alcuna possibilità di sopravvivere."

Cordiali saluti.

Giovanni Beretta M.D.
http://www.andrologiamedica.org
http://www.centrodemetra.com

[#13] dopo  
Utente 266XXX

Buongiorno Gentilissimi Dottori! Volevo informarvi che in merito ai pensieri di cui sopra il tutto sembra lievemente migliorato. Vi scrivo, in particolare rivolgendomi agli specialisti in Andrologia, in merito ad alcune paure "recenti" nate dal fatto che mi sto frequentando con una ragazza con la quale ho avuto anche rapporti sessuali ma non del tutto completi. Durante del Petting in auto, ho indossato il preservativo per avere un rapporto completo e l'ho indossato quando ancora il Pene non era al massimo dell'erezione, questo perchè spesso mi capita di non avere un'erezione sufficiente per il rapporto ( o a causa delle mie paure o a causa della mezza dose di Zoloft presa al mattino ). Quando l'ho indossato sia io che lei avevamo le mani presumo asciutte ma proprio quando lo stavo indossando ho accidentalmente toccato parte del pene e forse mi sono sporcato con del liquido seminale anche se credo contenesse ormai spermatozoi morti. Le mie paure riguardano soprattutto il fatto che per far riprendere l'erezione mi sono strusciato un pò a lei nella zona Pubica e nonostante indossassi il preservativo ho paura che del liquido seminale(forse presente in piccole dosi all'esterno del preservativo) sia venuto a contatto con la sua vagina.
La seconda paura riguarda il fatto che poco dopo la ho penetrata con le dita che per paura che fossero sporche ho però prima strofinato sul pantalone.
Vorrei inoltre aggiungere che non ho penetrato lei con il preservativo e non sono arrivato all'orgasmo a causa della successiva perdita dell'erezione.

Mi scuso intanto per la lunghezza eccessiva della mia Mail...

Quindi ho dei pensieri riguardo alle paure descritte e altri riguardanti il fatto di non essere riuscito a soddisfarla. Lei stessa mi ha detto che secondo lei "mi faccio troppe paranoie e cerco di indossare subito il preservativo perdendo poi l'erezione, e mi ha detto che secondo lei potrei provare ad "entrare ed uscire" due volte senza e poi mettermi il preservativo per l'"atto finale". Non condivido appieno questa sua scelta sinceramente e glielo ho spiegato.. Vorrei quindi capire se sono io che ho troppa paura di possibile fecondazione con liquido seminale oppure no. Vorrei vivere più serenamente la mia vita sessuale senza sentirmi in colpa ogni volta che faccio l'amore con la mia ragazza per paura di aver sbagliato qualcosa e quindi poi mi faccio prendere dalle paranoie fino a quando non le arrivano le mestruazioni...

Grazie infiite per la vostra disponibilità.

Cordiali Saluti