Utente 228XXX
Il mio medico di base mi ha prescritto una compressa al dì di Deniban. Premetto che mi ha fatto e mi fa molto bene, vorrei sapere quali sono i rischi nel prendere sempre questo medicinale. Io lo sto prendendo da fine febbraio e ora siamo metà maggio inoltrato. Dovrei gradualmente sospendere? Ho provato, sostituendo a giorni alterni il Deniban con i fiori di Bach. Ci stavo riuscendo, pur sentendo la differenza dello stare senza Deniban (me ne accorgo: è un'altra cosa, mi sento meno forte dentro), poi è successo una cosa non piacevole e per una sofferenza ho ripreso il Deniban. La domanda in sintesi è questa: fa male assumere sempre il Deniban? Che rischi comporta? Grazie!

[#1]  
Dr. Matteo Preve

40% attività
8% attualità
16% socialità
CONCESIO (BS)
LIVORNO (LI)

Rank MI+ 64
Iscritto dal 2009
Gentile Utente,
dovrebbe concordare la sospensione farmacologica con il suo psichiatra di riferimento e di conseguenza il suo psichiatra dovrebbe informarla sulla modalitá di sospensione del farmaco.
In generale nessuna terapia fa male a priori. La cosa importante é fare dele visite di controllo per monitorare lo stato di salute e la possibile insorgenza di effetti collaterali. Pertanto le cosiglio di affidarsi al suo medico per una eventuale sospensione e per concordarla nel momento opportuno.
Cordiali saluti.
Dr. Matteo Preve
Specialista in Psichiatria e Psicoterapia Cognitiva

[#2]  
Dr. Stefano Garbolino

Referente scientifico Referente Scientifico
36% attività
8% attualità
20% socialità
TORINO (TO)
TORRE PELLICE (TO)

Rank MI+ 64
Iscritto dal 2007
Gentile utente,

quale diagnosi è stata posta in merito?
Cordialmente
www.psichiatriasessuologia.com

[#3] dopo  
Utente 228XXX

Al Dott. Matteo Preve:
Gentilissimo Dottore, oggi sono stata a parlare con il mio medico di base, che è una dottoressa e che mi aveva prescritto il Deniban. Stavo assumendo il Deniban per motivi di umore che andava su e giù (causato da problemi personali che ora qui sarebbe molto lungo scrivere, problemi riguardanti la mia vita privata, matrimoniale). Dopo un lungo colloquio, la dottoressa (che è una persona splendida, perchè sa ascoltare e capire a fondo) mi ha consigliato di sospendere il Deniban gradualmente, perchè mi sta causando amenorrea, e di rivolgermi ad un medico omeopata per ricevere una terapia che non abbia questi effetti collaterali che purtroppo il Deniban mi ha portato (per due mesi di seguito non ho avuto il ciclo mestruale, tenuto conto che ho 44 anni ed ho sempre avuto un ciclo molto regolare). Lei che ne pensa? La ringrazio dell'attenzione.

Al Dottore Stefano Garbolino:
Gentilissimo Dottore, mi ero rivolta al mio medico di base perchè stavo attraversando un periodo molto difficile per il mio umore. Per mesi ho cercato in tutti i modi con le mie forze di resistere, non volevo prendere medicinali, ma mi svegliavo un giorno molto triste e giù, che non mi andava di fare niente, ed altri giorni che invece mi sentivo normale. Le cause di questo mio malessere sono nell'infelicità della mia vita matrimoniale. Detto questo, chiesi un aiuto farmacologico al mio medico di base, che mi ha prescritto il Deniban, come stabilizzatore dell'umore. Io ne ho tratto un grande giovamento, è il farmaco che fa per me, mi ha fatto stare molto bene, però si è presentato un problema: mi ha causato l'amenorrea e sono due mesi che non ho il ciclo mestruale. Non sapevo che fosse tra gli effetti collaterali, l'ho scoperto perchè mi sono rivolta alla ginecologa e lei mi ha chiesto se prendevo farmaci. Da qui è venuto fuori che potrebbe essere il Deniban (io ho 44 anni e sarebbe ancora presto per la menopausa). La mia dottoressa mi ha detto che devo sospendere gradualmente l'assunzione del Denibane e rivolgermi ad un medico omeopata per una cura senza questi effetti collaterali. Lei che ne pensa? La ringrazio dell'attenzione.

[#4]  
Dr. Matteo Preve

40% attività
8% attualità
16% socialità
CONCESIO (BS)
LIVORNO (LI)

Rank MI+ 64
Iscritto dal 2009
Gentile utente,
esistono anche altri farmaci che possono equilibrare l'umore o migliorare la sintomatologia depressiva e che non creano problemi di amenorrea (l'amenorrea é legata ad un effetto collaterale della sulpriride che incrementa la prolattina e quindi si blocca il normale flusso mestruale).
Nel caso lei necessiti di una terapia appunto deve essere valutato dal cuo medico quale prescriverle.
Cordiali saluti.
Dr. Matteo Preve
Specialista in Psichiatria e Psicoterapia Cognitiva

[#5] dopo  
Utente 228XXX

Gentilissimo Dott. Matteo Preve,
innanzi tutto La ringrazio di cuore per la risposta inviatami. La mia dottoressa mi ha indirizzato verso un medico omeopata, che dovrei tra l'altro cercare io (ma io non ne conosco, dovrei chiedere e prendere informazioni), in quanto lei non mi ha dato un'indicazione precisa, dato che non ne conosce. Prima io le avevo chiesto se era possibile sostituire il Deniban con un altro farmaco che non avesse questo effetto collaterale dell'amenorrea, a questa mia richiesta lei non mi ha prescritto un altro farmaco, ma mi ha parlato dell'omeopatia. Cortesemente Le chiedo di potermi dare un'indicazione di un altro farmaco che può equilibrare l'umore senza creare il problema dell'amenorrea. Ne parlerei eventualmente con la mia dottoressa.
La ringrazio in anticipo e La saluto cordialmente.

[#6]  
Dr. Matteo Preve

40% attività
8% attualità
16% socialità
CONCESIO (BS)
LIVORNO (LI)

Rank MI+ 64
Iscritto dal 2009
Gentile Utente,
È impossibile consigliare un farmaco adatto senza conoscere con precisione delle informazioni che è possibile ottenere solo in sede di visita. Pertanto le consiglio di richiedere direttamente alla sua dottoressa un consiglio in merito secondo la sua sintomatologia.
Cordiali saluti.
Dr. Matteo Preve
Specialista in Psichiatria e Psicoterapia Cognitiva

[#7] dopo  
Utente 228XXX

Gentilissimo Dott. Matteo Preve,
La ringrazio ancora per l'attenzione e la risposta inviatami, con cui concordo pienamente, perchè (non ci avevo pensato) è giusto conoscere a fondo il paziente prima di dare indicazioni farmacologiche.
Un cordiale saluto!