Utente 355XXX
Buonasera,
Giovedi scorso mi sono recato presso una struttura pubblica per una visita psichiatrica. Dopo due anni di oppiacei forti per via di un dolore cronico e pressioni lavorative diventate insostenibil,i il mio organismo ha reagito con forte ansia senso di pericolo imminente costante e un'improvvisa perdita d'interesse anzi l'instaurarsi di un'icapacita' progettuale di base. I sintesi non riuscivo a svolgere più i miei compiti lavorativi. Preciso che nelle ultime giornate lavorative, l'ho capito meglio dopo, ho esperito una vera propria crisi astinenziale per via della rotazione dell'oppiaceo. Ho tentato di tamponare von xanax prescritto da algologo ma niente. Dopo vari consulti per il dolore, la situazione precipita. La netta sensazione che l'organismo avesse perso ogni forma di omeostasi. Dopo acer cercato invano il medico di base e l'algologo,dedecido di sospendere tutti farmaci e di astenermi dal lavoro per rimuovere uno degli elementi "patogeni". Tuttp sembra calmarsi all'improvviso, anche il dolore. Ciò il primo giorno di riposo. Dal secondo in poi è ricominciato il pasticcio, paura di tutto, ogni banale stimolo esterno vissuto come in rischio fatale. Ora sto prendendo 3 gocce di entact da ieri e mi pare che sia tutto peggio. Lo psichiatra.mi ha dato xanax 0.5 a rilascio prolungato per colmare un po' l'effetto iniziale del farmaco.
Avevo già preso questo farmaco alcuni fa ma non ricordo più com'era andatq all'inizio.
La domanda (facilissima :-)) è: Come si fa a sopravvivere a questi sintomi?

Scherzi a parte, dopo tutto sto preambolo, domando se 3 gocce al primo giorno è possibile che si manifesta ciò che riferisco nonostante lo xanax. E quanto potrebbero durare gli effetti indesiderati. Stasera ero tentato di non prendere il farmaco...ma poi, con l'aiuto della SANTA moglie l'ho preso.

Grazie per le eventuali risposte.

[#1]  
Dr. Vassilis Martiadis

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
8% attualità
20% socialità
NAPOLI (NA)
FORMIA (LT)

Rank MI+ 84
Iscritto dal 2007
Prenota una visita specialistica
É possibile che parte dei sintomi siano legati alla sospensione degli oppiacei. L'escitalopram può causare altresì sintomi d'ansia per cui si associa spesso a benzodiazepine. Se i sintomi sono insostenibili occorre valutare con lo specialista la possibilità di modificare il dosaggio dell'ansiolitico.
Cordiali saluti
Dott. Vassilis Martiadis
Psichiatra e Psicoterapeuta
www.psichiatranapoli.it

[#2] dopo  
Utente 355XXX

Grazie infinite per la celerità. In effetti il medico mi ha detto che potrò eventualmente integrare con xanax normale ma non prima di tre giorni di trattamento con xanax a rilascio prolungato. Vediamo domani che succede. È molto molto difficile.

Grazie ancora.

Un saluto

[#3]  
Dr. Vassilis Martiadis

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
8% attualità
20% socialità
NAPOLI (NA)
FORMIA (LT)

Rank MI+ 84
Iscritto dal 2007
In bocca al lupo e, se vuole, ci aggiorni.
Dott. Vassilis Martiadis
Psichiatra e Psicoterapeuta
www.psichiatranapoli.it

[#4] dopo  
Utente 355XXX

Buongiorno,
Ieri sera, riprendo le 3 gocce sapendo che avrei dovuto aumentare di una.
In tarda serata sembrava che l'ansia mi sopraffasse. Poi alla disperata ho preso una cpr di lendormin e dopo un'ora circa ho preso ina specie di sonno. Alle 6 fanali spalancati. Prendo lo xanax da 0.5 RP e dopo un po' mi sento quasi normale. Permane ansia di fondo...totale inappentenza e gambe molli.

Rispetto allo xanax temo di avere capito male il medico. Prima di iniziare con entact assumevo con insuccesso 3 cpr da 0.5. Mi ricordo che mi è stato detto che 0.5 RP eqiivale a 0.5 x 3 di quello normale e comunque di integrare con quest'ultimo in caso di necessità. Mi pare un non senso stechiomerrico, mi sa che ho capito male. Pensavo più logico integrare eventualmente con una cpr da 0.5 Rp e starei comunque sotto la dose totale di prima.

Poi oggi in senso di freddo fastidioso. Farà parre del gioco anche ciò?

Malgrado tutto il buoo che vedo, al momento sono determinato a prendere le 4 gg stasera.

Buona Domenica

[#5]  
Dr. Vassilis Martiadis

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
8% attualità
20% socialità
NAPOLI (NA)
FORMIA (LT)

Rank MI+ 84
Iscritto dal 2007
Generalmente l'escitalopram non viene somministrato la sera a meno che il medico non ravvisi esigenze particolari, proprio per le sue proprietà stimolanti, amplificate agli inizi della terapia. 0,5 mg di xanax a rilascio prolungato non equivalgono a 3 somministrazioni di xanax a rilascio immediato. Su questi due temi occorre discutere con lo specialista di fiducia.
Cordiali saluti
Dott. Vassilis Martiadis
Psichiatra e Psicoterapeuta
www.psichiatranapoli.it

[#6] dopo  
Utente 355XXX

Grazie, infatti a ben guardare sulla ricetta è prescritto a pranzo. Poi a voce mi ha detto di fare vome voglio. È più logico fare a pranzo e così farò. Sullo xanax se non vedo miglioramenti dovrò sentire altri perché nella srruttura a cui mi sono rivolto si può chiamare solo in determinati giorni e orari. Nel caso specifico mercoledì pomeriggio..Se lei fosse più vicino di in migliaio di km sarei venuto da lei.

Grazie ancora.

Un saluto

[#7] dopo  
Utente 355XXX

Rieccomi,

scrivo non certo per ricercare soluzioni ma con una remota speranza di poter far leggere ad altri in futuro che tutto ciò che mi sta capitando sia risolvibile.

Sono arrivato a 5 gocce e, oltre i sintomi descritti in precedenza si è instaurata una fastidiosa dissenteria e una forse prostatite. Appetito sempre assente.

Ieri, quando ho preso lo xanax, ho avuto, penso, nell'immediatezza un attacco di panico. Il corpo che prende fuoco, sudore e un'orrido terrore. Questa mattina uguale, ma con la consapevolezza con poteva essere il farmaco visto che la reazione è stata pressoché immediata. Sono stato tentato più volte di andare al PS ma il senso del pudore ha prevalso.

Lo Psichiatra forse riuscirò a sentirlo nel pomeriggio. Mi sento fisicamente sfinito, ho persino paura ad uscire.

Oggi prenderò nuovamente 5 gocce, non me la sento di aumentare, poi vediamo che dice il medico.

Buona giornata

[#8] dopo  
Utente 355XXX

Buongiorno,

sono riuscito a parlare velocemente con il medico. In verità anche la visita è stata piuttosto sbrigativa. Mi ero recato 5 anni fa in questo posto per problemi analoghi, di entità diversa ma soprattutto con una genesi non proprio simile. Ricordo distintamente che il medico della volta precedente mi ha ascoltato più volte nel giro di qualche settimana. Questa volta non è andata così. Mi sono guardato intorno e in effetti presso il CPS ho visto afferire una moltitudine di persone con problemi ben diversi.

In velocità non sono riuscito a spiegare tutto anche perché la memoria a breve termine noto che funziona male in questo momento. Ad ogni modo mi è stato detto che i momenti di "effervescenza" di norma si riducono nel giro di una settimana. Non sono riuscito a parlare degli altri sintomi...

Comunque, la famigerata effervescenza, quantomeno per quella che mi faceva più paura è stata sostituita da una sorta di nervosismo interno costante.

Anche se, permangono i fastidi in generale, oggi ho preso 6 gocce con lo sforzo di portarmi alla dose terapeutica. Domani comunque mi recherò in una struttura dedicata perché ho dei dubbi, tra cui l'uso ibrido dello xanax ( RP e rilascio immediato) ma soprattutto io avevo chiesto se era possibile dirimere rispetto ad una vera e propria sindrome depressiva ma mi è stato detto che è un po' come il terno al lotto. Io non so, pensavo fosse possibile fare diagnosi in tal senso.

Vediamo domani.

Buona giornata

[#9] dopo  
Utente 355XXX

Eccoci,
ho fatto l'altro consulto. Mi è stato spiegato che la sindrome depressiva si diagnostica e alla fine del colloquio il medico mi ha detto che a suo avviso non sono in questo problema. E' stato confermato un disturbo dell'adattamento di una certa entità, causato dalla somma degli eventi che mi hanno "colpito". Non ultima la rotazione dell'oppioide con uno eccessivamente sotto dosato. Ciò ha generato un vero e proprio insulto a tutta la biochimica del mio povero cervello.

Come pensavo, l'uso "ibrido" dello xanax ha un senso relativo e quindi su quello stiamo agendo.

Si sa, la terapia farmacologica "difende" un po' ma è necessario un'intensa attività psico terapica che farò molto volentieri. Mi porterò alla dose terapeutica nel breve e inizierò l'altra terapia.

Gli effetti collaterali del farmaco stanno scemando e il sonno, anche se necessita ancora di un aiuto è meno disturbato.

Grazie per l'ascolto

Buona giornata

[#10]  
Dr. Vassilis Martiadis

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
8% attualità
20% socialità
NAPOLI (NA)
FORMIA (LT)

Rank MI+ 84
Iscritto dal 2007
Bene. Lieto di leggere che le cose vanno migliorando.
Cordiali saluti
Dott. Vassilis Martiadis
Psichiatra e Psicoterapeuta
www.psichiatranapoli.it